La Grande Baise aka Il Grande Amplesso

(avviso agli spiritosi e ai cabarettisti, provateci e vi metto la reputazione in rosso)

Un amico mi chiede lumi riguardo questa still, da che film è presa secondo voi?E’ da un film o cosa? qualcuno sa niente?

Sembra la Lahaie ma non ci giurerei. In ogni caso non ha l’aria di essere un film italiano ma potrei sbagliarmi

L’architettura ha un non so che di brassiano…

A SWAT:ti ho mandato una mail in cui ti chiedo informazioni.

Mi basterebbe che tu mi mandassi l’immagine (possibilmente già “editata”) perchè mi è impossibile accedere a quel sito.

Grazie!

Che senso ha mandarmi una mail con la stessa cosa che hai scritto qui? :slight_smile:

Eccoti il link diretto all’ immagine:
http://img95.imageshack.us/img95/8537/mob1201087572715br2.jpg

Che senso ha mandarti una mail con la stessa cosa che ho scritto qui?

Ha il senso di una persona che voleva essere doppiamente sicura di farti un favore…

Ed eccoti qualche riga su quell’immagine.

E’ stata estrapolata da uno dei più visionari, visivi e grafici hard francesi dei settanta.

Io lo conosco come “La Grande Baise” (“Mes Nuits Avec…”) e mi pare che sia stato tradotto in italiano con “Il Grande Amplesso”.
Sui i mercati anglofoni è conosciuto come “The Kinky Ladies Of Bourbon Street”.

Diretto da Claude Mulot (Frédéric Lansac) nel 1975, il film è una perla assoluta per ogni amante del cinema sexploitation, “psichotronico” o psycho-hard che dir si voglia.

Della Coppola non si parlava ancora ma qui siamo alle prese con quattro suicide che si muovono all’interno di set intrigantissimi.

Arredamento memore dell’Arancia Meccanica, sculture ed oggettistica fallica ovunque, alle pareti è tutto un delirio di genitali femminili sprofondati nel porpora e nel blu.

Un approccio etereo che ben serve la crudezza delle scene di sesso.

Reminiscenze pure di registi italiani dell’epoca visto che a qualcuno sono venuti in mente Bava & Co. con tutti quei filtri rossi e blu e quell’approccio “grafico” in un contesto pornografico.

E non poteva mancare nemmeno un commento musicale del tutto “groovy” per questo delirio.

Un “buongustaio” quel tuo amico…

Complimenti! A questo punto tutti a caccia del film!

sembra davvero una figata!

Grazie Marcello per il graditissimo aiuto.

Ma come sei arrivato alla soluzione? Conoscevi/visionato il film?
Sai nulla sulla reperibilità?

Qui la locandina originale:

Beh…essendo un fanatico di estetica “70”, di “golden age” e di psichedelia non potevo non conoscere quel film.

Stiamo sempre parlando di un film xxx (questo lo voglio ben chiarire perchè non vorrei che qualcuno, dopo aver letto il mio entusiastico intervento di sopra, si aspettasse di assistere ad un Kubrick mancato…), prodotto per il “consumo nascosto” ma degno di starsene lì sulla mensola dove teniamo “Misbehavin”, “Maraschino Cherry”, “La Foire Aux Sexes”, “Behind The Green Doors”, “Odyssey”, “Alpha Blue” ma anche “The The Lickerish Quartet” o “Up”.

Io ho il dvd (e per fortuna perchè con tutto quell’ “avanti-indietro” la vhs l’avrei già disintegrata…) per i tipi dell’Alpha France (Parigi, Rue Pierre Charron, 64 - tel.:0145634411).

Curiosamente sul dvd stesso è riportato come regista Michel Barny e non Frédéric Lansac.
Probabilmente Barny (aiuto-regista del Lansac) girò qualcosa e poi i soliti “pasticci” e “passamano” delle distribuzioni dell’epoca ci misero il resto.

Ma il film è sicuramente stato partorito dal Mulot/Lansac.
E fra le altre cose annovera fra le sue fila un altro nome ben noto ai cultori di hard francese: Gerard Kikoïne (al montaggio).

