Maladolescenza (P.G. Murgia, 1977)

Che cosa ne pensa la gente di rispetto del forum di questa controversa pellicola di Pier Giuseppe Murgia?

Io l’ho visto per la prima volta proprio ieri sera è l’ho trovato un’occasione sprecata. Poteva essere uno dei film più “bastardi” e perversi mai reallizati ed invece la prima mielossisima e noiosa parte, il finale e l’osare solo sulla parte erotica a metà film me lo hanno reso un film “nè carne nè pesce”; anche se ovviamente le nudità delle ragazzine fanno molto strano e non lasciano del tutto indifferenti!
Inoltre ho trovato davvero pessima la performance attoriale di Martin “Bellicapelli” Loeb che sembra Mauro Repetto da giovane!

p.s.: ma nel dvd della x rated manca una scena? Ho visto negli extra parecchie foto di scena ritraenti i 3 ragazzi nudi nell’acqua?..

Votato la tre. E’ un filmetto erotico che senza le ninfette desnude non avrebbe avuto ragion d’essere.

Non sono d’accordo. Io lo rivaluterei: ho votato “una discreta pellicola erotica”, anche se il termine erotismo dovrebbe essere sostituito con “psicologica”. A mio avviso è infatti molto più interessante il tema della sudditanza psicologica, della vera e propria schiavitù psicologica che si instaura dapprima da Maurizio con Lara Wendel, poi con Eva Ionesco.
E’ indubbiamente un film “malato”, nel senso che la perversione del protagonista maschile raggiunge livelli alti di sadismo, nel segno della migliore tradizione sadiana…un sadismo che, in effetti, è presente nei bambini e negli adolescenti (Freud insegna).

In effetti con il mio primo intervento, quando scrivevo dell’occasione sprecata, mi riferivo proprio a questo; la parte che più mi ha convinto è proprio quella centrale in cui si instaura quel gioco perverso tra i 3 che però non viene poi sviluppato come si sarebbe dovuto. Sarebbe potuto diventare a mio avviso una sorta di “funny games” (scusatemi l’esempio) infantile invece, un pò per l’inadeguatezza del protagonista maschile che più che un sadico bastardo sembra un babbo di minchia, tutt’ altro che credibile, e un pò per delle parti (soprattutto quella iniziale) inadeguate non decolla come avrebbe potuto.
Ovviamente questo è il mio parere!

Mi chiedo con un soggetto del genere cosa sarebbero riusciti a fare un Michael Haneke, o un Agustí Villaronga o un Fabrice Du Welz (Calvaire)…

Non c è l opzione: una grossa occasione mancata. Bel soggetto malato, come poi sottolinei tu Nazariota, con veramente tante potenzialità. Ma il tutto è giostrato malissimo, con una lentezza soporifera e una sceneggiatura debolissima. Di questo un remake sarebbe duopo. Ma sarebbe impossibile farlo ora!

Si, sul fatto che Loeb sia un babbo di minchia :smiley: , beh, nulla da eccepire, è la sacrosanta verità!
ed è altrettanto vero che Murgia non è un genio registico, però, ripeto, quello che reputo positivo del film è proprio la delicatezza con cui viene trattato il tema della perversione adolescenziale, della scoperta del sesso…se avesse calcato la mano il risultato non sarebbe stato così poetico: si, per me, parte iniziale inclusa, è un film che ha una certa poesia, una certa leggerezza, amplificata dalla colonna sonora, basata su temi musicali medievali.

Che il copione avesse delle potenzialità non lo metto in dubbio, ma bisogna guardare al risultato; e la mia impressione è che al regista interessasse di più focalizzare l’attenzione sulle nudità dei tre giovani porcellini che si rotolano sul prato rispetto ai risvolti morbosi, che ho trovato abbastanza pretestuosi. Alla fine m’è parso un film troppo malizioso per essere adatto ad un vasto pubblico, ma al tempo stesso non abbastanza cattivo da lasciare il segno. Nè carne nè pesce.

