Boogie Nights - L'altra Hollywood

Titolo originale: Boogie Nights
Nazione: Usa
Anno: 1997
Genere: Drammatico
Durata: 153’
Regia: Paul Thomas Anderson
Cast: Mark Walberg, Burt Raynolds, Julianne Moore, William H. Macy, John C. Reilly, Heather Graham, Don Cheadle, Philip Seymour Hoffman
Produzione: Paul Thomas Anderson, Lloyd Levin, John S. Lyons, Joanne Sellar
Distribuzione: Cecchi Gori

Trama:

L’irresistibile ascesa di un divo superdotato nella sfavillante industria del cinema a luci rosse, un viaggio affascinante negli anni ruggenti del porno.

Anni fa l’ho visto e vi dirò che non mi è dispiaciuto, un pò crudo ma rende bene l’idea di cosa ruota intorno al cinema porno.

L’ho visto dopo aver visto Wonderland e relativo documentario sulla vita di John Holmes, che dire? E’ stata una mezza delusione, tanto è sfavillante l’inizio tanto il film si perde progressivamente minuto dopo minuto.

Rispetto a wonderland ha un’approccio più giocoso, ma a detta di molti entrambi i film non riescono a rendere l’essenza di quegli anni, che non era come rappresentato da entrambi la vita spericolata a base di sesso spinto eccessi droga e soldi, ma l’eccitazione dell’uscire dal ghetto, dall’osare sempre di più in un mondo dove mostrare un accoppiamento esplicito era illegale, quindi la costante sfida dello spingersi sempre più in là sul filo del rasoio.

IMHO un film non eccelso ma dignitoso.:o

Per me è un film bellissimo, il migliore di Anderson senza dubbio (anche del pluriosannato Magnolia). La storia è appassionante, gli attori sono azzeccati, il ritmo non manca e le musiche sono semplicemente strepitose. A parte quelche tarantinata di troppo, specie nella seconda parte, Boogie Nights mi fa andare giù di testa (tanto che l’ho già visto tre volte).

>A parte qualche tarantinata di troppo

Sono d’accordo, a parte un paio di cose il film è ok.

Che poi, non è che le tarantinate tipo quelle nel finale, quando i tizi vanno a casa di alfred molina, col cinese che scoppia i petardi siano brutte, è che mi sono sembrate un pò…come dire…furbette.

Falso come una moneta falsa, questo film del sopravalutatissimo Anderson.
Molto più veritiero, e soprattutto meno moralistico, “Le pornographe” di Bertrand Bonello.

Mah,io non l’ho trovato così fasullo.In realtà,trattandosi di un’opera di fiction era inevitabile che il risultato finale fosse qualcosa di romanzato e plateale.Però in fondo il ritratto di quella che è stata la golden age del porno americano non era poi tanto lontano dalla realtà.Diciamo che chi si aspetta il realismo o il taglio documentaristico rimarrà deluso,ma nel complesso ti diverti.

Certo che il cazzo asinino e posticcio nel finale era roba da schiantarsi dal ridere,e la caratterizzazione alla Elvis del protagonista un filino risibile.Magari in certe cose era meno hollywoodiano e più realistico il Blue Nude di Scattini,ma anche lì il tutto veniva rovinato dalla tendenza al sensazionalistico.Forse ha ragione Luca Damiano a lamentare il fatto che i film sul mondo della pornografia ruotino sempre e solo attorno alla morte,alla droga e agli eccessi in generale in maniera esageratamente insistita.

Mi sono documentato a fondo sulla vita e “le opere” di John Holmes e vi assicuro che il lavoro di ricostruzione operato da Anderson e’ grandioso. Dirk Digler e’ infatti John Holmes. Considerando che e’ un prodotto di Hollywood certo non si puo’ pretendere che arrivi a mostrare quello che c’e’ in “Le pornographe” di Bertrand Bonello (film che ho apprezzato ma con riserve) ma resta comunque un film degno di considerazione… e per me qualcosa di piu’…
Comunque, a proposito di film “corali” molto meglio Boogie Nights e Magnolia del Crash premiato con l’Oscar…
Wanderland e’ una schifezza ma il dvd va preso per lo straordinario documentario Wadd: The Life and the Times of John C. Holmes.

Effettivamente io ho trovato l’atmosfera di Boogie Nights abbastanza simile a quella descritta da John Holmes stesso nella sua autobiografia “Il re del porno” (di cui consiglio la lettura a grandi e piccini).

Si, mi riferivo a Re del porno ma anche ad alcuni film di Holmes che vengono citati in maniera molto particolareggiata… Ad esempio nella sequenza in cui si vede Dirk Digler parlare con il regista Jack Horner sul modo di girare i film, molti dei dialoghi sono presi abbastanza fedelmente da un documentario su Holmes (Exhausted) in cui si puo’ vedere appunto la scena dell’attore che parla con il regista Bob Chinn… insieme hanno realizzato vari film e lanciato la figura di Johnny Wadd, il primo porno detective della storia del cinema Hard… In Boogie Nights Johnny Wadd e’ diventato Brock Lander… il protagonista di film d’azione piu’ attento ad infilarsi nel letto delle sue clienti che a risolvere i loro casi…

Secondo me Anderson ha visto e rivisto anche il capolavoro di Scattini. Sono stato totalmente folgorato da BLUE NUDE, un gran bel film. Il suo migliore sicuramente, perfetto esempio di docu-drama.

quando lo vidi lo trovai ben fatto ma pesante. assai pesante. ho fatto fatica ad arrivare alla fine tanto era lento e pomposo.

Secondo me un bel film.
Fotografa bene il porno di quegli anni
Sono rimasto sorpreso da Julianne Moore(a me piace molto sia come attrice che come donna) e Mark Wahlberg,secondo me leggermente sottovalutato

http://www.imdb.com/title/tt0118749/

Visto Sabato sera in dvd, sono rimasto stupito, come diavolo avrò fatto a perdermelo all’epoca…
Bravissimi tutti gli attori, tra cui Reynolds in uno dei ruoli migliori, magnifiche le riprese (ma quanti piani sequenza ci sono???), ben costruito e con un ottimo ritmo. Concordo con Koening che sia una rappresentazione abbastanza fedele di un’epoca. Da vedere e rivedere.

me l’ero perso nel tempo, davvero niente male. forse la parabola ascesa, inferno e ritorno, poteva calibrala meglio nella storia, ma il regista lo fa lui e non io…ottimo Reynolds e l’atmosfera di quegli anni, bellissime musiche, da vedere.

Bellissimo film che ho visto e rivisto. Una fotografia (romanzata, si, ma di buon livello) della ‘‘grande era del porno’’ con attori strepitosi tra i quali Wahlberg, Reynolds nel ruolo della vita (una specie di Gerard Damiano/Alex De Renzy, un grande autore hard) nonchè Julianne Moore (che ho scoperto grazie a questo film). Oltre a essere un film sulla golden age della pornografia (e successivo declino) è un film sulla ricerca d’amore (il bisogno di Dirk di avere una figura paterna, l’istinto materno di Amber soppresso a causa della stupidità delle leggi…) Apprezzatissima Nina Hartley nel ruolo della moglie ninfomane del cornutissimo Bill (William H.Macy). Per me uno dei migliori film degli anni '90, e con un’ottima colonna sonora.

eh vabbè…ma di Heather Graham nella parte di roller vogliamo parlarne?

Nel condividere la frase di inquisimayer, mi autorispondo: troppi film da vedere…
Certo che un capolavoro come questo è un delitto averlo perso alla sua uscita ma lo è ancor più disdegnarlo nel tempo a seguire. Deve essere visto. E’ un film magistrale, che rasenta la perfezione assoluta in termini di tutto.
Come Altermayer debbo riconoscere l’ottima interpretazione di Reynolds, che non è mai stato uno dei miei attori preferiti.
La storia in sé, è un’epopea tragica e drammatica di un ragazzo che in fondo rappresenta un po’ tutti noi, immersi nelle frustrazioni quotidiane di una vita all’insegna della “routine”…
Bello il finale “ciclico”, che prelude a una rinascita… Ma noi non siamo l’araba fenice, e quando rinasciamo-se rinasciamo- lo facciamo in altri modi e forme… non si può mai tornare ad esser “quelli di prima”.

Capolavoro forse no (per me), ma è un film adorabile, che ho rivisto parecchie volte. Grandioso Don Cheadle coi capelli afro ed il suo progetto di un negozio super-stereo o come cavolo voleva chiamarlo… :smiley:

Com’è la situazione dvd/bluray? I neri sono intensi? :smiley: No scherzo, volevo sapere realmente se il dvd italiano è degno o no, se possibile…

Dopo questa richiesta, ti farei ingoiare il tuo topic “apparenza ecc.”, se fosse solido come un pezzo di carta :smiley:
Chiedi ad altri, io l’ho visto in un formato “etereo”.