Scusate, ma state facendo un gran casino.
Si tratta infatti di due film diversi. La grande baise è un film del '77 di Lansac/Mulot, e in Italia è EXHIBITION BLUE. Invece Mes nuits avec… Alice, Penelope, Arnold, Maud et Richard è un altro film di Lansac/Mulot, di un anno precedente, e in Italia è IL GRANDE AMPLESSO.
Ah, non vi si può lasciare soli un attimo…

Tranquillo…me mi puoi lasciare solo anche più di un attimo (ed anzi…quando mi gusto di simili pellicole pretendo la assoluta solitudine!).

Quindi spiego subito l’arcano…

Quel La Grande Baise che dici tu è un’altra produzione che sfruttò la “scia” dell’omonimo e ben più celebrato film al centro di questo topic.

Quando si parla di questo genere di lavori si incappa in mille o più titoli, mille o più interpretazioni, mille o più “concessioni”.

Piazzo qui sotto degli estratti di produzione da un sito che racconta le gesta del signor Francis Leroi. E cioè il produttore storico che mosse entrambi le produzioni di cui stiamo parlando qui.

Et voilà:

1975 :PRODUCTEUR : MES NUITS AVEC ALICE,PENELOPE, ARNOLD et MAUD (en vidéo : " LA GRANDE BAISE") (95 minutes) 35 mm couleur / réalisation et co-scenariste : Michel Barny/ co-scénariste et co-réalisateur : Frederic Lansac/avec Helga Trixi, Véronique Monod, Dawn Cummings, Nadja Mons, Françoise Avril, Richard Allan,…/ photo : Roger Fellous/ musique : Bernard Loubat, chanson : Vanina Michel/ montage : Gérard Kikoïne/montage : Gerard Kikoïne/ directeur de production : Henry Dutrannoy/ Production Cinéma Plus/ Distribution Alpha-France (FFCM)/ classé X.

1977 : PRODUCTEUR : LA GRANDE BAISE (90 minutes) / réalisation et scénario : Frederic Lansac/ avec Karine Gambier, Alban Cerray, Martine Semo, Thierry de Brem, Guy Royer / photo : Roger Fellous/ musique : Jean-Pierre Pourret et Dany Darras/ montage : Annabelle/ directeur de production : Henry Dutrannoy/ Production Cinéma Plus/ Distribution Alpha-France (FFCM)/ classé X.

Quindi, concludo, sia per quisquiglie prettamente filologiche sia per importanza intrinseca della pellicola…“La Grande Baise” più “grande” è quella da cui è stato estratto il frame di sopra.

Buona visione a tutti!

EXHIBITION BLUE l’ho anche visto al cinema nel 1981, e utilizza solo alcune scene montate anche nell’altro film. Sono però a tutti gli effetti due film diversi. Se non credi a me (che ho esperienza quasi trentennale con l’hard) leggiti i testi francesi, ad esempio le schede della Saison… Ti ringrazio per le lezioni e per le spiegazioni, ma hai cannato il titolo del topic. La grande baise non è affatto IL GRANDE AMPLESSO. Un po’ d’umiltà non sarebbe male, in questi casi.

Primo il titolo del topic non è mia opera e quindi non vedo come ne dovrei rispondere io.

Secondo non ho mai scritto che sono lo stesso film (dove l’hai letto?).
Anzi ho cercato di spiegare (la fonte lì citata è il produttore) le vicende delle due lavorazioni.
Ti sei lasciato prendere da troppa emotività e hai forse mal interpretato il mio intervento.

Se si va a vedere quello che ho scritto si legge che che La Grande Baise è il titolo che la produzione/distribuzione scelse per la versione “video” della pellicola.
Nemmeno in questo caso si tratta di una scelta mia e la tua ultratrentennale esperienza per sale a luci rosse non ne viene in nessun modo intaccata.

Fra l’altro quello che veniva proiettato nelle nostre sale era spesso e volentieri pasticciato da scelte del distributore locale.
Mi ricordo la fine che fece un ben più noto “Up” quando arrivò nelle sale a Milano (ebbero il coraggio di inventarsi un “Le Deliranti Avventure Erotiche Dell’Agente Speciale Margo’”).

Per questo io preferisco dar più credito alla testimonianza del produttore francese che alle scelte del distributore italiano.

