Fellini satyricon

Regìa di Federico Fellini, 1969
Con Hiram Keller, Martin Potter, Max Born, Magali Noel, Salvo Randone, Lucia Bosé, Capucine, Alain Cuny, Gordon Mitchell, George Eastman, Osiride Pevarello e 1000 altri


Link ImDb

Sono perplesso. Figurativamente è qualcosa di splendido, certi momenti inquietano davvero, sembra quasi di essere trascinati nel passato sporco ed ovviamente incomprensibile di circa 2mila anni fa… però c’è un però. La storia, almeno per chi ignorantone come il sottoscritto di Petronio Arbitro non ricorda assolutamente nulla, non è davvero interessante e procede troppo a strappi. Non è certo il Fellini che ricorderò…

Dvd della CDE che in copertina strilla Il grande cinema in versione integrale (vi ricorda qualcosa?).

Insieme a Caligola tra i pochissimi film che trasportano veramente lo spettatore nell’abisso della Roma decadente, un viaggio visivo che non ha molti eguali. Arranca verso la fine ma il meglio è ormai fatto, e la prima mezz’ora è puro incanto. Mantiene poco (a quanto ricordo) dal testo di Petronio (che, secondo la leggenda, Fellini non degnò di uno sguardo) tuttavia sembra veramente di sprofondare in una dimensione arcana. C’è anche Alvaro Vitali alla sua prima apparizione nel ruolo dell’Ermafrodito. Non è il mio preferito nè tantomeno il miglior Fellini, ma è una delle più affascinanti esperienze che mi siano capitate da spettatore.

Dvd della CDE che in copertina strilla Il grande cinema in versione integrale (vi ricorda qualcosa?).

Ma è cut? Non ricordo… prendo quello della MGM o spero in una riedizione Cinekult:D?

Io ho una vechia edizione in doppio dvd della CDE (con il documentario di Bachman “Ciao Federico” sul secondo disco) nella quale il film dura circa 124’, e anche qui e’ riportato “versione integrale”. La versione nelle sale era di 128’, quindi dovrebbe essere ok considerando l’accelerazione pal.
Nella VHS DeAgostini del 1995 e’ invece riportata una durata di circa 90 minuti, ma non ho verificato se e’ reale e, nel caso, cosa hanno tagliato.

No Vitali appare all’inizio, l’ermafrodito non è lui.

Stessa durata per il dvd che ho io comunque…

Pardon, era nella scena del teatro, hai ragione.

Segnalo anche una comparsata parlata di un biondissimo Ennio Antonelli.

Assieme al “Casanova” (che giudico il miglior Fellini tout-court), una delle sue opere che amo di più. Un surreale, a tratti quasi orrorifico, viaggio nel tempo. Del testo di Petronio non me ne frega niente, mai preso in mano. In compenso, una sarabanda pazzesca di facce, facciazze, corpi e corpacci “da paura” proprio. Randone è doppiato da Renato Turi, e nella scena con Trimalcione (interpretato da Mario Romagnoli detto “il moro”, gestore di un’osteria spesso frequentata dal regista) anzichè recitare il dialogo che udiamo, interpretò non ricordo quale monologo teatrale. Il suddetto Romagnoli (nel film, con la voce di Corrado Gaipa), invece, “digiuno” (è il caso di dirlo…) di recitazione, declamò il menù del giorno! Da rilevare come George Eastman interpreti il minotauro (ovviamente!), mentre Gordon Mitchell è il rapitore (assieme ai due protagonisti) dell’ermafrodito. Più che un film, insomma, un’“esperienza” coloratissima e folle, un TRIP direi…
P.S. Come video, il dvd CDE è scarsino, con vari segni e non eccelso a livello di definizione e colori. Molto meglio l’edizione UK della MGM, che ha pure l’audio italiano (ma ha solo il trailer come extra!). C’è pure la riedizione a cura della Dall’Angelo Pictures, che dovrei controllare…

Verificata la qualità del dvd Dall’Angelo: confermo che il master è nettamente superiore e migliore rispetto al CDE, praticamente equivale a quello MGM. A differenza di quest’ultimo, titoli di testa e di coda in italiano, presenza di sotttotitoli italici, ma come extra ZERO ASSOLUTO! Insomma, se lo trovate per poco (io ho approfittato di un’offerta alla “Feltrinelli”, prendendolo praticamente gratis), compratelo pure.

C’è il br Criterion, al solito zona A (che dio li strafulmini!), e quello UK Eureka. Vedi www.dvdbeaver.com/film5/blu-ray_reviews_65/satyricon_blu-ray.htm
P.S. La Criterion esce vincente per il comparto extra. La Eureka è leggermente meglio a livello video.