Prima della lunga notte - L'ebreo fascista (Franco Mole', 1980)

Cinematografo.it

Visto da un riversamento della vhs CVR, il film di Mole’, già noto per essere marito di Martine Brochard, vanta un buon cast e una storia con delle potenzialità, tratta dal libro di Luigi Preti Un ebreo nel fascismo. Tutto sprecato.
Il film si dipana infatti con scarsa convinzione nella descrizione del rapporto coniugale tra Oberdan Rossi (Ray Lovelock) e Rosa (Silvia Dionisio) senza approfondire le tematiche storiche che il titolo potrebbe far pensare. Peraltro nel soggetto e nella sceneggiatura figura lo stesso Preti… insieme a Regnoli (e forse qui sta l’inghippo).
Ne risulta un filmino frivolo frivolo, a metà tra la commediuola e non si sa cosa.
L’amplesso tra la pasoliniana Ines Pellegrini e Lovelock è di un impacciato al limite del ridicolo.

Qualche bella immagine tratta dall’archivio de L’unità: