Frenzy (A. Hitchcock, 1972)

Rivisto ieri notte dall’eccellente blu ray.
Grande thriller morboso con numerosi (e riusciti) momenti ironici.
Sicuramente è il film più violento mai girato da Hitchcock e alcune scene mettono a disagio ancora oggi (su tutte lo stupro/omicidio dell’ex moglie di Jon Finch)
Ci sono persino diversi nudi femminili.
Tecnicamente ci sono un sacco di momenti felicissimi tipo lo splendido movimento di macchina che fa capire l’omicidio di Babs, con la macchina da presa che, dopo che la porta viene chiusa alle spalle dell’assassino e della sua vittima, si muove lentamente all’indietro, nel silenzio, scende le scale, esce dal portone e mentre il rumore del mercato diventa sempre più forte c’è uno stacco quasi invisibile (a dire il vero si nota ma sfido chiunque a fare meglio nel '72) e la macchina da presa monta su un dolly che sale e inquadra tutto dall’alto.
Oppure la tensione in occasione della scoperta del cadavere dell’ex moglie di Finch, con un silenzio lunghissimo con la camera fissa sulla strada in attesa che la segretaria urli.
La tensione della famosa scena “tra le patate” viene invece stemperata un po’ dall’ironia che in certi momenti la trasforma quasi in una gag.
Gran film e gran blu ray.

Tra gli extra c’è il notevole documentario di Bouzereau (già presente nell’edizione in dvd) che mostra anche diverse preziose scene backstage con Hitchcock sul set.
Vengono intervistati lo sceneggiatore Anthony Shaffer e i tre attori protagonisti: Jon Finch, Barry Foster e Anna Massey.
Gli attori sono invecchiati bene ma Jon Finch ha del sovrannaturale. Essendo il documentario del 2000 lui doveva avere poco meno di sessant’anni al momento dell’intervista ma non li dimostra neanche lontanamente. Sembra quasi più giovane di come appare nel film (dov’era trentenne).
Negli extra viene pure fatta sentire parte della musica composta in origine da Henry Mancini che poi fu sostituito da Ron Goodwin (che fece comunque un buon lavoro anche se forse i momenti migliori del film sono senza musica).
Mi chiedo se sia possibile ascoltare tutta la musica composta da Mancini e mai usata. Quello che si sente nel documentario non mi è dispiaciuto. Qualcuno sa se si trova qualcosa?

C’è anche lo spoilerosissimo trailer impreziosito dalla presenza di un divertito Hitchcock che regala un paio di gag.

Finch nel 2000 aveva 59 anni, ma a vederlo gliene davo sicuramente non più di 45. Attore che meritava di più come fama e carriera, ha girato l’ultimo suo film nel 2005 (“Le crociate” di Scott). Dettaglio gossiparo: è l’ex marito dell’amatissima (dai cinefili-horrorofili, categoria molto presente in questo forum, YEAH!) Catriona Mac Coll!
P.S. Due parole sul film: ottimo, con alcuni pezzi di cinema magistrali (il piano-sequenza, lo stupro, la scena sul camion…), un certo umorismo macabro e dettagli ironici (l’ispettore e la moglie cuoca “raffinata”…), alquanto sottovalutato se non disprezzato all’epoca, invece dimostrò la grande libertà (anche creativa) che solo un titano della settima arte poteva permettersi. Oltre ad essere una conferma di quel che ho sempre pensato: il buon Alfred era un porcone che, una volta avuta mano libera, sguazzava nella violenza e nelle nudità! Insomma, un genio…

Bellissimo blu-ray davvero, qualità continua dall’inizio alla fine
Quanto al film, oltre alle perle già citate da Brass, aggiungo quella della cameriera che quando esce dal locale improvvisamente sparisce il rumore della strada e nel silenzio appare alle sue spalle l’assassino
Una cosa irrazionale e irrealistica ma che aumenta inquietudine e disagio nello spettatore, autentica genialata!

1 Mi Piace

Tutto, ampiamente, memorabile: film, tensione, fotografia, climax, colori, recitazioni, bluray…
…uno dei migliori Hitch, di sempre, modello e pietra miliare ineguagliata ed ineguagliabile di un certo modo di fare cinema targato anni 70 da tramandare ai posteri… :writing_hand: