(Animale)Vermocane

Quando l’anno scorso fui a Baccu Mandara (Sardegna) in una delle mie escursioni esplorative marine,vidi questa insolita creatura da me mai vista ed ebbi così la brillante idea di acchiapparla a mani nude…e subito dopo urlai “ma chi me l’ha fatto fare!!!”…Ma dopo di tutto,è sta una lezione che mi ha insegnato di non azzardarsi mai a toccare animali o qualsiasi altra cosa di cui non si ha la minima conoscenza. E voi conoscevate il Vermocane,o avete avuto mai a che fare con lui??



Descrizione dal sito biopills.net: I vermi di fuoco sono un gruppo di organismi marini così chiamati per la forte sensazione di bruciore che causano a seguito del contatto con la pelle[1]. Riconoscere un verme di fuoco è piuttosto semplice, essendo essi dei policheti (parenti marini dei lombrichi) caratterizzati da lunghe chete calcaree ben visibili che sporgono dal corpo: sono proprio queste le strutture a renderli urticanti! Esistono circa 200 specie di vermi di fuoco, divise in 25 generi[2]. Di queste, una delle specie più note nel Mediterraneo è il vermocane (Hermodice carunculata).

3 Mi Piace

Interessante, specie mai vista prima.

Infatti, mai toccare animali e a volte anche piante che non si conoscono

3 Mi Piace

E sempre nella stessa vacanza mi successe una cosa simile con la Tracina,ovvero un pesce che si sotterra nella sabbia ed è dotato di aculei molto velenosi sulla schiena. Lì in realtà non me la sono cercata perchè la tracina non l’ho voluta prendere come feci col vermocane ma era nascosta nella sabbia e mi è andata di sfiga che l’ho beccata in pieno hahahh



Descrizione della Tracina dal sito issalute.it:
Le tracine, conosciute anche come pesci ragno, appartengono alla famiglia Trachinidae, specie diffuse soprattutto nei mari europei. Si trovano nel Mediterraneo, nel Mar Nero, nell’Oceano Atlantico orientale, nel Mare del Nord e nelle aree costiere europee.

Le tracine vivono esclusivamente in mare, in particolare su fondali sabbiosi e/o fangosi, abitualmente entro i 30 metri di profondità, anche se sono state segnalate a profondità maggiori, sino a 150 metri. Sul fondo del mare le tracine si mimetizzano perfettamente ed è molto difficile individuarle dalla superficie, anche in acque poco profonde. Il pericolo si nasconde nelle spine dorsali (da 5 a 7) del pesce che sono robuste e velenose; in condizioni di riposo sono abbassate, ma vengono erette appena la tracina si sente disturbata (ad esempio dall’avvicinarsi di bagnanti) o quando caccia le prede. Le spine dorsali sono collegate ad un tessuto spugnoso che produce veleno.

ll veleno è ancora poco noto, ma contiene una miscela di più sostanze tossiche di natura proteica e, tra queste, la più nota è la dracotossina, una molecola molto instabile che avrebbe una azione emolitica (distrugge le cellule del sangue) ed è sensibile alla temperatura. Sono presenti anche altre sostanze come la serotonina e l’istamina, che contribuiscono alla reazione alla puntura ma provocano anche reazioni generali come il senso di panico che subentra nelle persone immediatamente dopo essere state punte.

1 Mi Piace

La tracina è pericolosa. Per fortuna, che io sappia, il suo veleno non è mortale. Comunque se si viene punti si sta malissimo. È un pesce subdolo perché si nasconde sotto la sabbia ed è praticamente invisibile

1 Mi Piace

Vedo che la passione per quell’attrice te ne fa emulare anche il cognome!
Comunque curioso animale che non avevo mai visto, neanche in foto (come del resto centinaia di migliaia di altre specie) :wink:

Scusa ma mi permetto di dubitare che siano state queste le tue parole :smiley:

2 Mi Piace

Vermocane mai visto in vita mia, sembra un incrocio tra una tremolina e una processionaria, lo schifo in persona praticamente.

La tracina ahinoi molto comune da ste parti, dolore lancinante immediato e un paio di cm di sperone che rimane nella carne per dei giorni, quando avevo la spiaggia capitava spesso, piede a mollo in acqua calda e amuchina o ammoniaca.

3 Mi Piace