No, secondo me no, avrebbe potuto indugiare maggiormente se avesse avuto quest’obiettivo. A me ha dato l’impressione di esser stato girato con mano delicata, altrimenti il tema, di per sé già pesante (in effetti siamo in pieno ambito pedofilo, vista l’età dei partecipanti), sarebbe diventato insostenibile.

L’ho visto circa un anno fa. Ero molto curioso. Mi ha deluso tantissimo. Un film senza sceggiatura, con dialoghi ridicoli (di Barbara Alberti - ndr), location poverissime, due bambine spaesate e un giovine irritante, un bosco e un cane… Dire che la cosa che si salva sono le nudità acerbe è imbarazzante per chi lo dice e per il regista… Sono comunque d’accordo che sia stata un’occasione mancata o sprecata, ovviamente irripetibile.

Ho votato la terza opzione,comunque io ho sempre avuto un debole per la Wendel,e devo dire che anche le musiche del maestro Caruso che fanno da colonna sonora al film non mi dispiacciono affatto.

perfettamente d’accordo con l’etrusco malefico;)
senza il nudo posteriore (in cui si intravedono peli pubici) della biondina-figlia di madre attrice erotica- Ewa Ionesco, sarebbe anche troppo autocensorio.
Cmq da vedere.

Anche se non molto avvincente, credo che contenga molti elementi che lo elevano a cult movie.

Stasera al lumière di bologna alle 22.45 , nell’ambito della rassegna Route 77, Maladolescenza, in pellicola. A seguire gola profonda.

Anch’io ho votato la terza opzione salvando le musiche e l’intenzione. Il resto è proprio un’occasione mancata

Sala molto piena, non me lo sarei mai aspettato, sono arrivato qualche minuto prima come mio solito e ho trovato una coda lunghissima alla cassa, perdendomi così i primi 5-10 minuti di film. Credo sia stato uno dei maggiori successi di pubblico della rassegna (certo, sicuramente aiutava anche il fatto che con lo stesso biglietto si assisteva anche a gloa profonda - pellicola, versione francese).

Che bella la fotografia delle scene girate nel bosco, io non ho mai visto il dvd ma soltanto una vecchia copia in vhs del film che non le rendeva assolutamente giustizia! Molti piccoli particolari che non avevo mai notato rendono ancora più morboso il tutto, come la cura per gli abiti delle ragazze, le trasparenze, ecc…

Ho notato due sequenze che mi sembra fossero assenti dalla vecchia vhs kineo, qualcuno che ha il dvd può dirmi se in esso ci sono?

  1. Alcuni primi piani del piccione che viene colpito con le frecce da silvia e fabrizio, che mostrano chiaramente tutto quanto. Questa sequenza sono pressochè certo che non ci fosse perchè vederla mi ha molto disturbato, me la ricorderei…

  2. Quando laura viene obbligata ad assistere al rapporto tra gli altri due ragazzi, a un certo punto in coda alla sequenza si assiste a un breve prosieguo della stessa. La grana diventa molto più grossa, sembra un 16mm o un super8 gonfiato. Questo breve frammento mostra qualche altro piano (non esplicito) dei due che amoreggiano e si chiude su laura che piange nascondendo il capo dietro il tronco di un albero.

Com’è allora il dvd?

Mi sembra che nel dvd la scena del piccione sia completa,ma anche nella vhs a dire la verità.L’ altra scena dovrei riguardarla.

Forse allora la mia vhs si vedeva così male che non riuscivo a distinguere bene idettagli… E’ posibile in effetti

Vale a dire?

Beh, posava nuda da quando era ancora in fasce, praticamente… Si vede che sapeva fare il suo mestiere

c’ero anch’io!
non male a mio avviso, la giusta dose di cattiveria, malsano, onirico, delirante. le tinte pastello estremamente seventies sono il giusto contrappunto della vicenda.

Ho votato pur’io la terza opzione. Sicuramente un film bizzarro, con i soli tre protagonisti (e un cane…) e nessun’altro sullo schermo, gli adulti lasciati a margine della faccenda…però poi tutto si riduce a 3 undici-dodicenni nudi che attraversano 90 minuti di film…

ps- ma il DVD tedesco sarà integrale? :confused: