Bridesmaids (P. Feig, 2011)


Me l’avevano consigliato ma l’avevo sempre snobbato perché non mi convinceva, poi ieri sera ho ceduto e l’ho visto.
Devo dire che il mio pregiudizio era completamente immotivato: è davvero un film divertente, ben scritto e con delle brave attrici (con una protagonista trascinante).
Si ride parecchio e spesso anche di cuore, c’è spazio anche per una fantastica gag volgare (uno squaraus collettivo davvero devastante), per una storia d’amore che non eccede nella melassa e per diverse gag che lasciano il segno (la ragazzina nella gioielleria, per esempio).

È la storia, tutta al femminile, di un matrimonio e dei suoi preparativi. Tutto molto semplice e collaudato, la factory che lo produce è la stessa di Super Bad e di 40 Years Old Virgin, che a me erano piaciuti molto, e continua nella stessa linea.

Un’altra delle cose buone del film è che dura oltre due ore eppure non ci si fa caso per niente. Volano via e non pesano affatto.

Se vi capita recuperatelo, merita.