Olio di Colza e carburanti "Alternativi"

Come gentilmente chiesto da Basik;) apro un interessantissimo topic sui Bio-carburanti in alternativa al petrolio e ai suoi derivati raffinati. Che rischi ci sono? :confused: Ma è vero che rendono uguale?:confused:
Devo ammettere che è sempre stato il mio sogno quello di mandare affanculo il mio benzinaio, coltivare canna:D :wink: da zucchero e colza e girasoli e comprarmi una Corvette Stingray del '78 e un bel Ram 7.4L Turbodiesel in culo ai consumi…:cool: :cool:

Sogni o realtà???:confused:

Diverse le opinioni…

Qui , x cominciare, la verità Beppegrillosa;):frowning: :frowning: http://www.beppegrillo.it/2005/05/olio_di_colza_q.html
altro…
http://www.ecoage.com/biodiesel-olio-colza.htm
http://www.repubblica.it/2005/c/motori/marzo05/colza1/colza1.html
http://www.altroconsumo.it/map/src/84311.htm
http://www.teatronaturale.it/articolo/1353.html
http://www.attivissimo.net/antibufala/colza/diesel.htm

Come giustamente si legge nei link ci sono pareri contrastanti al riguardo. C’è chi sostiene che sia dannoso x il motore e chi no. In parte sono d’accordo con Grillo in quanto l’utilizzo di carburante vegetale su grande scala porterebbe ad un disastro sociale e umanitario incalcolabile. Già oggi la Mc Donald’s utilizza il mais del Terzo Mondo x nutrire le loro mucche; non oso pensare cosa farebbe la Shell o la Esso domani x avere tutti i campi di grano del mondo. Che il petrolio sia ormai arrivato al capolinea lo sanno tutti. I costi di produzione e la scarsità dei giacimenti ne faranno presto un ricordo del passato. Molte case automobilistiche, tedesche in testa (e scusate l’orgoglio patriotico!) stanno investendo nella ricerca di motori che vanno dall’idrogeno fino alle batterie vere e proprie con le quali è possibile “fare il pieno” direttamente in garage attaccando la macchina alla presa elettrica. Sono tutte tecnologie esistenti. Basta solo metterle in pratica. Siccome viviamo nel mondo dei soldi e non dell’intelligenza ci vorrà ancora un decennio o due.

Il problema è sempre quello: come produrre idrogeno ed elettricità in quantità notevoli a basso costo?
Per l’elettricità il problema in Italia, allo stato attuale, è risolvibile solamente con la costruzione di centrali nucleari.
Per l’idrogeno, come già dissi in altra sede, si stanno studiando soluzioni che sfruttino l’energia eolica per scindere l’idrogeno dall’acqua di mare. Uno di questi progetti (sponsorizzato dalla Bmw) è in fase di realizzazione in Dubai :frowning:

Io invece penso che allo stato attuale delle cose è impossibile pensare in un breve lasso di tempo a idrogeno o trazione elettrica ad altissimo rendimento.:

[ol]
[li]Hanno ancora costi elevatissimi, proprio perchè, il petrolio è un business e a moltissimi sta a cuore che non venga abbandonato. Inoltre l’industria petrolifera ha investito troppo perchè venga soppiantata in qualche decina d’anni.
[/li]
[li]Ma siamo sicuri che il petrolio sia davvero agli sgoccioli? Siamo sicuri che non siano tutte fandonie x tenere su i prezzi e prenderci x necessità?Ho sentito dall’uff. Stampa Eni che si vanno scoprendo giacimenti nuovi, ogni giorno e che sono in fase di studio nuove e più produttive tecnologie di trivellazione per aumentare lo sfruttamento di un giacimento (che attualmente riesce ad essere totalmente sfruttato solo per il 40% se va bene…)
[/li]
[li]Ve le immaginate le case produttrici che hanno prodotto fino a ieri auto con motori endotermici, ricambi garantiti per 30 anni che devono convertire tutto x l’idrogeno o x chissà quale altra diavoleria?? Altro che '29, qua succederebbe un macello. E comunque seppur facessero(STO FACENDO UN ESEMPIOOO) le auto ad acqua ci vorrebbe “quell’acqua lì che dicono loro” e costerebbe 2 euro al litro, per ripagare tutti i notevoli investimenti messi in atto a catena per rendere operativa la nuova tecnologia. Inoltre un mezzo con quelle caratteristiche avrebbe prezzi elevatissimi, proprio per un discorso di tecnologia: ricordiamoci che le case automobilistiche devono VENDERE e GUADAGNARE: RICAVI > COSTI, quindi una 500 a idrogeno costerebbe come un BMW 540 di oggi, quindi tanta gente non ci starebbe…
[/li]
[li]Senza contare che poi qualcuno potrebbe uscirsene fuori con “Idrogeno”=“Nucleare”…Energia nucleare? No, Grazie…e…problemi, manifestazioni, scioperi, referendum…no, no, niente politica.
[/li]
[li]Siamo davvero nella merda
[/li]
[li]Quindi va sempre come voglioni i signori capi bastardi…ti fermerà la finanza(con tutto il rispetto per i nostri amici canarini) e ti farà una multa e un verbale kilometrico x frode fiscale aggravata, ecc ecc ecc…
[/li][/ol]
Quindi non mi potrò mai fare il pieno sotto casa con il mio secchiello di alcol appena distillato dalla canna da zucchero,piuttosto che far la spesa e comprare 10 carrelli di “Alcol Buongusto” e rivendere i recipienti alla “Fonte Bracca” … lo so, sono un sognatore e un ingenuo, ma i sogni tengono vivo l’uomo:( :frowning: :frowning:

A proposito del nucleare riporto uno stralcio di questo interessante articolo apparso sul mensile Newton.

