Profondo Rosso (D. Argento, 1975)

E’ disponibile l’Argento’s masterpiece in edizione (ampiamente annunciata…) alta definizione by medusa:

VERSIONE IN ALTA DEFINIZIONE:
L’alta definizione è un nuovo formato video nato per offrire agli spettatori più esigenti una qualità d’immagine decisamente superiore allo standard offerto dal sistema PAL. I vantaggi sono particolarmente evidenti per quanto riguarda la nitidezza e la definizione dei dettagli. Oltre al DVD ad alta definizione, per poter apprezzare le meraviglie dell’innovativo formato serve uno schermo o un proiettore in grado di gestire questo tipo di segnale, come i migliori TV al plasma e LCD e i migliori videoproiettori.
Più linee, più definizione, migliore qualità: Windows Media Video HD è un nuovo standard Microsoft con il quale sono realizzati questi dischi, che permette di inserire un film in alta definizione su un supporto DVD. Un disco HD ha una definizione tripla rispetto ai normali DVD. E non manca l’audio multicanale, con colonna sonora 5.1.

SCHEDA TECNICA:
VIDEO: Windows Media Video HD
SUPPORTO: DVD-ROM 9
RISOLUZIONE: 1440x816 pixel
FORMATO: 2.35:1
BIT RATE: 7,6 Mbit/s

  • COLONNA AUDIO ITALIANA: 5.1
  • WINDOWS MEDIA AUDIO: 9.0

CONFIGURAZIONE RACCOMANDATA

  • Microsoft Windows XP oppure Windows XP Media Center Edition
  • Letore Windows Media 9 Series o superiore
  • Processore Intel Pentium 4 a 3GHz o AMD 3000+512Mb di RAM
  • Scheda video con 128 Mb di memoria
  • Monitor ad alta risoluzione 1600x1200
  • DirectX Version 9 - Lettore DVD-ROM
  • Scheda audio multicanale 24 bits - Kit di altoparlanti 5.1 (amplificatore + altoparlanti)

…e l’affare si complica…

Se lo metto sul mio “normale” lettore quindi, lo vedo con una normale definizione o non lo vedo proprio ???

http://www.afdigitale.it/edisport/afdigitale/magazine.nsf/0/039ea80b00890423c1256f34005e30c9?OpenDocument

Non lo vedi proprio. Per questo motivo nella suddetta edizione è contenuto anche il film nella versione tradizionale.

Le soluzioni sono tre… o te lo guardi sullo schermo del tuo pc, o colleghi il tuo pc ad un videoproiettore o un televisore di ultima generazione LCD o PLASMA (come ho fatto io), o aspetti che in Italia escano i primi lettori dvd stand-alone ad alta definizione (in quest’ultimo caso è sempre necessario un monitor PLASMA o LCD).
Io ho optato per la seconda soluzione dato che ho il pc nella stessa stanza del plasma. I risultati sono sconvolgenti, utilizzando l’ingresso DVI o VGA del plasma con il PC come sorgente non ci sono paragoni con nessun lettore dvd attualmente in commercio, e non mi riferisco solo ai film in alta definizione (per altro in Italia sono usciti solo 4 o 5 titoli al momento) ma con qualunque film in dvd.

Essendo questo uno dei miei 3 film preferiti di sempre e avendo preso per foga il dvd Medusa il giorno di uscita,avrei una domanda-favore.
Qualcuno di Voi che possiede anche la versione HD potrebbe postare un fotogramma della stessa scena nelle due versioni(dvd normale dvd HD)?
Vi ringrazio anticipatamente

leggevo oggi su un libro, che dopo PROFONDO ROSSO a Clara Calamai, gli proposero nel corso della seconda meta’ dei ‘70 tre ruoli in tre film diversi da assassina (chissa’ quali film…), ma lei (giustamente?) declino’, perche’ a suo dire: “non volevo terminare la mia carriera con questa immagine”, anche se poi e’ successo uguale, visto che PROFONDO ROSSO l’ha marchiata…

A dirla tutta, un convincente ruolo di assassina l’aveva già ricoperto nel viscontiano Ossessione…

Questo film, non l’ho mai visto, anzi, se debbo essere sincero non ho visto (a parte P.R.) nessun film con Clara Calamai.
Evidentemente e’ un ruolo che ben gli riusciva! Allora i tre registi che le proposero di ripetere la parte nei '70, ci avevano visto bene!

Be’, l’impostazione era diversa: il film di Visconti è una libera trasposizione del romanzo Il Postino suona sempre due volte, quindi una storia noir di adulterio e uxoricidio più che un thrilling.

ho sentito un’intervista con D. Argento che raccontava che nella scena finale in cui alla Calamai è troncata la testa l’effetto schiuma che esce dalla bocca era birra

si, lo disse se non ricordo male da Fazio.

“Profondo rosso”, beh, non si può non vedere…ma non è il very best thriller, anche se ha avuto il successo che tutti conoscono. Secondo me ad Argento è riuscito meglio “Tenebre” (lì c’è tutto, è la sintesi del genere). P.R. non sempre funziona nel ritmo; forse è troppo lungo (127’ non è poco) e alcune scene pesano o addirittura infastidiscono (la Nicolodi che fa a braccio di ferro con Hemmings…mah). Come dire, è un film ove speri che venga ucciso alla svelta qualcuno, perché se no rischi pure di assopirti…la tensione va cercata e non sempre la si trova. L’assassino è prevedibile. Lo splatter tutto sommato scontato. Le musiche dei Goblin caratteristiche e funzionali, ma forse non ben utilizzate nel film (non basta comporre belle musiche, bisogna saperle usare con intelligenza…lo stesso tema musicale dei Titoli con la stessa timbrica strumentale non può funzionare per tutto il film, pur azzeccato che sia…). Per me si è rivelato un po’ una delusione, non mi ha entusiasmato come “Tenebre”…però consiglio a tutti gli appassionati di vederlo almeno una volta naturalmente.

Beh, ognuno ha i suoi gusti, ma trovo Profondo Rosso un miracolo di architettura cinematografica in campo Thriller Horror. Le musiche poi sono tra le migliori si sempre nel genere.
Poi noioso proprio no…

Girando per la rete a quest’ora causa influenza ho scoperto che la Blue Underground ha pubblicato da poco una nuova edizione di Profondo Rosso con i seguenti extra:[ul]
[li]Interviews with co-writer/director Dario Argento, co-writer Bernardino Zapponi and Goblin (Claudio Simonetti, Massimo Morante, Fabio Pignatelli & Agostino Marangolo)[/li][li]Italian theatrical trailer[/li][li]U.S. theatrical trailer[/li][li]Talent bios[/ul]l’edizione è a disco singolo e, udite udite, all regions! :cool:[/li]Per maggiori informazioni:
http://www.allmovie.com/cg/avg.dll?p=avg&sql=16:154839

Che pare la copia anastatica della versione Anchor Bay…la BU ultimamente sembra ne stia ristampando l’intero catalogo…

Buona comunque l’edizione italiana Medusa, del dvd, a doppio disco: uno per il formato classico dvd, l’altro in alta definizione (HD-dvd, leggibile anche in PC).:wink:

Quoto anch’io…effettivamente la BlueUnderground sta ristampando le copie dei film della AnchorBay(come anche Inferno e altri…), con le stesse caratteristiche e qualità…qualcuno ne sa qualcosa di questo 'parallelismo commerciale?? se così posso definirlo?..?:o però c’e da dire che queste edizioni hanno il grossissimo pregio di costare molto meno!:slight_smile:

Sono in procinto di acquistare l’edizione Medusa disco singolo, visto che ormai si trova ad un prezzo abbordabile. Ho però visto che, relativamente al DVD in questione, il sito dvd-store.it riporta alla voce formato: 2.35:1 letterbox. E’ vero o si sono sbagliati?

Si sono sbagliati perché è 2:35.1 semplice, tranquillo: continuo a consigliarti, tanto più che anch’essa ora si trova in giro a poco, l’edizione Medusa a doppio dvd (di cui uno in HD DVD, leggibile anche sul PC) che ho postato prima…:wink: