Bagliori nel Buio (Robert Lieberman, 1993)

http://www.imdb.com/title/tt0106912/

Visto al cinema quando uscì mi fece un certo effetto e mi sembrò una gran cosa. Rivisto anni dopo in dvd rimasi sorpreso da come il film non mi sembrasse proprio niente di che. Ispirato ad un fatto di cronaca (il vero Travis Walton fa anche un cameo) si narra del rapimento alieno di un boscaiolo dell’Arizona. Il film secondo me soffre di una cesura troppo netta tra ciò che succede negli ultimi 20 minuti e tutto il resto; troppo forte e potente nel primo caso, troppo scialbo e ordinario in tutta la prima parte. Il finale è riservato al povero Cristo e al suo contatto con gli alieni, mentre prima, per circa 90 minuti, il film mostra cosa accade ai boscaioli che erano con lui al momento del rapimento (sospettati di aver fatto sparire l’amico). La sceneggiatura è terribilmente sbilanciata, se il film fosse stato teso e angosciante come è sul finale sarabbe stato un capolavoro. Capisco che la parte con gli alieni è fisiologicamente più “interessante” e adrenalinica, ma tutti i fatti che parallelamente avvengono sulla Terra mentre lui è lassù potevano comunque essere resi in qualche modo più accattivanti, o perlomeno si poteva cercare di far procedere le due sezioni in parallelo, per non creare uno stacco così netto e controproducente all’economia del film. I dialoghi non sono granché e grossomodo per quasi 3/4 di storia sembra di star guardando una puntata di Walker Texas Ranger, mentre sul finale improvvisamente il film decolla e ti spara in un clima veramente disturbante e opprimente. Bravo il protagonista D.B. Sweeney, non male gli effetti speciali.

Non lo ricordo eccezionale ma angosciante e ben fatto sì. Fra l’altro, una mia amica giornalista ha conosciuto e intervistato il reale protagonista della vicenda che ha ispirato libro e film; dice che è realmente traumatizzato, qualunque cosa gli sia successa davvero gli ha segnato la vita. Nel corso di una conferenza avevano proiettato questo film e lui si era sentito male visionandolo.