Demon Seed - Generazione Proteus

Visto ieri notte su TCM questo delizioso thriller/horror/fantascientifico, molto seventies, con una Julie Christie al top. Inquietante, ambiguo, perverso: ben girato e ben interpretato, una vera chicca. La storia di un supercomputer con manie di grandezza, basata su un romanzo di Dean R. Koontz.
Caldamente raccomandato.

http://wwwd.cinematografo.glauco.it/bancadati/consultazione/schedafilm.jsp?codice=15924&completa=si
http://www.imdb.com/title/tt0075931/

Grazie per la segnalazione!

Per quello che mi riguarda non l’avevo mai sentito!
Lo cercherò…

Visto diversi anni, fa, guarda la coincidenza, cercando ni questi giorni il dvd di Performance, sempre di Donald Cammell, mi ci sono imbattutto e stavo pensando di ordinarli alla prossima mandata di ordini che farò.

In dvd è uscito per la Warner.

Ottimo il libro ma molto interessante anche il film:

“Dopo otto anni di lavoro uno scienziato ha inventato il robot Proteus IV che provvede a tutto in casa. Ed è così perfetto che …”

Visto parecchi anni fa in tv. Niente male.

Il DVD italiano oramai si becca a prezzi stracciati. Il romanzo da noi l’aveva pubblicato Fanucci, e devo dire che l’avevo trovato deliziosamente perverso. Mi domando se la trasposizione filmica (che non ho ancora visto) mantenesse lo stesso tono ambiguo (nel romanzo la protagonista non è così dispiaciuta delle attenzioni da parte del computer, anche perchè ha dei problemini di repressione sessuale non da poco).

Il libro purtroppo non l’ho letto. Ma il film è bello perverso, con scene al limite dell’insostenibile. Sono rimasto stupito, ma è anche vero che negli anni 70 si osava di più.

Nel romanzo il computer aiuta la protagonista a superare un trauma sessuale legato a uno stupro subìto durante l’infanzia. Nel film questo particolare c’è? A me piaceva tantissimo; alla fine Proteus non era così cattivo, quasi ti dispiace che faccia una brutta fine…

No, non proprio. E Proteus non è che faccia una brutta fine…

Visto ieri sera per la prima volta. Caruccio, anche se non l’ho trovato così disturbante come sosteneva il mitteleuropeo (si vede che ho lo stomaco coriaceo). Peccato che la sceneggiatura prenda nettamente le distanze dal romanzo, facendo sbiadire l’atmosfera sottilmente malata che pervade il libro Una curiosità: sbaglio o la voce di Proteus in Italiano è quella del doppiatore di Savalas per la serie televisiva Kojak?

Lo compro solo se ci sono complotti liberali del piffero con Pannella-Bonino-Capezzone-Grattarola-inneggiante-alla-libertà-individuale, altrimenti nisba!

Dopo 10(!!!) anni, rispondo a Tuchulcha: sì, la voce del computer è nell’edizione nostrana proprio quella di Lino Troisi, che appunto doppiava Savalas in “Kojak”. Approfitto quindi per segnalare l’uscita del br estero, gran bel master. Vedi www.dvdbeaver.com/film6/blu-ray_reviews_75/demon_seed_blu-ray.htm