Baci e Abbracci [1999 - P.Virzì]


Baci e abbracci
Un film di Paolo Virzì. Con Edoardo Gabbriellini, Francesco Paolantoni, Massimo Gambacciani, Daniela Morozzi. Piero Gremigni, Giorgio Algranti, Isabella Cecchi, Dario Ballantini
Commedia, durata 106 min. - Italia 1999.

http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=29025&morandini=1
http://www.cinematografo.it/bancadati/consultazione/schedafilm.jsp?codice=35722&completa=si

=======================

Rivisto ieri notte (a distanza di quasi dieci anni dalla prima visione in sala) questo film di Virzì, probabilmente il suo lavoro meno ricordato, nel buon dvd Cecchi Gori che ha come extra un’interessante intervista al regista livornese. Sulla fascetta sono indicati anche i sottotitoli in inglese che in realtà non sono presenti. Questa seconda visione cmq conferma il mio giudizio: si tratta del film più misurato e calibrato di Virzì, sempre in bilico tra tragedia e commedia… peraltro in tempi di crisi come quelli odierni il film è invecchiato benissimo e secondo me potrebbe essere tranquillamente rieditato al cinema con successo. Molti preferiscono a questo film il più fortunato Ovosodo (che apprezzo molto anche io e infatti metto sul secondo gradino nella mia personale classifica di gradimento dei film del regista livornese), ma, imho, questo Baci e Abbracci è molto meno compiaciuto. Ottimo il cast, composto prevalentemente di non professionisti: strepitoso poi il nonno incollato al televisore a vedere i campionati di biliardo. Molto bravo e misurato Francesco Paolantoni. Sicuramente un film da recuperare per chi all’epoca non l’avesse visto.

Io sono certamente fra questi a pari merito con La bella vita (1994) mentre,
del succitato film, rimarchevole la prova degli Amaranto Posse :headache:

Sì… sull’invadenza degli Amaranto Posse (ovvero gli Snaporaz, il gruppo del fratello di Virzì sotto falso nome) all’interno del film ti do ragione (peraltro è una forma di nepotismo deprecabile ma purtroppo abituale nel cinema italiano: adesso vedremo se anche la Ramazzotti comincerà ad apparire in ogni film del regista livornese :D), tuttavia penso che sia l’unico squilibrio di un film cmq godibile che affronta col giusto tono un argomento abbastanza delicato…

Quando lo vidi non avevo ancora finito di vedere i suoi film, ma è diventato subito il mio virzì preferito! Perchè mi piace l’atmosfera natalizia e ho sempre avuto un debole per le storie con l’unità di tempo e di luogo e per i film corali alla altman, diciamo! E poi il dialetto toscano certe volte fa troppo ride! Tipo all’inizio nella scena con ballantini che fa l’inviato del programma che dice che il padre può rimanere perchè è una nota di colore!! :smiley:

“Hai sentito babbo? Puoi rimanere, sei una nota di 'olore!”
“Mavvaffanculo vu quanti vu’ siehe! 'ccidenti avvoi e a chi vi c’hammesso!!”

Mi sembra che diceva così più o meno! :D:D:D

Oppure quando,sempre all’inizio, lo struzzo si magna il cellulare e quello lo insegue urlando: “Che mattinataaaaa!! CAZZOOOOOO!!!”

Il dvd della cecchi gori non l’ho mai visto ma non c’hanno mai abituati a dvd memorabili, specie per film simili! Io c’ho quello di ovosodo e c’era solo qualche intervista e il trailer, mi sembra…

Comunque sti cazzi!!! Film consigliatissimo!!!