Rosemary's Killer aka The Prowler [Joseph Zito, 1981]

dal 22 novembre grazie alla Sinister Film:badger:.

Ce l’ho in lingua originale, bene che lo pubblichino finalmente da noi. Ottimo slasher, uno dei più cruenti del filone.

Già un bene sì che venga reso disponibile per il mercato italiano.
Lo ricordo come uno slasher un pò fiacco, che però lascia il segno grazie ai sugosi effettacci di Tom Savini.

Oddio, neanche così fiacco dai. Cult celebrati come Happy Birthday To Me li trovo molto più datati e monotoni; questo ci dava dentro con gli squartamenti e anche se il finale con l’identificazione del killer era abbastanza forzato ci potevi stare.

Era ora! Una vita che ne sento parlare, e non l’ho mai visto. Mi pare che alcuni passaggi tv li abbia fatti su Italia 7, taaanto tempo fa. .

Boh può essere. Credo fosse vietato ai minori di 18 anni, indi se è passato alla tele sarà stato cut.

Da ricordare che all’uscita, un critico “insospettabile” come Tullio Kezich scrisse una recensione entusiastica del film. Diceva in sostanza che il soggetto era ben poca cosa, ma l’abilità del regista alzava clamorosamente la qualità dell’opera. Paragonava Zito a De Palma e Carpenter, definendolo “un geniaccio”. Geniaccio, uno che pochi anni dopo farà "Invasion U.S.A. "…

Finalmente! Un gran bel recupero, davvero.
Non so neanche io perché ma l’avrei immaginato pubblicato da qualche altra label ma non dalla Sinister!
Ci stava un bel bluray ma ricordiamoci che siam pur sempre in Italia ed é già tanto che qualcuno abbia pensato di farlo uscire…
Da avere.

“Geniaccio”? Non ricordavo. Ho una recensione di Kezich, più che altro osservava che Zito aveva delle buone idee e doveva pure essere un cinefilo visto che aveva rispolverato per il cast qualche attore sul viale del tramonto. Ma davvero lo accostava a De Palma e Carpenter? Che pure su Carpenter Kezich era severo, centellinando gli eologi (parlava bene di Distretto 13 e Fog, mentre Halloween lo stroncava per esempio). Anche con De Palma era mica tenero… dove l’hai letta la rece, sul Filmottanta?

Non ricordo il nome del libro, raccoglieva recensioni di Kezich fra il 1980 e l’85, se la memoria non mi tradisce. Comunque giuro che definiva Zito geniaccio, e idem il paragone con gli altri due registi: una cosa simile ti rimane nella capoccia anche se non vuoi. .

Il nostro amico Zardoz ricorda bene. Kezich non usa il termine “genio”, ma l’elogio del regista è netto e inequivocabile. Ecco il passaggio esatto con cui concludeva la sua recensione su ‘Panorama’:

“Sarebbe ovvio derubricare Rosemary’s Killer fra le stupidaggini sanguinarie di stagione, ma questo Joseph Zito è un regista alla De Palma o alla Carpenter. Racconta luoghi comuni e ovvietà con il taglio d’inquadratura e i ritmi di un vero cineasta. E dev’essere anche un cinefilo:altrimenti perché avrebbe rispolverato un ‘has been’ irriconoscibile come Farley Granger nella parte dello sceriffo?”.

In italiano gira da qualche tempo una copia da pellicola

Mah, il libro è certamente il Filmottanta. Non ce l’ho sottomano per controllare, ma il paragone con Carpenter e De Palma e l’elogio proprio non li ricordo; rammento una recensione tiepidina che bollava come “stupidata sanguinaria” il film e allo steso tempo riconosceva a Zito un certo talento (un po’ come fece con Fulci, stroncando L’Aldilà ma riconoscendo al regista “una scrittura cinematografica efficace e perfino elegante”).


Esatto, ricordavo bene anche l’elogio sulla cinefilia per aver voluto nel cast un vecchio attore sul viale del tramonto. In effetti lo definisce “alla de Palma” ma non è che poi avesse 'sto amore per lui (un pochino di più per Carpenter), rammento una rece cattivella su Vestito per uccidere… niente, Kezich sul cinema di genere non si sbottonava mai troppo, piccole concessioni ma nulla di più. Uno dei pochi horror che ha recensito veramente con favore è stato L’Abominevole dr. Phibes; e gli piacevano molto anche i thriller di Peter Walker.

Sarebbe il primo film nel catalogo Sinister Film a far parte degli anni '80.

Non so perché, ma ricordavo l’aggettivo “geniaccio”. La memoria fa strani scherzi. Comunque ringrazio il sommo Napoli, pronto a sostenermi anche quando non le azzecco al 100%…

Be’, ti sei ricordato l’accostamento a Carpenter e De Palma. Giuro che l’avevo proprio rimosso.

Se da noi esce appena adesso in dvd, all’estero c’è invece da anni un bel br, a cura della benemerita Blue Underground. Vedi www.dvdbeaver.com/film3/blu-ray_reviews51/the_prowler_blu-ray.htm
P.S. Se andate su YouTube, c’è la compilation di tutte le scene d’omicidio nel film. Un’orgia di sangue pazzesca, ultrarealistica: all’epoca Savini era un vero mostro…di bravura!

Avevano pure il film completo, coi subs italiani… ti parlo di un paio d’annetti fa, adesso non so.

Mistero risolto: a usare il termine “geniaccio”, nei confronti di Zito, è stato Davide Pulici. Nel “Nocturno dossier” n. 13, dedicato al cinema slasher. Nella mia mente ho sovrapposto Kezich e Pulici: un incrocio che nemmeno Cronenberg sotto LSD riuscirebbe a concepire…

Se vi interessano alcune curiosità sul film, vi consiglio di leggere questo articolo:
https://malastranavhs.wordpress.com//?s=the+Prowler&search=Vai