Into Paradiso - Paola Randi, 2010

http://www.cinematografo.it/pls/cinematografo/consultazione.redirect?sch=53440

Dalla rece de Il Messaggero:

"Che cosa ci fanno insieme uno scienziato che ha appena perso il lavoro, un ex-campione di cricket venuto dallo Sri Lanka a Napoli per fare il badante, un politico colluso e corrotto, più un imprecisato numero di killer della camorra in cerca di una pistola che scotta? Semplice: danno vita alla commedia più insolita, strampalata e sofisticata vista da molto tempo in qua nel nostro cinema: ‘Into Paradiso’

E non posso che sottoscrivere, veramente qualcosa di nuovo e insolito che non ti aspetti, una commedia garbata che analizza tanti mali comuni senza prediche inutili o senso di superiorità. Surreale e stralunata, si avvale di un cast solidissimo: Peppe Servillo, Gianfelice Imparato, Saman Anthony (esordiente). Da vedere.

Visto stasera con l’ausilio del dvd cecchi gori: video un po’ sgranato (per scelta registica) e audio multicanale ottimo con un surround insolitamente efficace per un film non spettacolare come questo; molto meno efficace invece il canale centrale con le voci, spesso sovrastate dalla colonna sonora (peraltro molto buona) e dai vari e numerosi effetti sonori. Peccato per la totale assenza di extra, a meno che non vogliamo considerare il semplice trailer come un extra.

Per il resto sottoscrivo il giudizio di almayer e della critica: film insolito, surreale, divertente e al contempo pungente. Fenomenale la battuta sui politici detta da Imparato :smiley:

Complimenti quindi alla regista Paola Randi per l’originalità e la bravura dimostrate realizzando un film del genere nell’asfittico e poco coraggioso panorama del cinema italiano.

Ottimo il cast, sia quello degli attori campani (Imparato e Servillo Peppe) che quello singalese (o cingalese che dir si voglia), Saman Anthony su tutti. Simpatici i titoli di coda, che in pratica costituiscono l’epilogo della vicenda.

Se vi capita recuperatelo perché è un film che merita di essere visto e non di restare nell’oblio come capita spesso a molte produzioni italiane a basso budget.

Purtroppo la tua previsione si e’ avverata, pur essendo un film innovativo, con un ottimo cast
ben fatto e’ caduto subito nel dimenticatoio peccato…