Durante l'estate

Regìa di Ermanno Olmi, 1971
Con Renato Paracchi, Rosanna Callegari, Mario Barillà, Gabriele Fontanesi


Link sito Anica

Bel film di Olmi girato per la televisione. La storia di un timido appassionato di araldica in un’afosa estate milanese… girato con grande eleganza, mi ha coinvolto ed a tratti anche spiazzato. Bello davvero.
Inedito su qualsiasi supporto, è comunque passato sulla rai anche in tempi non lontanissimi.

ma è l’immagine catturata in modo non proprio impeccabile o è un 3d visto senza occhialini? :smiley:

Cioè, è messo così male il video?

Mai visto, mi incuriosisce.

Purtroppo la copia è quel che è… le scene scure soprattutto sono terribili.

Oddio… in tempi non lontanissimi dici? Se non erro quel logo della Rai sul frame che hai postato credo che risalga alla seconda metà degli anni 80 :rolleyes:

Sì la copia mia è da un vecchissimo vhs, ma secondo filmtv è passato nel 2007.

Lo vidi una decina d’anni fa, faceva parte di uno dei primissimi corsi di cinema che ho seguito all’università.
Se ben ricordo, è il primo film diciamo “fiabesco” di Olmi, che fino ad allora si era occupato soprattutto di storie intime dal retrogusto vagamente neorealista, e qui invece per la prima volta si apre all’apologo cristologico, che poi esplorerà in altri lavori come La leggenda del Santo bevitore. Uno dei ricordi più vividi che conservo è quest’ometto che gira affannosamente per Milano con un’enorme cartelletta sotto il braccio.
Nel volume curato da Aprà per Marsilio (2003), c’è anche un’intervista di Pezzotta all’attore protagonista (Renato Paracchi), e si capisce quanto il film sia stato improvvisato sfruttando le poche risorse a disposizione: non soltanto l’appartamento che si vede nel film è proprio quello di Paracchi (portinaio compreso), ma anche il soggetto è stato rimaneggiato per fargli assomigliare di più il personaggio (l’attore, poco più che semiprofessionista, all’epoca tirava a campare disegnando cartine per le enciclopedie).

Interessante… tra l’altro questo Paracchi sarà anche stato un semi-professionista ma è bravissimo, quantomeno in questo ruolo che gli venne (parzialmente) cucito addosso. La voce poi è notevole, ma non giurerei che fosse la sua visto che il film è stato doppiato e non girato in presa diretta.

Belle anche le musiche di Bruno Lauzi.

A giudicare dall’intervista, la voce è la sua. All’epoca Paracchi aveva fatto un po’ di teatro e radio, ma questa credo fosse la prima prova rilevante in video. Fra l’altro, il film è stato girato la per la televisione e trasmesso il 17 ottobre 1971, ma nonostante il visto censura non è arrivato nei cinema fino al 1974, quando ha avuto un’uscita lampo. Sempre nell’intervista si racconta che a Milano uscì al Rivoli, pare anche per intercessione del produttore, che ne comprò parecchi biglietti…

Sì, infatti del film ho una buona registrazione da Rai 3.