Dieu a choisi Paris (Philippe Arthuys e Gilbert Prouteau, 1969)

Film assolutamente atipico nella filmografia di Belmondo.

Praticamente si tratta di un’opera realizzata col sostegno della Cinemathèque Française e di altri archivi filmici francesi. Lo scopo è quello di raccontare, attraverso filmati d’epoca, la storia di Parigi dalla fine dell’ottocento alla seconda metà del novecento, mostrando tutti i personaggi celebri che vi hanno soggiornato o vi sono almeno passati (intellettuali, scienziati, artisti, filosofi, scrittori, cantanti, ballerini, pittori), tutti i movimenti culturali che l’hanno attraversata (dall’impressionismo, al futurismo, al surrealismo, al dadaismo), tutti gli avvenimenti di grande impatto sociopolitico che qui hanno avuto luogo e che spesso sono riverberati con forza in tutto il resto della Francia e del mondo.

A fare da collante tra tutta questa miriade di filmati d’epoca Belmondo, che interpreta un giovane fotografo specializzato in ritratti, che con l’arrivo della novità del cinematografo diventa uno dei primi cameraman della storia e se ne va in giro a documentare personalità ed avvenimenti che si susseguono nelle ville lumière.

Belmondo cresce ed invecchia insieme alla tecnica cinematografica, lo vediamo utilizzare strumenti sempre diversi col trascorrere degli anni, e anche lui diventa sempre più esperto e maturo.
Fino a ritrovarlo, alla fine del film, canuto vecchietto che su una panchina ripensa alla sua storia e al fil rouge che ha legato lui e la sua professione alla storia grandiosa ed appassionante della sua città.

I filmati che mi hanno colpito di più, tra tante inaugurazioni di mostre e letterati intenti a discutere al tavolino di un café sulle rive della Senna, sono quelli relativi alla guerra e alla resistenza. Tra cui alcuni (non ambientati a Parigi, talvolta il target si allarga alla storia della Francia intera) piuttosto cruenti, che mostrano l’esplosione di granate e bombe in trincea coi soldati che letteralmente saltano in aria ed altri che mostrano l’esecuzione di partigiani da parte delle SS.

Film visto grazie al dvd uscito in una collana da edicola dedicata a Belmondo, in francese senza sottotitoli.

1 Mi Piace