No Filter Festival

Chi

Il No Filter Fest nasce da una proposta della “People of a certain level – Produzioni”, piccola etichetta di produzioni video digitali indipendente, su interessamento di “Lsx – Letteralmente di sinistra”, associazione politico-culturale di studenti dell’Università di Bologna, col contributo tecnico di Kinoglaz01, associazione di studenti universitari attivi nell’utilizzo della tecnologia digitale applicata ai video, e di numerosi singoli, gruppi, associazioni artistiche culturali e/o impegnate nel sociale, dell’area bolognese ma non solo. La manifestazione verrà realizzata grazie al contributo finanziario dell’Università degli Studi di Bologna e altri, in base all’esito delle richieste di finanziamento fatte dagli organizzatori.

Cosa

Il No Filter Fest consisterà nella progettazione e realizzazione di una rassegna di produzioni video (cortometraggi, documentari, videoclip) indipendenti, cui faranno da cornice una serie di iniziative parallele (“effetti collaterali”): ogni manifestazione all’interno degli spazi del festival sarà accomunata dalla accettazione informale iniziale del “manifesto” adottato dai proponenti l’iniziativa.

Dove

Il No Filter Festival si svolge a Bologna, nel cuore della città vecchia, non distante da piazza Maggiore, tra via S.Vitale e strada Maggiore, negli spazi di Vicolo Bolognetti 2 generosamente concessi dal Quartiere S. Vitale. Una sala per proiezioni e conferenze, un quadriportico ed un chiostro all’aperto, ospitano l’allestimento e lo svolgimento delle attività in programma durante il festival.

Quando

Il No Filter Fest si svolgerà in tre serate del mese di Maggio 2007: 23, 24, 25. Entro e non oltre il 15 Aprile 2007 dovranno pervenire le richieste di adesione di singoli, gruppi o associazioni alla categoria “effetti collaterali”. Entro e non oltre il 15 Maggio 2007 dovranno pervenire i materiali per la partecipazione alla rassegna video.

Perchè

Il No Filter Fest nasce con la prospettiva di restituire a Bologna un ruolo di avanguardia culturale, ultimamente sciupato. Nel tentativo di invertire il recente ed agghiacciante paradigma istituzionale e mediatico, bolognese e nazionale, che vuole rappresentare gli studenti “fuori sede” come una massa folle di chiassoni, cacatori, pisciatori, fumatori, consumatori, inzozzatori, paga-affitti invece che come una risorsa. Per alimentare quel circolo virtuoso di incontro, conoscenza, scambio, confronto che giovani artisticamente e socialmente impegnati possono generare. Per non aver trovato modo migliore di impiegare il nostro tempo.

Il No Filter Fest nasce dalla volontà di promuovere realtà e situazioni contemporanee diffuse, anche se spesso invisibili e tra loro slegate. Le tecnologie digitali, il web, hanno negli ultimi anni imposto modelli che aprono nuove prospettive al pensiero e al fare artistico. Il modello open source ed il discorso giuridico e politico che l’accompagna, i costi ridotti ed estetiche ancora da svelare, sono tra gli stimoli che ci hanno spinto a creare un contenitore per singoli esempi che possano essere esemplificativi di questi concetti. La tecnologia democratizzando, isola, il No Filter Fest si propone come luogo di scambio, di discussione, di visibilità. Tre serate multicolori che proporranno realtà differenti attorno al filo conduttore dell’indipendenza, dell’autoproduzione e della condivisione. Spettacoli dal vivo, film, cortometraggi, performance, documentari e conferenze, saranno accomunati dall’informale sottoscrizione del “manifesto” adottato dai proponenti l’iniziativa.