Black Shampoo (G Clark, 1976)

Blaxploitation su un parrucchiere che oltre ai capelli fornisce prestazioni sessuali alle clienti. Inutile dire che tutte le donne (e pure le loro figlie), specie le bianche, spasimano per lui. Meglio se facoltose. Lui è innamorato di una sua dipendente dal passato oscuro, che viene ricattata da un ricco mafiosazzo bianco che in passato la usava come donna oggetto. Il nostro eroe dovrà vedersela col malvagio e i suoi sgherri per liberare una volta per tutte il suo amore

Il film punta molto sull’erotismo, ma non mancano i siparietti comici dati dal clichè dei parrucchieri gay, su cui si costruiscono svariate gag.
Azione ridotta all’osso, ma che ci regala un bel finale anche abbastanza sanguinolento. Vi dico solo che entra in scena pure una motosega
Buon film. Da recuperare

4 Mi Piace

L’idea di fondo è carina, si basa sullo stereotipo del nigga big bamboo a cui le sgallettate bianche non possono resistere, con tutta la serie di siparietti eroticomici che ne derivano. Poi purtroppo attaccata a questa impalcatura non è che che ci sia molta altra polpa, la trama è esile e in certi frangenti si vaga un po’ a vuoto, con inquadrature prolungate e poco significative, buttate lì giusto per allungare un po’ il minutaggio.

Come già segnalato da @Manzotin il finale bello truculento, per quanto fulmineo, ci risveglia impetuosamente dal torpore nel quale eravamo scivolati durante la parte centrale del film.

Una pellicola tutto sommato piacevole e divertente, anche se non molto significativa. Godibile ma dimenticabile.

1 Mi Piace

Interessante! In italiano presumo non esista…

1 Mi Piace

Credo proprio che non sia mai stato doppiato in italiano, io l’ho recuperato in lingua inglese con sub anche loro in inglese.