è morto pinochet

nessun commento.

affranto

Per quale motivo?
adesso ci facciamo problemi pure a criticare quello che è stato un dittatore sanguinario e che, fanculo all’animaccia sua, se n’è andato pure fondamentalmente impunito?

E che cazzo vuoi criticare, scusa? L’hai detto tu stesso, era un dittatore sanguinario. Ora che l’ha resa ci risparmieremo i soldi del processo; e qualche stronzo di magistrato non potrà far carriera, quanto mi dispiace. Se esiste una giustizia superiore a quella umana, adesso dovrà affrontarla: in caso contrario, è andato a guardare le margherite dalla parte delle radici come prima o poi toccherà a tutti noi. Totò la chiamerebbe “a livella”.

Brindiamo…

Mi dispiace solo che non abbia pagato abbastanza per tutte le atrocità commesse.

Mi dispiace!
Forse l’ultimo statista militante, deciso anticomunista e riformatore, perseguitato dall’immondizia mondiale ammantata di democrazia e corrotta libertà. Ma poi che ignoranza, ignoranza di regime inaccettabile … Non si erano accorti che pochi mesi fa era trapassato Stroessner … Inaccettabile!

il mio “nessun commento” era relativo al fatto che non mi dispiace, non gli scrivo riposa in pace e spero bruci all’inferno e diventi brace!

fai davero davero?

Non cominciamo coi soliti battibecchi politici destra vs. sinistra… rosso vs. nero.

Siete liberissimi di discutere costruttivamente, senza chiedere se uno scherzi o meno o cominciare la solita rissa.

Vedi esimio generale, qui non c’è proprio nulla di cui discutere. Pinochet era un bastardo sanguinario e basta. Smettiamola con questo fanatismo di riabilitare per forza tutti dopo la morte, manco per il cazzo.
Pinochet è stato un dittatore che con la complicità degli Stati Uniti ha destabilizzato il vero governo cileno di Allende (regolarmente eletto), facendo piazza pulita delle alte cariche e istituendo appunto una sanguinaria dittatura.
Tutto perchè Allende decise di nazionalizzare la ricchezza del paese (il rame), fino ad allora sotto controllo Usa. L’epilogo del sogno marxista di Allende finì l’11 settembre 1973 quando le forze armate dichiarano illegittimo il suo governo e circondano il palazzo della Moneda dove Allende si rifugiava con i suoi fedelissimi, non esitando a BOMBARDARLO con gli aerei militari.
Questa è semplicemente storia. Quello è semplicemente stato il VERO ed unico tragico 11 settembre.
E non rompete più i coglioni.

Non mi pare che qui dentro qualcuno stia cercando di riabilitarlo, a meno che non mi sia perso qualche post. Quanto al discorso Allende= bene Pinochet=male, mi pare superfisialotto. Compito degli storici è proprio “rompere i coglioni”, saper leggere le sfumature, visto che nella storia dell’umanità niente è tutto bianco o nero. Che poi Pinochet sia stato un bel macellaio mi pare evidente, i dati storici in nostro possesso parlano da soli. Per il resto, son cose che andrebbero discusse in altra sede, non in una stanza da forum dove vige perenne il rischio di risse verbali da bar dello sport.

ps.
Se poi il dibattito vogliamo continuarlo anche qui, per favore piantiamola coi dictat del tipo “qui non c’è niente da discutere”. I forum servono proprio a quello, chi non ha voglia di veder mettere in discussione le proprie convinzioni illuminate farebbe meglio a rivolgersi altrove.

Ti sei perso il seguente capolavoro…

forse forse io credo pinochet non sia stato meglio o peggio di altri dittatori che hanno infestato il mondo in quella e altre epoche, in america latina non ne parliamo neanche

se dal punto di vista pratico non è stato molto diverso, io credo lo sia stato almeno dal punto di vista della percezione, almeno da quella dall’esterno

pinochet prese il potere spodestando non un altro tiranno o un re piazzato lì per discendenza e gloria divina ma un presidente più o meno democraticamente eletto, che peraltro ha preferito crepare nel suo ufficio piuttosto che scappare o peggio consegnarsi nelle mani di chi gli stava togliendo il potere che gli era stato dato dal popolo, e già questo qualche differenza la fa

