My Soul To Take (W. Craven, 2010)


http://www.imdb.com/title/tt0872230/

Inqualificabile zozzeria diretta da uno che di schifezze su celluloide se ne intende: il mai abbastanza sopravvalutato Wes Craven.
Questo “My Soul To Take” è veramente tremendo, un thrillerino slasher di rara bruttezza con un coefficiente di noia così elevato che sarebbe da considerare illegale.
Il film parte a mille all’ora, in 5 minuti accade di tutto e di più, con una serie di azioni completamente assurde da parte dei personaggi e con una compilation di forzature che lasciano basiti. Poi il film diventa l’apoteosi della noia, con dei ragazzini antipatici che trascinano per un centinaio di minuti una storia della quale non frega nulla a nessuno, ricca di banalità clamorose e di colpi di scena ultra telefonati.
Che poi la confezione non sarebbe neanche tremenda (la fotografia notturna è abbastanza curata e alla fine ci sta) ma è proprio la storia che fa ridere e che irrita per le incongruenze che accumula. E poi, diciamolo, non si sentiva proprio il bisogno dell’ennesimo teen slasher (che peraltro ha un’aria molto seriosa, senza neanche un nudo o una scena di sesso) dove c’è un killer mascherato che sembra un incrocio tra Predator e il cantante dei Korn.

Insomma, l’ennesima schifezza partorita da quel grande cialtrone di Craven che dovrebbe davvero considerare l’ipotesi di ritirarsi dalle scene.