Independence Day: Resurgence - Rigenerazione (R. Emmerich, 2016)


http://www.imdb.com/title/tt1628841/

Che dire ? Il Trailer cercando di trattenermi mentre sbavavo e battevo i piedi per terra mi ha predisposto molto bene, il film chiude (o prosegue?) un cerchio iniziato (Mioddio) oramai 20 anni fa con il primo indimenticabile capitolo e mi farà piacere rivedere Goldblum e Pullman alle prese con mostri alieni e iperdistruzione globale.
Roland Emmerich torna in forma e a cazzo duro piu che mai a fare disastri a quanto pare e questo film si preannuncia una bomba.
Mi immagino e mi aspetto effetti speciali distruzione e combattimenti infiniti e tanta tanta emozione.
Della ciurma farà parte anche il mio attore feticcio William Fichtner e il medico capellone bianco del primo capitolo. Cosa chiedere di più?
A presto per un (Spero super elettrizzato) commento a caldo.

Fanculo ai miei amici frocioni che fanno i fighi coi film impegnati demmerda…questo lo vado a vedè pu io.Sta sicur…

Ma il medico capellone bianconon muore nel primo film ucciso dall’alieno?

Argomento che anche io ho provveduto a verificare
Nel primo filmdopo che viene strozzato dai tentacoli e Baldwin & Co. sparano all’alieno che allenta la presa e lo scaraventa in un angolo, un militare va a sentirgli il polso e a girarlo ma nulla di più sulla sua sorte. Specificamente si gira ma non pronuncia parola.

Mea culpa che battevo i piedi durante l’ingannevolissimo Trailer.

Visto due volte al grido di “Ma è vero ?” perché non ero sicuro di cio che avevo appena visto.

Film assolutamente di una pochezza imbarazzante , se togliamo le figate futuristiche e gli effetti speciali e il Dittatore negro col machete si tratta di un prodotto di una imbarazzante pochezza che veramente non mi aspettavo, soprattutto non dopo 20 cazzo di anni di attesa. Il primo si che era un film, con la qualità di essere un prodotto mainstream ma di non scadere mai nel ridicolo, arginando a pochi episodi le smargiassate del principe di Bel Air , rimanendo insomma un fanta-catastrofico e non un film demenziale con gli alieni che non fanno paura. Il primo riusciva a TERRORIZZARE.

Questo non prova nemmeno a non sembrare la telefonata fatta male che è , una storia risolta come se avessero avuto tutti fretta con scene lasciate li senza un senso e risolte ancora più frettolosamente , con personaggi tanto inadeguati da non stare bene nemmeno in commediuole collegiali scanzonate alla Bad Neighbours o in blue mountain state , con una comparsa del primo episodio che addirittura chiude il film e , purtroppo, ne faranno un sequel a questa merdata indegna , ma soprattutto , in mezzo a tutto cio, dei Jeff Goldblum e Bill Pullman impresentabili (Nutro un rispetto indescrivibile per La Mosca e per Stella Solitaria ma veramente non possono circolare sono l’ombra di loro stessi). Senza contare che l’attore che impersona il padre di Goldblum è IDENTICO a 20 anni fa, forse unica cosa che stupisce. Peccato anche per il Presidente Fichtner.

Insomma una gran delusione. Vaffanculo.

Peccato, dal primo trailer di dicembre sembrava un filmone, purtroppo è stato una delusione, la trama e tutte le scene si sviluppano troppo velocemente, goldblum spettatore non pagante, giovani attori protagonisti bimbominkia speriamo abbiano la decenza di non produrre un terzo episodio:shock:

Ragà, ma qualcuno s’aspettava veramente qualcosa da sto film? Non vi fate inculà i soldi da sti soliti remake/sequel/prequel/reboot. Gettano l’amo col trailer facendo leva sulla nostalgia perché l’originale magari è un piccolo cult, ma alla fine sono solo vuote operazioni commerciali per farci i soldi sfruttando la moda. E basta. Non li fanno perché ci credono veramente. Andateci sempre cauti co sti film, ragà. Non createvi grosse aspettative solo perché amate l’originale. Rarissimamente può uscirne qualcosa di abbastanza valido. Io già sentivo puzza di merda prima ancora di vedere il provino. Già quando seppi che l’avrebbero fatto ho pensato: “Ecco un altro sequel del cazzo”. Sì, magari, anche se sapete in cuor vostro che sarà na cazzatona, ci andate lo stesso perché potrebbe essere comunque divertente, essendo sempre però consapevoli di quello che state andando a vedere. E lì ok. Ma se c’andate convinti che può essere bello sul serio, ci prendete 1 volta su 100. Ovviamente se ne rimarrà delusi se si fanno troppi castelli in aria. Occhio, ragazzi.:cool:

Insomma, sembra confermare la regola che, in assenza di idee, il remake/sequel/prequel/reboot è il modo migliore per portare a casa il massimo dei risultati (inca$$i), col minimo sforzo :slight_smile:

Ovvio! Non c’è bisogno della conferma! È talmente palese! A questi mi sa che manco gli frega qualcosa di avere idee. Vogliono fare i soldi e basta! Questi si mettono lì seduti al tavolino e fanno:

“Allora ragà, quale prossimo film cult anni 70/80/90 rifacciamo, stavolta?”
“Mmmm… che ne dite di Non aprite quella porta?”
"Grande! Vai!

Dopo un paio di anni…

“Allora ragà, quale prossimo film cult anni 70/80/90 rifacciamo, stavolta?”
“Mmmm… che ne dite di Non aprite quella porta?”
“Guarda che l’abbiamo fatto due anni fa.”
“Ah già. Allora… facciamo il prequel!”
“YEAH!”

Dopo sei/sette anni…

“Allora ragà, quale prossimo film cult anni 70/80/90 rifacciamo, stavolta?”
“Mmmm… che ne dite di Non aprite quella porta?”
“Guarda che già l’abbiamo rifatto.”
“Ah già. Allora… facciamo il prequel!”
“Abbiamo già fatto pure quello.”
“Ah sì, è vero. Allora… Cazzo! Rifacciamolo un’altra volta, ma stavolta in 3d!”
“Cristo, sei un genio! Vai!”

Boh, che dire? A differenza dell’emigrato BMW, a me il nuovo filmozzo di Emmerich non ha fatto assolutamente schifo. Anzi, m’è proprio piaciuto. Intanto dura un 25’ in meno rispetto al primo film, e in tempi di hollywoodiani “brodoni allungati” è già tanto. Poi ha ritmo, gli effettoni speciali (di distruzione, di alieni ecc) fanno una gran figura, un pò di umorismo qua e là, insomma lo spettacolone c’è, e regge. Personalmente, avrei dato più spazio al sempre piacevolissimo Goldblum (DIMAGRITO rispetto al '96! Addirittura un pò troppo, direi…) e ad un’insolita (ma non sprecata) Charlotte Gainsbourg (in meritata vacanza dalle turpi voglie di Von Trier). Paradossalmente, nel secondo tempo il ritmo cala in quanto la trama si fa ripetitiva, ma insomma fra alieni giganti e i suddetti effettoni, ti rendi conto che il crucco Emmerich sa tenere su la baracca “all american” con molta più abilità di un Michael Bay. Insomma, promosso. Il finale è apertissimo, ma dubito che si farà un terzo capitolo: globalmente, gli incassi sono stati inadeguati al budget e alle spese di promozione. Peccato, visto che il pubblico ha viceversa premiato l’anno scorso il meno riuscito “Jurassic world” (i dinosauri a me, invece, han strarotto i coglioni…). Ma valli a capire, i gusti del pueblo…
P.S. Quasi dimenticavo: c’è spazio in extremis anche per un’inaspettata coppia omosex! E questo Bay non lo farebbe mai: tiè!

