I, Tonya (C. Gillespie, 2017)

Gustato ieri pomeriggio questo film che pur essendo assolutamente un estraneo al mondo del pattinaggio sul ghiaccio mi ha saputo catturare e appassionare. Ignoravo del tutto la storia, che tuttora ha dei risvolti inquietanti. Margot Robbie bravissima e buca lo schermo, oltre a essere veramente molto simile alla vera Tonya Harring come dalle immagini dei titoli di coda. Emozionanti le scene di pattinaggio specie Il famoso triplo axle che la rese celebre e divertenti anche se tragiche molte scene e siparietti familiari.
Musiche rock e hard rock anni 80 davvero olto potenti esplosive e godibiissime, che rendono il film ancora più piacevole.
Noiosa forse la parte finale.
Consigliatissimo, altro candidato a almeno una statuetta.

Molto bello, mi è davvero piaciuto.
Non so assolutamente nulla di pattinaggio artistico ma ricordo benissimo lo scandalo che travolse la Harding e che pose fine alla sua carriera.
E ricordo pure lei; sicuramente brava, bravissima, ma senza il giusto physique du rôle, inteso proprio come aspetto aggraziato, delicato e leggiadro che sarebbe lecito aspettarsi da un’atleta che gareggia a quei livelli in quel tipo di competizione.
Questo aspetto redneck viene reso benissimo nel film, Margot Robbie (che normalmente è bellissima) si è diligentemente abbruttita per portare sullo schermo un autentico modello di white trash. E il personaggio della madre è tremendo, sgradevole e disumano fino alla fine
Tecnicamente è stato fatto un lavoro clamoroso per quello che riguarda le scene delle gare dove il volto della Robbie è stato messo digitalmente al posto di quello della pattinatrice professionista che ha fatto tutte (o quasi) le scene sulla pista.

Bel film, vivamente consigliato.

Buono il blu ray italiano (che però ha un master italiano e quindi ha i titoli e le sovraimpressioni nella nostra lingua, cosa - per me - abbastanza fastidiosa).
Ci sono anche alcuni extra filmati, molto brevi, però.

Un po’ d’anni fa venni a conoscenza della storia, non mi ricordo come. Vidi il video originale dell’epoca su youtube con lei che urlava dopo aver preso la mazzata al ginocchio! Mamma mia, mi fece accapponare la pelle. Quindi quando ho scoperto che ne avrebbero fatto un film ero curioso di vederlo. Molto bello. M’è piaciuto un sacco. La cosa che lo fa funzionare, secondo me, è lo stile del racconto alla “scorsese”, nella regia, nel montaggio, nella musica, nella recitazione con la voce fuori campo e gli attori che parlano allo spettatore. Gli dà un incedere irresistibile, non mi sono annoiato un attimo, nonostante sia un film biografico, genere per cui non vado pazzo. Boh, non gli ho trovato un difetto. Oddio, forse la faccia della robbie incollata sulla controfigura mentre pattina crea un effetto un po’ inquietante ma, a parte questo… Fatto benissimo, scritto benissimo, recitato benissimo (la migliore è la Janney, strepitosa)… niente da dire. Uno dei migliori del 2017. Consigliatissimo. Molto molto bello.

Ho scoperto che la vera tonya nel 91, quando si è esibita ha usato il tema di batman di elfman! Ma ti rendi conto? Che ficata poteva essere se l’avessero messo anche nel film?!

Bello si ma ad un certo punto secondo me comincia a girare un po’ a vuoto e a ripetersi un po’ troppo, forse una quindicina minuti in meno avrebbero giovato. Per il resto avete detto bene, molto brava la Robbie, straordinaria Alison Janney giustamente vincitrice di un Oscar come attrice non protagonista. Ricordavo perfettamente il caso, ma non ricordavo o non sapevo forse, che banda di squinternati ci fosse alle spalle della Harding.