“Nel 2000 un gruppo internazionale di Paesi (Argentina, Brasile, Canada, Francia, Giappone, Sudafrica, Corea del Sud, Gran Bretagna, Stati Uniti e Svizzera, a cui si è aggiunta in seguito l’ Unione Europea) ha dato vita al IV Generation Forum, un comitato di esperti incaricati di individuare le tecnologie per i reattori di quarta generazione. Le loro caratteristiche sono la semplicità e l’ economia di gestione, l’ elevata sicurezza, la produzione di una minima quantità di scorie e la possibilità di essere impiegati non solo per generare energia elettrica, ma anche per produrre acqua dolce dall’ acqua del mare e per estrarre idrogeno dall’ acqua, processi che richiedono temperature più elevate rispetto a quelle raggiunte dagli attuali reattori.”

Che palle sto nucleare. Viene sempre tirato in ballo perchè non c’è la vera volontà di ampliare sistemi alternativi e basta. Ma su questo andrebbe aperta una discussione a parte, per quant’è ampio l’argomento…

Le multe dovrebbero iniziare a farle a chi inquina. Più butti merda nell’ambiente più paghi.

Comunque i cinesi l’avevano vista lunga già da tempo: tutti in bici e via!

Sono d’accordissimo con quello che dici, Basik, anzi, dovrebbero far pagare bollo maggiorato a chiunque possieda un auto che abbia cilindrata superiore a un “Duemila”…x che non è giusto che un pandino 750 dell’82 non possa circolare col blocco del traffico mentre un Volkswagen Touareg 5.0 TDI V10 o un X5 o un Porsche Cayenne(e qui si potrebbe aprire un interessantissimo topic intitolato “I SUV, gli autocarri e le truffe”) invece sì…
Come se il nonnino con la sua alfa 33 quadrifoglio oro 1.5 alla quale fa manutenzione QUOTIDIANA e SCRUPOLOSA (perchè non ha altro da fare visto che è vedovo e in pensione) desse realmente fastidio, ma no, invece “Non è Euro 4” e allora non può circolare, mentre il buffone con il CLS 55 AMG che da solo inquina una città e fa 3km/l può circolare…andiamo proprio bene.

Alternativa etanolo:
http://www.automobilismo.it/edisport/automobilismo/notizie.nsf/AllDocID/I63ABDCF4CBE0C7FEC12571690057D7E6?OpenDocument

[quote=“Bmw2002”]
[li]Ma siamo sicuri che il petrolio sia davvero agli sgoccioli? Siamo sicuri che non siano tutte fandonie x tenere su i prezzi e prenderci x necessità?Ho sentito dall’uff. Stampa Eni che si vanno scoprendo giacimenti nuovi, ogni giorno e che sono in fase di studio nuove e più produttive tecnologie di trivellazione per aumentare lo sfruttamento di un giacimento (che attualmente riesce ad essere totalmente sfruttato solo per il 40% se va bene…)[/li][/quote]

Il petrolio NON è agli sgoccioli. Se ne trova sempre di nuovo, grazie anche a nuove tecnologie di sfruttamento.

Concordo, in Italia non ha senso.

http://pesanervi.diodati.org/pn/index.asp?y=2

Pareri non proprio nuovi… Comunque sullo spreco di energia per produrre idrogeno ne avevo già sentito parlare. Ma credo infondo che si tratti solo di ottimizzazione dei processi di produzione di esso.

Vabbè è quello che ho sempre detto io…

Più preoccupante il fatto che qui in Italia ancora non si parli di E85 (bioetanolo, ottenuto dalle coltivazioni agricole come granturco e canna da zucchero) come alternativa alla benzina, mentre in altri paesi, Nord Europa, è già diffuso.
E ricordo che a livello europeo si è deciso di ridurre la produzione di zucchero in Italia, tanto che (almeno qui nelle Marche) hanno chiuso diversi zuccherifici e molti produttori di barbabietole da zucchero sono in grave crisi… e una bella riconversione della produzione non sarebbe male…

http://www.quattroruote.it/auto/MondoAuto/Attualita/visualizza_articolo.cfm?codice=55551

Beh, se il paese delle banane diventasse il paese dello zucchero sarebbe un miracolo :smiley:

Siamo messi davvero male…
Malissimo, anzi.

Tira tira la corda si spezza, comunque spero non faccia troppo male x tutti.:wink:

Uhm… e se mettessimo le banane nel motore??.. :smiley:

Eddie Murphy le mise nel tubo si scappamento in BHC1 e…funzionò:D

Può essere… in fondo sono assai zuccherose :D:D:D

Banane allo zucchero? Banana split? Banana Spliff? (copyright Drugo)

Biocarburanti
IL FUTURO NELLE ALGHE

La soluzione alghe non è nuova nel campo dei biocarburanti, ma la soluzione prospettata è frutto di anni di studi e pare promettere bene.
http://www.quattroruote.it/news/articolo.cfm?codice=257078

E’ arrivata l’ora di rinfrescare la discussione
Interessante la puntata di report di domenica 18/12.
Si parla anche nello specifico di biocarburanti, spero abbiate la pazienza di dargli un occhiata.