Io mando giù tutto ma se c’è una cosa che non sopporto sono i film americani patriottici di propaganda pro-guerra: personaggi tagliati con l’accetta (l’eroe fico e la sua ragazza fica, il personaggio che fa le battute, il cosiddetto “comic-relief”), dialoghi stereotipati al massimo, la guerra, il discorso motivazionale col crescendo musicale (“questa è la nostra terra, e nessuno ce la porterà via… perché noi… siamo… GLI STATI UNITI D’AMERICA!!” “SÌÌÌÌÌÌ!!”) bandiere americane che sventolano a tutto andare, aerei in volo, battute testosteroniche, la guerra, i soldati in canottiera e collana con la tesserina, il solito cane che si salva sempre (che bravi!) e poi la guerra…
Vabbè, avete capito, no? E i campioni di formula uno di questo genere sono due, ovviamente: Bay e Emmerich. Detesto ogni loro film, non riesco a salvarne nemmeno uno. Forse qualcosetta qua e là magari ce la faccio pure a digerirla, ma basta.

Quindi non sono mai stato un fan dell’originale. Anzi, m’è sempre stato abbastanza sul cazzo. Dunque ero sicuro che questo nuovo non sarebbe stato da meno. L’ho visto perché stava nella lista dei film da vedere del 2016, solo per quello. Sapevo già di che morte andavo a morire. E infatti è stato tutto tale e quale a come m’aspettavo. Solite situazioni, soliti personaggi, solite battute, solite strizzate d’occhio all’oriente dei blockbuster di oggi (perché sti film, si sa, li fanno principalmente perché fanno un macello di soldi da quelle parti, infatti c’è sempre almeno un personaggio con gli occhi a mandorla e qualche ambientazione a hong kong, in cina ecc…), solita scenetta col cane che si salva (ma va’?), solito emmerich però… peggio! Certo, il seguito di independence day non è che poteva essere un film di bergman, ovvio, quello è, non lo puoi cambiare, lo so. È che io proprio non ce la faccio, ragazzi. Sta roba è un concentrato di tutto quello che odio del cinema americano. Il bello è che non è nemmeno la cazzatona dove almeno ti diverti nonostante sai che stai guardando una cazzatona. No, questo m’ha pure rotto i coglioni. Si trascinava, più che andare avanti. Noioso e stupido. Poi mentre lo guardavo, ogni tanto mi dicevo: “Mmmm, mi sa che fra un po’ arriva il pistolotto sull’america col crescendo musicale…” “Mmmm, sento puzza di discorso motivazionale…” . E infatti, puntuale come la tari, arriva come un pullman… Bill Pullman! Almeno però l’hanno troncato senza farlo arrivare al climax. Fiuu…

Uno dei punti più deboli del film, per me, sono gli attori. Dio santo! C’è quel faccia da culo del fratello di thor, quello che correva come un coglione in [u]paranoia[/u], il suo amichetto scemo (il comic relief, dicevo) che lo prenderesti a schiaffi fino a farlo diventare celeste, no viola, celeste!, c’è il figlio di will smith, espressivo come un temperino (rotto), vivica fox gonfia di botulino che se prova a sorridere pare hulk (che poi devo capì come cazzo ha fatto a passà da spogliarellista a dottore!), la gainsbourg che non-c’entra-un-cazzo! Ti sembra che a un certo punto potresti vederla a novanta in un angoletto con mandingo. Davvero, poche volte ho visto un attore così fuori parte. Il povero Goldblum che ogni volta che lo inquadrano sembra che stia pensando: “Ma perché? Che sto facendo? Chi me l’ha fatto fare?”. La Monroe, che in the guest e it follows m’era piaciuta, qua pare incartapecorita. Vabbè, ma qua a dirigerla è emmerich! E poi ci sono tante di quelle scene idiote che ti fanno scuotere la testa che dici ma perché? Ma soprattutto perché? Quando thor sfigato distrae gli alieni e si mette a fare il pirla e gli fa il dito medio e poi gli dà la cazzottata e si fa pure male… Mentre lo vedevo ho detto: “… e sei un coglione!” Ma poi… dovrebbe far ridere?

