Warriors Two (Sammo Hung)

Warriors Two (1978)

regia: Sammo Hung
Hong Kong
prodotto da Raimond Chow
Box Office: HK $2,863,467.80

Coreografi:
Sammo Hung Kam Bo
Fung Hak On
Billy Chan Wui Ngai

Il cinema del kung fu, come la maggior parte degli appassionati sa , non è ancora stato completamente sdoganato in Italia, anche se ultimamente la Avo Film ha acquistato i diritti su alcuni master Celestial e finalmente anche qui da noi sono arrivati i lavori del maestro Liu Chia Liang, che fino a poco tempo fa era praticamente sconosciuto ai più.
Però chiaramente nella vasta produzione di Hong Kong esistono ancora tante pellicole di un certo spessore che qui da noi non sono ancora giunte, mentre per altri mercati europei più attivi sono disponibili in vari formati.
Una cosa che non mi è molto chiara è il perchè dell’assenza di molte opere straordinarie di Sammo Hung, che qui da noi è conosciuto primo per la sua presenza nei film di Jackie Chan e secondo per il serial tv poliziesco Marshal law (Più forte ragazzi).
Orbene il corpulento Sammo forse non tutti sanno che è anche un grandissimo regista, padrone delle varie tecniche di ripresa e che quando il suo amico Jackie Chan girava i suoi due film con Yuen Woo Ping (1978) quelli che lo consacrarono per intenderci, Sammo già si cimentava con grandi risultati nella regia, sfornando titoli straordinari.

Dopo questo preambolo, volevo appunto recensire uno dei miei film preferiti in assoluto, di cui ormai ho perso il conto delle visioni: Warriors two una pellicola in costume che riprende la tecnica del Wing Chun attraverso una storia che vede come protagonista il medico Leung Jan (1828-1901), grande esperto di tale tecnica che non fu mai sconfitto, difatti in Cina era chiamato il “Re del Wing Chun”.
W.T. ha una sceneggiatura che non è nulla di innovativo, i temi trattati sono gli stessi che possiamo trovare in decine e decine di altre pellicole, ma è girato,scritto e coreografato in maniera superba da Sammo che ha praticamente ricoperto tutti e tre i ruoli.
Chiaramente la storia non rispecchia fedelmente la vita del maestro, anzi Sammo si è preso notevoli “licenze” a partire dal Wing Chun che non richiede tecniche di gamba però ai fini dell’estetica non si bada a queste sottigliezze, quindi tralasciando queste “varianti” abbiamo una sceneggiatura molto snella e lineare, sicuramente semplice e poco innovativa ma di sicuro impatto visivo.

La foto sopra mostra le due versioni che possiedo del film:
VHS -Pal made in HK Widescreen in lingua cantonese con sottotitoli in inglese della durata di 92 minuti circa e che riporta il divieto ai minori di 18 anni.
DVD HK Video 2,35:1 della durata di 90 minuti circa (All-NTSC) dvd 5 con lingua inglese senza sottotitoli.

Brevi cenni sugli Attori:

Sammo Hung Kam-Bo ha iniziato la su carriera assieme a Jackie Chan e Yuen Biao, di corporatura molto più robusta degli altri due, è dotato di un agilità nonchè una tecnica impressionante, quasi da non credere per la stazza che si ritrova.Dotato anche di una buona mimica facciale che ispira una profonda simpatia sa però anche cimentarsi in vari ruoli con ottimi risultati, basti pensare a “Prima missione” dove interpreta un ruolo altamente drammatico: un ragazzo autistico fratello di J.Chan.Regista, sceneggiatore ,coreografo ed attore insomma Sammo sa cimentarsi nel cinema a 360°.

Casanova Wong è di origine coreana ed è ricordato soprattutto per il suo straordinario utilizzo delle gambe, atletico ed agile ha la sfortuna di non essere molto bello e questo lo ha un po svantaggiato nella sua carriera.Lo si ricorda per il combattimento nella serra con il sosia di Bruce Lee nell’ultimo combattimento di Chen.

Liang Chia Chen (Leung Kar-Yan) lo si può trovare in tantissime pellicole di kung fu soprattutto in ruoli da villain, dotato di un volto luciferino che ispira cattiveria, capelli lunghi e corvini e barbetto nero.Una notizia singolare su di lui riguarda il fatto che non abbia mai studiato le arti marziali, bensi le abbia apprese direttamente sul set, pare che sia anche per questo motivo che Sammo Hung gli abbia affidato la parte del maestro Leung Jan, proprio perchè non legato ad un mirato stile di kung fu e quindi più versatile.

Cast:
Leung Kar Yan (img 1) è Master Tsang/Leung Jan
Casanova Wong (img 2) è Casher Hua
Sammo Hung Kam Bo (img 3) è Gei Cheun
Fung Hak On (img 4) è Mister Mo
Lee Hoi Sang (img 5) è Ya Chao/Iron Fist
Dean Shek Tin (img 6) è Master Yao
Tiger Yang Cheng Wu (img 7) è Thunder Pai

Sinossi: Casher Hua (Casanova Wong) viene accidentalmente a sapere di un complotto ordito ai danni del sindaco di Fatshan.Purtroppo per lui avvisa di ciò la persona sbagliata e quindi si ritrova vittima di un agguato.Riuscito a scampare miracolosamente a morte sicura trova rifugio presso l’abitazione del medico\erborista ma anche maestro di Wing Chun :Leung Jan.

Non voglio proseguire con il racconto della trama perchè sono presenti tanti colpi di scena e situazioni inaspettate e quindi non vorrei rovinare la visione a coloro che non lo hanno ancora visto, anzi al contrario spero di invogliare a guardarlo nella sua straordinaria bellezza.

Sammo Hung in questo film non si fa mancare nulla: schiere di formidabili caratteristi, coreografie eccezzionali grazie anche all’ausilio di Casanova Wong e delle sue gambe spaziali, ma anche varie tecniche oltre al Wing Chun, come ad esempio il Mantis Kung Fu, l’utilizzo di spade e bastoni e via dicendo.
La pellicola è violentissima e ci sono delle morti veramente brutali: arti spezzati, frantumazioni di piedi e testicoli, ausilio di tagliole per menomare l’avversario ecc. tant’è che la VHS riporta un bel divieto ai minori di 18 anni.
Però ci sono anche parecchi siparietti divertenti che vedono sempre come protagonista Sammo Hung e Dean Shek in primis quindi tanto ritmo , violenza e divertimento insomma il massimo per un amante del genere ma anche non.