La donna del treno (Carlo Lizzani, 1999)

La Donna Del Treno

CastAntonella Fattori, Alessio Boni, Antonio Salines, Anita Caprioli, Francesca Bianco, Gilberto Idonea, Franco Castellano, Emilio BonucciRegiaCarlo LizzaniSceneggiaturaPiero Bodrato, Romolo Guerrieri, Carlo Lizzani, Roberto Gianviti
Durata 03:00:00 Genere Miniserie Tv, Poliziesco

[b] La storia di un amore impossibile
fra una donna magistrato e il principale indiziato di un omicidio.
Un giallo-poliziesco firmato da Carlo Lizzani

         UNA PRODUZIONE REALIZZATA DA
        Turi Vasile (Laser Film) per Rai Fiction
        SOGGETTO
        Roberto Gianviti, Romolo Guerrieri
        SCENEGGIATURA
        Piero Bodrato, Carlo Lizzani,
        Roberto Gianviti, Romolo Guerrieri
          PRODUTTORE RAI
        Carla Capotondi
        ORGANIZZATORE GENERALE
                     Enzo Tacchia
        DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA
        Nino Celeste
        ART DIRECTOR
        Luciano Sagoni
                                   COSTUMI
        Stefania De Guerra
        SCENOGRAFIA
        Fabrizio De Luca
        FONICO
        Andrea Moser
        MONTAGGIO
        Paolo Benassi
        CASTING
        Genny Tamburi

        PERSONAGGI E INTERPRETI
        (Maria Laura Morelli) Antonella Fattori
        (Mino Tonelli) [Alessio Boni](http://www.archivio.raiuno.rai.it/schede/9024/902497.htm)
        (Emilia) Claudia della Seta
        (Alfredo Tonelli) Renato De Carmine
        (Gemma) Anita Caprioli
        (Prof. Giotti) Antonio Salines
        (Procuratore Capo) Enzo Robutti
        (Ispettrice Rosetta) Francesca Bianco
        (Ispettore Romeo) Gilberto Idonea
        (Simona) Gaia De Laurentiis
        (Giorgio) [Franco Castellano](http://www.archivio.raiuno.rai.it/schede/9017/901772.htm)
        (Commissario Baldi) [Emilio Bonucci](http://www.archivio.raiuno.rai.it/schede/9018/901806.htm)[/b] 

in onda su sanmarinortv Sabato 1 Marzo e Domenica 2 Marzo ore 20:30:)

http://www.archivio.raiuno.rai.it/schede/0023/002366.htm

1 Mi Piace

Un giallo televisivo sobrio e formale, con un indagine ben condotta e una ricca famiglia borghese con molti scheletri nell’armadio. Il ritmo è un po’ lento e mancano le scene di impatto (l’omicidio viene evocato ma non mostrato integralmente), tuttavia rimane una discreta produzione gialla di fine millennio.

1 Mi Piace