L' anomalia dell' apollo 15

Quest’ intervento di Corradino non proprio a sproposito, mi viene in mente una cosa che probabilmente non tutti sanno, e che manco io sapevo, recentemente letta sul libro di Pinotti “Strutture artificiali extraterrestri”

http://www.alworden.com/

Durante l’ allunaggio dell’ apollo 15 il 3 agosto 1971, (ricordo la data perchè coincide col mio compleanno) vi fu un balckout, l ‘astronauta Al Worden mentre “passeggiava” per il suolo lunare intercetta (involontariamente) via radio, o meglio, sente dalla sua radio una voce incomprensibile dai toni acuti, stridenti e rochi, che dice questa frase a tutt’ oggi incomprensibile:

“Mara rabbi allardi dini endavour esa couns alim”

Forse un giorno potremo ascoltarla anche noi, il tutto oviemente fu registrato.
Penso sia una delle paure più grosse che un essere umano possa provare, da solo, sulla luna, all’ improvviso, una voce incomprensibile e minacciosa dal nulla.

L’evento da te citato ha offerto lo spunto per l’incipit di un romanzo horror di Dean Koontz,The Taking.

Inquietante…certo che la curiosità di sentire quella voce è fortissima :slight_smile:

Ma siamo sicuri di questa cosa? Sul sito di Worden non se ne fa menzione, e su Internet, a parte i soliti siti di conspiracy theories, non c’è nulla.

cavolo fa paura solo a leggerla! potrebbe essere il titolo di un album. anzi lo prenoto come titolo del mio primo album solista di theremin.

ma qualcuno ha cercato di carpirne il significato?

Secondo me gli era partita al contrario la cassetta degli Who che stava ascoltando sul mangianastri incorporato nella tuta :wink:

Ammesso e concesso che sia vero, ti pare che la Nasa permetterebbe di rendere ufficiale l’esistenza di forme di vita aliena?
Voglio dire: l’uomo va in panico per un immigrato maghrebino, figuriamoci se scoprisse l’esistenza degli alieni.