la lunga lista di desaparecidos e oppositori torturati in tutte le salse da pinochet e poi uccisi non è molto diversa da quelli per l’appunto di altri posti, dall’argentina all’urss, magari cambiano i modi ma poco la sostanza

avevo un collega che è un esule cileno, uscito in maglietta la sera della prima grande epurazione, ebbe la prontezza di scavalcare il muro dell’ambasciata italiana quando sentì puzza di bruciato salvandosi la pelle e ottenendo lo status di rifugiato politico, è riuscito a tornare a casa in cile dopo più di trenta anni e quando lo racconta mi fa un pò impressione

io poi sarò un pò invecchiato e sinceramente non mi riesce di giustificare l’operato di un maiale assassino nell’ottica del però era anti-qualcosa nè di riabilitare niente nè di rendere omaggio alla sua memoria, in questi casi spero che esista veramente un inferno e che lui ci possa bruciare dentro fino alal fine del mondo

La logica del dittatore che “in fondo non era così cattivo, ha fatto anche…” è assai diffusa, non esiste tiranno che non ne abbia beneficiato. Stalin, Hitler, Mussolini, Fidel Castro, Peron, Mao, Pol Pot, Francisco Franco… è normale, un dittatore per regnare ha comunque bisogno di seguaci che lo appoggino, e la giustificazione è sempre quella del presunto “male minore”. Non si può legittimare la dittatura, visto che un simile potere si basa sulla repressione e il divieto di dissentire (poco importa se sia stata instaurata con un golpe o tramite plebiscito popolare); mi pare elementare, poi francamente non m’interessa se Pinochet ha deposto un democratico (Allende lo era, anche se politicamente errori ne ha commessi) o un altro despota (Fidel subentrò a Batista, che non era certo un fiorellino). Un tiranno agirà come tale, inutile farsi illusioni o minimizzare. Quanto all’uscita di Mickey Finn, a me è sembrata ironica ma potrei sbagliarmi (solo il diretto interessato può confermare o smentire).

:tuchulcha :tuchulcha :tuchulcha :tuchulcha

Dove starebbe il cerchiobottismo, scusa? Solo perchè non brindo miseramente alla morte di un tiranno come qualsiasi cretino che la sua dittatura non l’ha neanche vissuta e parla per far vedere quant’è democratico? Sii serio, per cortesia. Ho detto che la dittatura va condannata sempre e comunque, e non mi frega un cazzo se il dittatore spodesta un democratico o un altro fetente come lui: ci trovi qualcosa di sbagliato?

beh però tra il sostituirsi a un dittatore preesistente e lo sfondare una democrazia fragilissima qualche differenza c’è

i carri armati russi che hanno soffocato moti tipo la primavera di praga non puoi negare che sono stati più rivoltanti dello standard

Polla, a me le dittature fan venire la pelle d’oca. Non m’interessano i distinguo di questo tipo, li trovo pericolosi; se partiamo dal presupposto che “in fondo Castro era il male minore rispetto a Batista”, siamo già sulla strada della giustificazione. Batista era un porco, ma questo non può in alcun modo cancellare le porcate perpetrate da Fidel a danno dei dissidenti. Credi che i sostenitori dei dittatori di destra la pensino diversamente? Per loro Pinochet è stata la salvezza dal comunismo, punto. Come se finire in un lager nazista fosse meno grave che andare nei gulag sovietici… lungi dal giustificare le dittature salite al potere col consenso popolare, mi fanno per certi versi addirittura più orrore di quelle golpiste. Perchè parliamo di regimi che non hanno dovuto compiere alcuno sforzo, grazie all’offuscamento delle coscienze. Hitler non ebbe bisogno di golpe; il popolo tedesco lo acclamava e partiva dal presupposto che se il prezzo da pagare per risollevare l’economia del paese fosse stato qualche migliaio di ebrei in cenere, be’, pazienza. Se imbocchiamo simili strade rischiamo di non poter più fare marcia indietro.

Tanto di cappello al companero Drugo per le sue parole.Pinochet…poteva direttamente NON nascere,tanto per essere concisi!
P.S.Le parole di Finn…a Natale si sentono cazzate di ogni tipo,“ironiche” o meno,quindi…

Ma è stato imbalsamato cremato?:smiley:
Sapete a qualcuno potrebbe far piacere sia l’una o l’altra cosa!:smiley: