Racconti immorali / Contes immoraux (1974, Walerian Borowczyk)


IMDB - Wikipedia

Titolo originale Contes immoraux
Anno FRA 1974
Regia Walerian Borowczyk
Cast Paloma Picasso, Lise Danvers, Fabrice Luchini, Charlotte Alexandra, Pascale Cristophe

DVD RHV
Amazon - IBS - Kultvideo
Audio ITA-FRA mono (La colonna sonora italiana è stata ricostruita e masterizzata a partire da una copia positiva d’epoca a cui sono stati reintegrati i tagli censori)
Sottotitoli ITA (I sottotitoli italiani sono obbligatori sulla versione originale del film)
Durata 1h38m58s
Video 1.66:1 16/9 (Il master restaurato è stato realizzato in Francia a partire dai negativi originali)
Extra Trailer, filmografia di Borowczyk, cortometraggio “Une collection particulière” in francese sott. italiano (12min)

Film erotico composto da 4 episodi, disponibile grazie alla label RHV in versione restaurata e integrale.

Non sapevo di tutte queste vicissitudini dell’edizione italiana:

Il film uscì nelle sale italiane profondamente manipolato da interventi censori. Infatti gli fu rifiutato in prima (3.10.75) e seconda (29.11.1975) istanza il visto di censura. L’anno successivo (febbraio 1976) fu ripresentato con alcune modifiche e il titolo I racconti immorali di Borowczyk. L’ordine degli episodi era stato modificato così:

Parte cortometraggio Collezione Particolare
Episodio Teresa Filosofa
Parte cortometraggio Collezione Particolare
Episodio Erzsébet Báthory
Episodio La Marea
Parte cortometraggio Collezione Particolare
Episodio Lucrezia Borgia

Oltre al cortometraggio Collezione Particolare, che doveva contribuire a “spezzare” ed attenuare certe sequenze, era stato aggiunto un commento ironico e demistificatorio a cura di Giuseppe Berto ed erano state tagliate o “allegerite” varie sequenze (13 minuti tagliati in totale). Nonostante i tagli e le modifiche, il 9 maggio 1977 la Corte d’Appello di Roma fece sequestrare il film. Il sequestro fu revocato il 10.4.1978 con un’ordinanza del Tribunale di Latina.

come sempre eccellente il lavoro della RHV nel recupero della versione integrale e del doppiaggio italiano d’epoca, così come completo ed esaustivo il libretto che accompagna il dvd. In un mercato di cialtroni e ballisti, va lodata ancora una volta. BRAVI !!!

e per altro, pur senza scene particolarmente esplicite, Borowczyk esprime in questo film, come del resto spesso è uso fare, una tensione erotica altissima, nonché raffinata ed aristocratica. Certamente magari non particolarmente lieve e giocosa, ma mai volgare, anzi sottilmente poetica e a suo modo spirituale.
E’ un po’ che non lo rivedo in effetti, sarà una delle mie prossime (re)visioni serali…

Come avete scritto il dvd RHV contiene la versione integrale del film, letteralmente massacrato a suo tempo dalla censura italiana. La pellicola venne bocciata 2 volte dalla commissione, poi ammessa con divieto ai minori di 18 anni dopo congrui tagli e un sostanziale rimontaggio, e dulcis in fundo sequestrata 2 volte dalla magistratura ordinaria. Fonte di queste informazioni è sempre il benemerito lavoro di Curti e Di Rocco (Visioni proibite, secondo volume).

Le ragioni di un simile accanimento non si spiegano solo con i numerosi nudi del film, ma vanno verosimilmente ricercate nel quarto ed ultimo episodio del film, che mostra un papa che slinguazza e scopa con la figlia Lucrezia Borgia.

Proprio quell’episodio è introdotto da una voce off che spiega come la chiesa sia una istituzione che ha resistito per secoli nonostati periodi bui, e che questa è una prova della sua origine divina. Ora, magari sbaglierò, ma questa roba mi puzza non poco di aggiunta italiana… però sarò lieto di essere smentito.

Sì, quel commento venne aggiunto ex novo dalla nostra distribuzione. Fu una delle condizioni necessarie per far uscire il film nelle sale italiane. Bella vaccata, nevvero?