The Fly II - La Mosca 2 (C. Walas, 1989)


http://www.imdb.com/title/tt0097368/

Dato che se ne parlava nel topic del film di Cronenberg ho deciso di rivederlo dato che saranno stati almeno 10 anni che non lo facevo.

Per me resta un film pieno di problemi ma comunque godibile, con una storia che è un sequel diretto del capitolo uno e con effetti che vanno dallo straordinario al mediocre (a volte però per colpa della regia).

La storia è quella del figlio di Seth Brundle e Veronica, il film si apre proprio con una sosia di Geena Davis muore nel darlo alla luce.
Per rimarcare la continuity con l’altro film viene inquadrato anche John Getz, il cui personaggio di Stathis tornerà più tardi nella storia.
Quindi è un sequel a tutti gli effetti, con il figlio di Brundle che cresce a velocità inaudita (a 5 anni sembra un ventenne) a causa della mutazione genetica che si porta dietro.

Ci sono cose ottime e cose scrause.
Walas non è un regista ma un genio degli effetti speciali e questo penalizza il film perché si vede tantissimo che manca una mano esperta e forte in regia. A volte osa molto (c’è un piano sequenza verso il finale con tanto di effetti live che è davvero notevole) ma a volte si perde in cose banalissime e, incredibile a dirsi, a volte sbaglia pure nel modo in cui mostrare degli effetti (la prima apparizione del cane mostruoso è tremenda).
Chi ama gli effetti speciali si divertirà perché c’è di tutti, effetti prostetici, animatroni, make-up… Tutto fatto bene (anche se alcune cose sono brutte, tipo uno degli stadi della mutazione del ragazzo, che lo fa sembrare più che altro a un personaggio di quel film con John Travolta tratto da Ron Hubbard) e mostrato con generosità.
Ci sono anche due fantastiche scene splatter, fatte da dio (quella dell’ascensore e quella del viso squagliato dal vomito).

Purtroppo però non mi è piaciuta la creatura finale. Non perché sia brutta o fatta male, sia chiaro! È bellissima e animata ottimamente ma non alla fine è un mostro e basta. Non si porta dietro tutto lo spessore drammatico che c’era dietro la mutazione di Jeff Goldblum. Non fa pena, non fa soffrire… Ti fa solo dire “wow, bello questo mostro!”. Non so se mi sono spiegato…
Non si viene a creare il senso del dramma che c’era nel film di Cronenberg, Jeff Goldblum alla fine di quel film era un uomo che si stava trasformando in un mostro, quindi invece è semplicemente un mostro, una creatura.

L’unico momento davvero riuscito da questo punto di vista riguarda le scene con il cane mostruoso. Anche se si forza un po’ la mano sul patetismo devo dire che sono efficaci. L’animatrone è bello ma andava mostrato meglio, comunque.

Gli attori vanno bene, Stoltz è accettabilissimo e anche Daphne Zuniga se la cava bene.

Ho il vecchio dvd italiano (ma credo che non ne esistano altre edizioni). La qualità non è certo il massimo perché il master è vecchiotto ma si lascia guardare. Ci sono un po’ di extra tra cui una promo-featurette backstage d’epoca che dura 5 minuti e altri 5 minuti di interviste random.