Vabbè, dài. Basta. Sì, lo so, è ovvio che un film del genere abbia tutti questi difetti, è inutile che li elenco. Non mi sto accanendo sul film. E, per carità, c’è molta gente che ci si diverte co sti film, buon per loro, ci mancherebbe altro. È che io, ripeto, non ce la faccio. Non li sopporto questi film.

La brutta copia del primo. Il che è tutto dire! Unammerda. Via. Fuori dai coglioni.

Stavolta per sciacquarmi la bocca mi sono rivisto Sherlock jr di Keaton! In culo a Emmerich!

Quindi te l’hai visto gratis? :fnf:

E meno male :smiley:

Assolutamente sì! Questi film li SCARICO! Neanche li noleggio! Non gli do una lira! E poi li cestino subbito!! Già è tanto che li guardo!

Or-ren-do! Non trovo altre parole per descrivere questa palla colossale dove tutto è un tanto al kg. Cinema playstation all’ennesima potenza. Dopo mezzora (a esagerare) ti stai già annoiando a morte. Non c’è la minima costruzione di tensione, tutto è spiattellato in faccia allo spettatore a secchiate. Vuoi effetti speciali? Tie’. Vuoi astronavi? Tie’. Vuoi scene nello spazio? Tie’. Vuoi attori fighi che fanno cose? Tie’. Vuoi super battaglie nei cieli con psiuuun psiuuuun fosforescenti ed esplosioni ovunque, anche a caso? Quante ne vuoi, un chilo, due chili, cinque? I vari Jeff Goldblum, Bill Pullman, Vivica Fox etc., vengono riesumati dal sarcofago (evidentemente costavano meno di Will Smith) e circondati da un cast teen sparatissimo con l’intenzione di renderlo la cosa più cool e testosteronica che mente umana abbia mai osato immaginare. Naturalmente risultano solo quella più antipatica e lo fanno in 3…2…1…

Non saprei trovare un singolo aspetto accattivante di questo film, veramente terribile in tutto. Emmerich non si pone minimamente il problema del “come” e del “quale” ma solo del “quanto”, e per lui quanto significa tanto. Non sviluppa niente. Qualche idea nel film ci sarebbe anche ma viene appena abbozzata e lasciata lì a morire di inedia (la fusione di tecnologia aliena e umana, la telepatia tra alieni e umani) Ammazza che minimo sindacale! Roba che Starship Troopers al confronto è il Riccardo III. Brutto, insulso, inutile, dialoghi da mentecatti, espressioni da pubblicità del cellulare top di gamma ultimo modello; andiamo spacchiamo, trionfiamo. E siamo fighi. Pessimo.

Scusate se intervengo, ma questo thread lo trovo affascinante a dir poco, e surreale…ma mi dite che vi aspettavate dal seguito di Indipendence Day? è il seguito di -ripeto- Indipendence Day, e ci lamentiamo perchè è gonfio di retorica USA e la trama è ridicola e piena di inverosimiglianze? E’ come lamentarsi perchè in un film di vampiri si vede del sangue… :confused:
Se piace, il genere è così, mi pare.

Una sola curiosità per chi l’ha visto: considerando che in Indipendence Day gli alieni venivano sconfitti iniettandogli un virus nei sistemi informatici (mitici, chissà se erano su base Unix o NT), in questo seguito come vengono sconfitti? con un più attuale mobbing su Facebook (o su quale che sia il Social attualmente più diffuso nella galassia)?

premesso che ho scritto il mio post convinto di inaugurare il thread (quando invece gentilmente Federico lo ha ricollocato nell’apposito thread già esistente con ben 2 pagine di commenti che non avevo letto), io non sono rimasto sconvolto dal tasso di retorica guerrafondaia, manichea e amerikana del film, altrimenti non potrei essere un estimatore dei vari Rambo, Invasion USA, Top Gun e compagnia dello zio Sam; è che proprio Resurgency è fatto coi piedi. Pare paradossale dirlo, visti i cazzigliardi di dollari spesi, ma è un film fatto male sotto ogni punto di vista. Non appassiona, non diverte, non acchiappa, per un blockbuster non mi pare un difetto da niente.