Led Zeppelin reunion

Ennesima reunion…
Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham (il figlio di Bonzo) suoneranno assieme in un concerto in memoria del loro ex manager.
Si parla anche della possibilità di un tour mondiale…

Come sempre, mixed feelings: da un lato queste operazioni di reunion mi paiono sempre delle operazioni tipo mostro di Frankenstein per cercare di far rivivere qualcosa che è già morto e sepolto da tempo, ma dall’altro penso anche che se il gruppo arriva sul palco carico e ben motivato, con la scaletta adeguata e la grinta giusta, allora ben vengano le reunion per chi non ha avuto la possibilità di goderseli all’epoca. Che sia un bluff o meno dipende solo da loro… io, se solo sentirò i commenti giusti e se faranno quel famoso tour, mi sa che andrò a vedermeli di corsa.

La speranza è che Jimmy Page si sia ripassato un po’ di tecnica strumentale.
E’ sempre stato un po’ approssimativo nei suoi interventi solistici, peraltro di gran gusto, ma all’ultima reunion che ho visto aveva suonato in modo davvero pietoso, con miriadi di errori. Ha comunque scritto e suonato pezzi memorabili.

Che io sappia (e mi sembra che lo confermò anni fa Richard Benson in una sua trasmissione, riferendosi al disco inciso in coppia con David Coverdale dei Whitesnake) ormai Page, che come dici tu non è mai stato un “dio” se paragonato a Jeff Beck (o ad altri chitarristi UK dell’epoca come Alvin Lee, Peter Green o il Kim Simmonds nei Savoy Brown del primo periodo), ha l’artrite alle mani quindi non credo sia possibile un miglioramento della sua tecnica chitarristica… semmai ci sarà un peggioramento! :frowning:
Che ovviamente si può mascherare benissimo fino a che si suona in studio… ma quando ci si esibisce dal vivo?

Non lo sapevo che aveva l’artrite. Mi dispiace.
Comunque io ho detto sostanzialmente che non è mai stato un “dio” dal punto di vista tecnico; era solito, addirittura, incidere su disco assoli con stecche varie :smiley: (basta ascoltare ‘heartbreaker’). Compositivamente parlando, invece, è stato forse il migliore del periodo (fine '60- inizio '70). Questo è il mio parere personale naturalmente.

Infatti… è quello che dicevo anch’io avallando la tua tesi riguardo le sue deficienze tecniche pre artrite (che ovviamente non intaccano le sue grandi qualità di compositore) ed elencando alcuni dei chitarristi inglesi suoi contemporanei che, IMHO, anche all’epoca lo surclassavano tecnicamente

Che io sappia Robert Plant in una conferenza stampa ha smentito l’ipotesi di una reunion

qui non c’è se o ma che tenga. vederli assieme sarebbe mistico, ci son pochi cazzi… anche perchè Plant ha ancora la voce. se poi fanno un tour, riuscirò ad andarci e se faranno cacare sarò il primo a dire che hanno fatto cacare.
ma qui si parla di divinità. e con le divinità non si scherza.