Mi si vuole incolpare anche di questo?

Poi, visto che mi hai provocato, un paio di aggiunte di “modo & modi”.

Qui qualcuno aveva chiesto un favore.

Chi ha risposto?

Tu sei saltato fuori adesso (mi chiedo dov’era la tua trentennale esperienza quando c’era da dire, semplicemente, da dove proveniva quell’estratto) con un atteggiamento aggressivo del tutto non-costruttivo, a darmi contro.

Io sono persona gentile e con un altro approccio alle cose.

Non ti ho fatto notare gli errori nel tuo primo intervento (il film è del 1975 e l’altro quindi non è di un anno dopo) proprio perchè sono contrario agli atteggiamenti antipatici.

Ma il regolamento di questo forum non l’ho letto forse bene e chi, come te, esibisce un bell’“oracolo” in avatar probabilmente si può permettere simili uscite verso un pivellino, ultimo arrivato, qui dentro.

Allora, cordialmente, ribadisco il mio atteggiamento.
Che è sempre quello di aiutare e non di esibire esperienza o qualsivoglia supremazia all’interno di un forum.

Cordialità.

No, non ci siamo proprio.

  1. tu hai scritto: Io lo conosco come “La Grande Baise” (“Mes Nuits Avec…”) e mi pare che sia stato tradotto in italiano con “Il Grande Amplesso”. Questa frase contiene due errori sostanziali: La grande baise e Mes nuits NON sono lo stesso film, e La grande baise NON è Il grande amplesso.

  2. il titolo del topic è stato scritto in base alle tue errate affermazioni, quindi sei tu il responsabile del titolo errato.

  3. In questo caso i pasticci dei distributori locali non c’entrano un cazzo. Ho qui i miei appunti di quando l’ho visto in sala, e parlo a ragion veduta. E, guarda caso, i miei appunti coincidono alla lettera con gli annuari francesi oggi disponibili. Voi della “video generation” vi basate solo su quello che si conosce oggi, ovvero sulle versioni pubblicate in video e manipolate a posteriori.

  4. Sui criteri di datazione di un film possiamo dibattere per decenni. Comunque"Mes nuits" ha ottenuto il visto censura francese nel giugno 76 ed è uscito nelle sale sempre nel giugno 76, mentre “La grande baise” ha ottenuto il visto nel luglio 77 dopo che era uscito in sala a Parigi già in giugno 77. Quindi sulla datazione ho ragione io e non tu, che più in là di Internet non arrivi, quanto a fonti.

  5. Per tutte le altre informazioni ti invito a leggere, se lo vorrai, il libro sul cinema hard che uscirà tra qualche mese, e dove potrai anche trovare l’elenco di tutti gli hard mondiali distribuiti al cinema in Italia dalle origini fino al 1984.

  6. L’avatar “oracolo” ovviamente non l’ho messo io. Nessuna esibizione di superiorità, solo un invito ad essere meno presuntuosi e arroganti. Soprattutto, poi, se l’interlocutore - non per meriti propri ma per esclusivi motivi anagrafici - ha più esperienza, e ha vissuto nelle sale l’epoca d’oro dell’hard, schedando tutti i film. Insomma, sei capitato male…

Curioso…

Proporrei un referendum fra i presenti.

Chi qui risulta essere più presuntuso e poco umile?

Chi ha agito per rispondere ad una richiesta (e ci ha messo dell’impegno e dell’entusiasmo fornendo ad alcuni una curiosità in più per un approfondimento) o chi, condendo il tutto con “cazzo”, “cultura trentennale”, “non ci siamo proprio” e altre simili piacevolezze sembrerebbe dare credito solo alla logica reazionaria del partito che sembrerebbe promuovere col suo nick (prendetela sul ridere eh?)?

Il bello è che mi hai pure sottolineato quello che ho scritto sbandierandolo come un punto a tuo favore: Io lo conosco come “La Grande Baise” (“Mes Nuits Avec…”) e mi pare che sia stato tradotto in italiano con “Il Grande Amplesso”…

Facciamo pure l’analisi logica del mio periodo…che vuol dire IO LO CONOSCO…MI PARE CHE SIA STATO TRADOTTO…

Vuol dire forse che stavo a sancire una verità biblica?
Che vuol dire per voi MI PARE eh?
Vuol dire “forse che” o sancisce un imperativo “oggettivo”?

