Open Range - Terra di Confine

Di e con Kevin Costner. L ho snobbato al cinema. Ora in molti me ne parlano bene… voglio recuperarlo a giorni. Che mi dite voi?!

Carino. Fondamentalmente è di una banalità sconcertante, ma scorre bene e ha dei bei momenti, nonché alcune parti di dialogo veramente pregevoli e cariche di sottintesi (una su tutte: quella riguardo al tipo di pistola… non ti dico altro, te ne accorgerai da te).

Io me lo sono visto un pomeriggio che non avevo nulla da fare e l’ho trovato molto gradevole… ma non mi ci strapperei i capelli, ecco.

Lo affittai in DVD un bel pomeriggio tranquillo di giorno che non c’avevo 'n cazzo da fare.
Il film (anche se non me lo ricordo benissimo) mi piacque abbastanza.
Bravi Kostner e la Bening, Duvall è una garanzia.
L’episodio del loro amico ciccione malmenato in paese (mi sembra sia una scena che fa parte di questo film) non mi è nuovo…devo averlo letto in qualche Tex!
Bellisime le ambientazioni all’aria aperta,Bello il duello finale e alcuni momenti, come il dialogo sul tipo di pistola, le timide conversazioni tra kostner e la Bening e I sigari cubani e la cioccolata di Duvall.

Un buon film a mio avviso.

Gran bel western.Sposa tutti gli stereotipi del genere ma non stanca,e c’è una gran bella sparatoria nel finale.Ad alcuni non è piaciuto il doppiaggio di Ward per Costner,io invece lo trovo azzeccato.

Ha detto bene Touch, è uno monotipo continuo.
Per questo non mi piace.
E kevine farebbe meglio a fare il contadino.
Duvall il poliziotto.

Qui fa il mandriano.Siamo lì…e poi,anche in qusto film Duvall è immenso.:cool:

Buon film, abbastanza sopravvalutato da alcuni critici; qualche lungaggine, ma la megasparatoria finale, nella sua brutalità e realismo, vale abbondantemente la visione. Nota personale: a parte Omero Antonutti per il vecchio Duvall, doppiaggio di qualità mediocre. Appunto per questo vorrei proprio rivedermelo in lingua originale, forse lo rivaluterei…

Costner è uno dei pochi americani che ha ancora il coraggio di fare (e amare) film western. I tempi lunghi, dilatati, delle cavalcate nelle verdi praterie, le sparatorie con i colpi che fanno (ancora) male, gli stereotipi del cowboy buono e del ricco proprietario terreno cattivo, la bella del villaggio, la trama come decine di altre (ma che importa?!)… un modo di fare cinema (western) come non si fa più da anni.
Non un capolavoro, ma un bel film.

Eccheduecoglioni i western di kevine.

Se ti riferisci a Wyatt Earp ti dò ragione.Però Open Range lo trovo tutto sommato godibile.

Per me l’unico western di kevine che gli è riuscito bene è Balla coi Lupi.
Che poi western non è.

Altro titolo in br preso a Vienna. Gli extra sono in pratica gli stessi presenti nell’edizione a 2 dischi Medusa, più un filmato sulla prima del film in Germania. A fare la differenza, però, è il master hd, mediamente ottimo e a tratti da togliere il fiato come nitidezza visiva. Inoltre, audio inglese DTS eccezionale: la sparatoria nel prefinale diventa qualcosa di epico, molto simile a quando lo vidi in sala! Per 9,99 euro, un grande acquisto…