Dodici Rintocchi Di Terrore (E. Alston, 1980)

Splendido slasher ricercatissimo in italiano, ma purtroppo ad oggi introvabile. Esiste in dvd/br estero e per chi ha problemi con le lingue ci sono degli ottimi sottotitoli. Un maniaco la notte di capodanno avvertirà la dj di una nota stazione radio che commetterà un omicidio ogni ora (1 per ogni dverso fuso orario americano) in diverse città americane. Ovviamente lei sarà tra le vittime designate.

Niente di originale, ma il film funziona perfettamente. C’è ovviamente la caccia all’assassino fatta dalla polizia tenendosi in contatto telfonico con lui tramite la dj, il rapporto che si viene ad instaurare tra i 2, il gioco psicologico che ne consegue.
Siamo nell’80 a capodanno, il film ci dà una panoramica sulla new wave con feste e band
Ci sono anche dei rimandi a Non si sevizia un paperino di Fulci e ovviamente l’immancabile twist finale. Che all’epoca era d’obbligo
L’assassino si scopre quasi subito, ma il film verte sulla tensione, la caccia all’uomo e le motivazioni del killer e tiene davvero parecchio
Memorabile poi una scena finale in ascensore
Da recuperare. Un must del genere

1 Mi Piace