Un italiano in America (Alberto Sordi 1967)

Con Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Franco Valobra, Bill Dana

http://www.archiviodelcinemaitaliano.it/index.php/scheda.html?codice=AG2129

Sto leggendo in questi giorni il bel libro di Tatti Sanguineti su Rodolfo Sonego, nel quali ci sono pagine e pagine sulla genesi di questo film.

Film che però risulta scomparso da decenni, come altri del catalogo De Laurentiis, finiti in un limbo incomprensibile.

Che voi sappiate ci sono versioni reperibili?

Tesoro, ma tipo Google? :smiley:
Lo puoi vedere gratuitamente su Raiplay: https://www.raiplay.it/video/2018/07/Un-italiano-in-America-11b58876-90b2-4c4f-bff6-fc059d044f7a.html

Effettivamente pare non sia così introvabile :smiley:

Visto ieri sera: terribile. Una sorta di In viaggio con papà vent’anni prima. Ci sono tutti i difetti tipici del cinema del Sordi regista: tecnica rozza, musica invadente (di Piccioni, ovviamente), doppiaggio appiccicato alla cazzo di cane, americani che incontrano Sordi e parlano un italiano perfetto ma con la solita fastidiosa pronuncia ecc.ecc.

Pensavo che almeno a livello di durata Sordi si fosse contenuto, dato che la copia Rai dura solo 90’, e invece leggo che il film durava in origine 118’; qualcuno ha provveduto a tagliare quasi mezz’ora. Il mio personale GRAZIE va a questo anonimo sforbiciatore.

De Sica sprecato.

Temo che lo sforbiciatore sia lo stesso Sordi (o perlomeno qualcuno che ha seguito le sue direttive): ricordo infatti che per Fumo di Londra Sordi (o chi per lui) approntò per la TV una versione ridotta di una ventina di minuti recuperati poi grazie al recente restauro

Non ho avuto modo di leggerlo attentamente, ma è sicuramente un saggio ben scritto e davvero appassionante. Quando proseguirai, riguardo i giudizi sull’ultimo Sordi troverai pane per i tuoi denti.

Sono passati parecchi anni da quando lo vidi, ovviamente in tv. In effetti lo ricordo molto “turistico”, nel bene e nel male, coi tipici pregi e difetti delle regie sordiane. Ma De Sica babbo truffaldino è sensazionale, assolutamente…

Il libro è bello e ben scritto, per quanto forse un po’ lungo. Comunque su Sordi regista mi pare di aver compreso che Sonego e Sanguineti fossero dello stesso parere, cioé che era un incapace totale.

Parere che mi sento umilmente di sottoscrivere appieno.

Con la parziale eccezione del suo film d’esordio, FUMO DI LONDRA, che a un’analisi un po’ più attenta non è così banale nell’impostazione come sembra, anche se la regìa presta indubbiamente il fianco a molte critiche.

Anche questa regìa di Sordi uscirà in dvd e bluray 4K restaurato:

Peraltro, stando all’edizione di Fumo di Londra, queste edizioni costano un botto…

Singolare che i (perlopiù indigeribili) film del Sordi regista vengano editati in edizioni lussuose 4k, mentre uno dei film migliori che ha interpretato (che vinse anche al festival di Berlino mi pare) aspetta ancora di essere editato in semplice dvd…

Più che altro mi chiedo cosa avrebbe detto Sordi di questa diavoleria moderna del 4K :smiley:

Comunque questo film era inedito in HV, quindi ben venga questa edizione. Uscirà anche in semplice dvd, a un prezzo senz’altro meno alto.

Più o meno la stessa cosa che direi io: per certe diavolerie moderne non indispensabili il mio pensiero sarebbe in sintonia col suo :smiley:

Io comunque per “Il diavolo” mi accontenterei anche di un semplice dvd, non ho bisogno del 4k… che poi è già obsoleto perché adesso c’è il 4k HDR e tra poco l’8K :mad:

Pure io mi accontento, o per essere più esplicito non sono così pazzo da spendere 35 euro per Fumo di Londra, manco se uscisse in 50K. Però è sempre un bene quando un film esce in una edizione degna di tal nome, e non nelle cialtronesche edizioni 01 (per fare un esempio tra i mille) cui siamo fin troppo abituati.