The Eiger Sanction - Assassinio sull'Eiger (Clint Eastwood, 1975)

Quinto film di Eastwood regista, tratto da un romanzo di Trevanian (nom de plume diRodney William Whitaker), un classico assolutamente da vedere. Clint è un affermato professore d’arte nonché collezionista, e nel tempo libero si “arrangia” come sicario. Girato in Panavision tra Monument Valley, Zion National Park e ovviamente l’Eiger, Eastwood come consuetudine effettua tutti gli stunts da solo: il realismo è impressionante, gli attori sono effettivamente a contatto delle forze della natura e su zone della montagna “impossibili”, furono utilizzati persino gli elicotteri per posizionare gli attori; tanta temerarietà fu aspramente criticata dagli alpinisti assunti come consulenti:

Stanley, who completed filming under pressure from Eastwood, blamed Eastwood for the accident because of lack of preparation, describing him as a director and actor as a “very impatient man who doesn’t really plan his pictures or do any homework. He figures he can go right in and sail through these things.”

E infatti ci scappò pure il morto, David Knowles, controfigura e fotografo, a causa di alcuni massi caduti. Sia come sia, o forse proprio per questo, il film raggiunge livelli di spettacolarità e realismo incredibile. Il dvd purtroppo è meno realista, master non anamorfico e audio molto chiuso che penalizza la bella OST di John Williams. È uscito un bluetto ma come parte di cofanetti, non singolo.

1 Mi Piace

Nonostante sia per me un film culto, ho scoperto solamente pochi giorni fa che la versione italiana è tagliata di 4-5 minuti (e vabbè, non scopro niente di nuovo) non indispensabili alla pellicola ma che modificano il senso della missione: in pratica, nel film in italiano Hemlock applica le sanzioni per un motivo mentre in quello uncut le applica per un altro :dizzy_face:

Di per sé è uno spionistico che si muove sulla falsariga del James Bond di Roger Moore ed in effetti l’ironia (per me, molto ben creata) è ciò che anima l’intelaiatura d’un pellicola strutturata su di una trama interessante ma che rispetto al libro trancia e comprime un po’ alla meglio alcune situazioni che avrebbero meritato d’esser spiegate più soddisfacentemente.
Credo che per molti questo sia un “Eastwood minore” ma io l’ho sempre trovato affascinante nel suo mix tra spionistico (davvero molto ironico) e la disciplina dell’alpinismo.
Ripeto: per me, grazie anche al doppiaggio del grande Pino Colizzi, i dialoghi tra Hemlock e Pope o tra Hemlock e Drago sono impagabili ed irresistibili !

C’è da dire che il film è molto fedele al libro: le pagine che sono finite nel film sono rese con molta aderenza al testo e moltissimi dialoghi sono ripresi parola per parola e -checché certa critica abbia storto il naso- Eastwood rende piuttosto bene le fattezze del protagonista.
Molto di ciò che è stato tagliato dal libro in effetti non avrebbe apportato -secondo me- niente in più al film: accenni all’infanzia di Hemlock, aggiuntivi dialoghi con Jemima Brown, estenuanti dettagli sugli allenamenti d’arrampicata e sulla scalata del titolo, ampio spazio a personaggi che ammirano l’evento dall’albergo svizzero ed anche un maggior supplemento di chiacchiere tra i 4 scalatori (prima dell’inizio dell’arrampicata).

Qualche differenza film-libro sparsa:

  • Hemlock vive in una chiesa riadattata in abitazione

  • il cane di Miles Mellough non sale in auto con Hemlock (come nel film) bensì muore mangiato dal padrone quando entrambi vengono abbandonati nel deserto dell’Arizona

  • anche Ben Bowman finirà a letto con Anna Bidet (moglie -e poi vedova- di J.P. Bidet)

  • c’è un accenno al fatto che la missione di Hemlock sia legata al progetto di un’arma batteriologica (ispirata alla peste bubbonica) nelle mani di una nazione nemica (nel film italiano questo sotto-testo non è presente mentre nella versione completa c’è)

  • i nomi di molti personaggi sono piuttosto singolari (a partire dal protagonista):

  • Hemlock=cicuta
  • Wormwood=assenzio
  • Yurassis Dragon= your ass is drag-on
  • Pope=papa
  • Jean-Paul Bidet
  • Mr. Monk=monaco
  • Faggot=finocchio (cane di Mellough)

per le donne, ancora meglio:

  • Felicity Arce (si legge “arse”)
  • Mrs. Cerberus (la dottoressa privata di Drago: grandi duetti pure tra lei ed Hemlock)
  • Randie (K)Nickers
  • Jemima Brown (pare che “Jemima” sia un termine denigratorio verso gli afroamericani)
  • una ragazzina (che praticamente vuole essere scopata da Hemlock) chiamata Cherry
2 Mi Piace