The Taking of Pelham One Two Three - Il colpo della metropolitana (Joseph Sargent, 1974)

Durata 105
Origine USA
Colore C
Genere DRAMMATICO, POLIZIESCO
Specifiche tecniche 35 MM, CINESCOPE, TECHNICOLOR, DE LUXE, MOVIELAB
Quattro uomini con occhiali e baffi finti sequestrano il conducente e i passeggeri della prima vettura di un convoglio della metro di New York, lo bloccano tra due fermate e chiedono un riscatto di un milione di dollari entro un’ora
Da un romanzo di John Godey:
ad esempio
http://cgi.ebay.it/JOHN-GODEY-IL-COLPO-DELLA-METROPOLITANA-1-ed-MONDADORI_W0QQitemZ230204301909QQihZ013QQcategoryZ123394QQcmdZViewItem

Venerdì 11 gennaio alle 21:00, Rai Sat Cinema

Classico del nero americano degli anni settanta. Ritmo serrato, personaggi ben costruiti, tensione e un cast perfetto. Non mancano i riferimenti sociali.

Sargent è un esperto regista televisivo.
I nomi in codice utilizzati dai protagonisti sono stati ripresi da un noto regista.
In dvd per la MGM (lingua italiana).

Inutile remake (per la TV) nel 1998.

Inoltre:

Washington come Matthau
24/09/2007 - All’attore il suo ruolo del '74. Per la quarta volta con Tony Scott, nel remake del Colpo alla metropolitana

http://www.cinematografo.it/Cinemedia/00008060.html

Film ottimo… attori straordinari… ma purtroppo il dvd è letterbox

Verissimo. Mi chiedo se abbia omaggiato il film o il romanzo da cui era tratto (ristampato qualche anno fa anche da noi da Sonzogno, direttamente in formato tascabile. Ovviamente è andato fuori catalogo in men che non si dica).

Si, davvero consigliato. Tra i film '70 non blasonati è nella top ten!

Secondo me è il film + bello di Walter Matthau. Il finale è troppo divertente.

Come darti torto? Il faccione sornione di Walter che fa capolino dalla porta vale da solo tutto il film (già bello di suo).

E’ annunciato un remake in uscita nel 2009 con Tony Scott alla regia e Denzel Washington e John Travolta protagonisti (http://us.imdb.com/title/tt1111422/).

Ovviamente ambasciator non porta pena Johnny… cmq basta con 'sti remake dei film già perfetti o quasi… non se ne può più!!! :mad: :mad: :mad:
Pensassero invece a fare un film su Capitan Harlock magari… che adesso coi pirati di Johnny Depp farebbe furore… anzi… ci vedrei benissimo Depp nelle vesti del pirata dello spazio… scusate l’OT ma co 'sti remake ce l’hanno fatta a peperini!!!

D’accordo sul fatto che si stia esagerando con i remake,segno ulteriore della mancanza di idee del cinema contemporaneo.Comunque recentemente qualche remake si è rivelato quantomeno interessante anche se non ai livelli del film originale(cito i casi del nuovo Halloween e del nuovo Quel treno per Yuma),l’importante è che il nuovo film si distingua dal prototipo per stile e non ne ricalchi troppo fedelmente la storia(del resto i remake ci sono sempre stati nella storia del cinema ,quando una storia funziona la tentazione di riprodurla con tecniche ed interpreti differenti riaffiora ciclicamente).

Visto ieri grazie alla belva in preparazione al remake.
Bel film , lineare e scorrevole, con un grandissimo Martin Balsam e un divertente Walther Matthau . Ben affiatata la banda del colpo. Divertente anche la raffigurazione degli uffici delle “operations” nella metro.
Finale aperto e teso.
Il film dimostra tutti i suoi 35 anni pur non annoiando.
Colonna sonora pressochè assente, non c’è montaggio serrato con ralenti, fotogrammi e crossover pompata nelle scene d’azione, tutte cose che, salvo smentite, mi aspetto nel remake che vedrò a breve.
Interessante.

Capolavoro del genere senza se e senza ma. Matthau è stato uno dei migliori antieroi, o uomo “normale”, della storia del cinema. Il libro, se piace il genere, è da leggere assolutamente. Cast di caratteristi favoloso, Balsam, Helizondo, Jerry Stiller (padre di Ben), Julius Harris, e Robert Shaw come villain d’eccezione. Tema musicale, devastante, di David Shire (Saturday Night Fever).

1 Mi Piace

rivisto per l’ennesima volta, il main theme musicale è una bomba, di David Shire, quello di Saturday night fever. sarò ripetitivo ma il film è micidiale!!

Pellicola strepitosa con ambientazione tanto particolare quanto, per me, affascinante, ossia l’interno del metrò di New York, e comunque anche un pò di città esterna con viste diverse dalle solite. Cast super nutrito (tra i non citati, al lettieri), tensione ad alto livello, varie battute simpatiche e/o epiche qua e là, il tempo passa senza che manco ce ne accorgiamo. Davvero ben ingegnato il colpo di scena finale dello starnuto traditore, così come il momento della discesa dal vagone dei rapitori con i soldi nella speranza di fuggire e priceless le varie facce di matthau nei momenti topici.

Al Lettieri non c’è, a meno che non abbia un cameo minuscolo. Probabilmente lo confondi con Jerry Stiller, che gli assomiglia molto. E’ la sua versione leggermente meno inquietante.

Notevole come il film riesca ad essere bello teso nonostante ci siano diverse scene divertenti (per forza, con Matthau).
Una scena che fa molto ridere è verso l’inizio, quando c’è la delegazione giapponese in visita agli uffici della metropolitana. Matthau parla parla e questi fanno i soliti sorrisini giapponesi, senza dire una parola e dando l’impressione di non capire niente. Allora lui ne approfitta e li insulta sempre di più (sti bastardi…musi gialli…) fino a quando dice ad un suo collega: porta queste scimme di sopra, che qui dobbiamo lavorare, tanto non capiscono niente. E uno dei giapponesi: Grazie signore, facciamo da soli. Noi capire tutto.

Occacchio, hai ragionissima, è stiller babbo, ci sono caduto per intero… :smiley: . Vado a fare penitenza. La scena dei giapponesi è commovente.

Rivisto in bluetto ieri sera, un film che spacca, sempre, ad ogni visione. Tra thriller e comico (grazie ad un immenso Matthau), sceneggiatura impeccabile, dialoghi perfetti (estrememente piacevole sentire la parlata newyorchese dei vari poliziotti/addetti alla metro), un gran cast. Funziona tutto, e si rivede sempre con piacere, soprattutto come si diceva, per il faccione di Matthau alla fine, vale da solo il biglietto.

1 Mi Piace