Ditemi voi…

Mi vorrete mica dire che “noi della video-generation” non sappiamo l’italiano?

Ma qui, ripeto, il grave non è tanto il cosa si è scritto, ma il TONO e le INTENZIONI dello scrivente.

Mettiamo che qui ci sia pure un ignorante presuntuoso della video-generation (io) e un saccente pluri-esperienziato con licenza di bacchettamento.

Bene.

Pensate che per il bene della “cultura” sia più “proficuo” ingenerare curiosità e interesse per un documento filmato o imporre conoscenza andando avanti a spintoni e a punti esclamativi?

Rileggete pure tutto il topic da quando era stato creato.
Seguitene le logiche e tirate le somme.

Vi è venuta voglia di vedere il film per quello che ha scritto l’ignorantissimo Marcellino (che vi ha parlato del film col suo italiano da video-generation) o per le bacchettate puntigliosissime dell’oracolo?

Chi ha seguito di più le logiche della richiesta originaria?

Chi, insomma, ha aiutato di più?

Senza farsi prendere da nessuna spinta precostituita provate a rispondere a questi quesiti.

Poi potrete sempre decidere che chi più vuol aiutare meno è umile…

Ringrazio qui (visto che non mi è possibile farlo personalmente, i commenti sono anonimi…) chi mi ha sostenuto.

Grazie!

Chi incontrasse difficoltà (ma non voglio togliere il piacere della “caccia” a nessuno! Ne comprendo la “goduria”) nel reperire il dvd mi faccia un fischio che penso di poter fornire delle buone piste.

Ciao!

marcè da presuntuoso matricolato e scassacazzo forumistico ormai smaliziato ti dico che a.n. non voleva offenderti e che stava solo apportando suo contributo alla discussione.
pero siete tutti pazzi (faccia affettuosamente sorridente)

Ha ha ha…ma non mi sono offeso…consideravo solo con un poco di amarezza che mi era toccato sentirmi dire per aver voluto parlare di un film che da alcuni non era conosciuto.

Capiso bene che gli possano venire i brividi di fastidio nel leggere il titolo del topic.

Ma non c’è bisogno di rodersi il fegato per così poco!
Quando arriverà Swat metterà della reputazione rossa a me e cambierà il titolo in pochi secondi, tutto risolto!

Ho davanti ora una pubblicazione alla quale sicuramente han collaborato personaggi che qualcosa ne sanno e possono accedere a informazioni e archivi facilmente.
Ebbene pure qui è riportato (anno 1975) “La Grande Baise” o “Mes Nuits Avec…” come “Il Grande Amplesso”.
Certamente io sono prontissimo a credere che sia un errore pure questo come dice il buon A.N…
…solo che non credo che sia così importante e fondamentale per il vero interesse che si può avere nei confronti della pellicola.

Ora che tutto è stato (mi sembra) spiegato e il bersaglio è stato centrato…va che ve lo dovete vedere eh?

Finita questa allegra diatriba domenicale… A.N. o Marcello fatemi gentilmente sapere il titolo corretto per il topic (da me scritto)

>Chi ha agito per rispondere ad una richiesta (e ci ha messo dell’impegno e dell’entusiasmo fornendo ad alcuni una curiosità in più per un approfondimento) o chi, condendo il tutto con “cazzo”, “cultura trentennale”, “non ci siamo proprio” e altre simili piacevolezze sembrerebbe dare credito solo alla logica reazionaria del partito che sembrerebbe promuovere col suo nick (prendetela sul ridere eh?)?

Certo che, leggendo coglionate simili, vien proprio voglia di chiedersi da dove esce questo forumista dell’ultim’ora, che bada alla forma e non alla sostanza, ai toni e non alle fesserie che continua a scrivere… Impara da Pappo, che bada alla sostanza e sa che in questi luoghi si può polemizzare aspramente senza per questo perdere il rispetto reciproco. E continua a fidarti delle tue fonti internettiane, magari anche dell’IMDB, che arriverai lontano…