Candido Erotico [1978-C.De Molinis]

http://www.cinematografo.it/pls/cinematografo/consultazione.redirect?sch=16238


[SIZE=6]Candido erotico
[/SIZE] Un film di Claudio De Molinis.
Genere Erotico, colore 85 minuti.
Produzione Italia 1978.
Con:
Mircha Carven…Carlo
Lilli Carati…Charlotte
María Baxa…Veronique
Marco Guglielmi…Paul
Ajita Wilson
Fernando Cerulli
Carlos Alberto Valles
Filippo Perego
Pio di Savoia

Trama [i]Il giovane Carlo, emigrato da Rovigo in un paese del Nord Europa, si esibisce come stallone nei “nights”. Poichè ha bisogno di molti soldi, inoltre, accetta di vendersi, di quando in quando, anche ai viziosi coniugi Paul e Veronica. Un giorno, però, si innamora, ricambiato, della loro figliola Charlotte. Pianta il “mestiere” e sposa la ragazza, ma con lei, poichè la propria virilità si manifesta ormai soltanto in presenza di un pubblico, è impotente. Charlotte gli si offre davanti ai clienti di un “night”, poi lo abbandona per sempre.

====================================================
[/i]
Vista stasera questa pellicola di 30 anni fa con una stupenda Lilli Carati nel discreto dvd edito dalla Alan Young. Alla fine l’unico motivo di interesse del film risultano essere proprio le grazie della protagonista. Infatti, per quanto i blocchi psicologici possano essere di ogni tipo, sembra francamente assurdo che il protagonista del film non si ecciti alla sola vista di Lilli Carati! :rolleyes: Per il resto… la regia è abbastanza piatta: il film sarebbe potuto durare almeno 20 minuti di meno se i momenti ‘romantici’, a volte estenuanti, fossero stati più brevi. La musica di Nico Fidenco parte con una canzone (ufficialmente cantata -in inglese- dall’attore principale…ma secondo me era Fidenco a cantare) che richiama il tema portante di Un uomo di marciapiede, ma d’altronde uno dei titoli del film per il mercato estero era A Man for Sale, come peraltro si evince dai titoli in inglese della pellicola usata per il dvd, quindi il richiamo è sicuramente voluto. Anche il resto della colonna sonora è da sbadigli e ogni nota sembra richiamare canzoni famose di altra origine (non strettamente cinematografica). Originali le location danesi (tutti gli esterni del film sono stati girati a Copenhagen, città dove il film è ambientato), ovviamente più da cartolina quelle romane. Un film alla resa dei conti del tutto trascurabile, dato che anche i momenti più erotici sono assai poco erotici. In definitiva mi sento di consigliare la visione solo ai fan della bella attrice varesina. Particina per Ajita Wilson, che in questo film sembra ancora più ‘trav’ del solito.
Riguardo il dvd della Alan Young… il master (con i titoli in inglese) è buono, privo di spuntinature e tagli, anche se i colori risultano un po’ sbiaditi e nelle scene più buie a volte (non sempre) emerge una fastidiosissima grana. Oltre alla traccia italiana è presente quella inglese e i sottotitoli in italiano. Tra gli extra solo il trailer, denominato peraltro ‘montaggio trailer’ perché è totalmente privo di audio :confused:

Dimenticavo… volevo chiedere una cosa a chi ha visto il film: in una delle scene romane, quando il protagonista viene rimorchiato al Fontanone e portato ad un festino particolare, la bionda che prova a fare sesso con lui mi è sembrata Marina Lothar… ho preso un abbaglio io o è davvero lei?

Ebbene si. condivido in toto. Tra l’altro la Carati girò questo film quasi in contemporanea con Avere Vent’anni e Le Evase. Sempre in ottima forma, più in questo trittico che altrove (vedi Poliziotto sprint). Nico Fidenco, dopo alcune buone prove come autore delle musiche per Joe D’Amato, qui raggiunge davvero la narcolessia compositiva. Sulla regia meglio non spendere una parola. Fa rimpiangere Maurizio Pradeaux. La scenografia invece mi sembra proprio molto queer.

Per me il miglior film della Carati (con il Corpo Della Ragassa) ma consigliabile solo ai suoi fan perchè la trama è poca cosa e potrebbe stare tutta scritta su un biglietto del tram. (Come ha scritto un critico che non ricordo).

Qualche riserva sul dvd A.Y.: la qualità è più che sufficiente però m’aspettavo qualcosa di più da un “transfer digitale dal negativo integrale…” come recita la fascetta.

Ebbene si. condivido in toto. Tra l’altro la Carati girò questo film quasi in contemporanea con Avere Vent’anni e Le Evase. Sempre in ottima forma, più in questo trittico che altrove (vedi Poliziotto sprint). Nico Fidenco, dopo alcune buone prove come autore delle musiche per Joe D’Amato, qui raggiunge davvero la narcolessia compositiva. Sulla regia meglio non spendere una parola. Fa rimpiangere Maurizio Pradeaux. La scenografia invece mi sembra proprio molto queer.

del 1977 diretto da Claudio Giorgi , interpreti principali

Lilli Carati
Mircha Carven
Marco Guglielmi

una belle storie piu’ banali mai viste sullo schermo,veramente un soggetto di una pochezza disarmante, uniche scene per cui valga la pena vederlo sono i bei nudi della Carati bellissima veramente :wink:

http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?t=17058&highlight=candido+erotico

una belle storie piu’ banali mai viste sullo schermo,veramente un soggetto di una pochezza disarmante, uniche scene per cui valga la pena vederlo sono i bei nudi della Carati bellissima veramente;)

cavolo sulla lista dei titoli non compare

http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?t=9032;)

Cerca sempre con la ricerca… la lista dei titoli viene aggiornata molto di rado… anche se a me stasera anche la ricerca ha giocato un brutto scherzo col thread su Histoire d’O

la storia non è male ma è la presenza magnifica della bellissima lilli carati (quì in una interpretazione molto profonda e non facile, per la quale è stata bravissima) a rappresentare il punto di forza, trainante, dell’intero film.

molto bella la malinconica colonna sonora di nico fidenco.

potrebbe essere stato girato nell’autunno del '77. sicuramente prima di le evase (gennaio '78) e prima di avere vent’anni (estate '78).

Visto qualche anno fa in dvd, me lo ricordo terribilmente noioso, Carati nuda a parte.

devo dire che pensavo peggio, per quanto inconsistente merita una visione
una Lilli più intensa del solito tiene in piedi la baracca