Ekranoplan - Ground effect veichle dalla Russia

Gironzolando su Internet mi sono imbattuto negli Ekranoplan, probabilmente i più strani aerei/navi mai inventati dall’uomo:

http://www.moscowtopnews.com/?area=postView&id=886

Non delle navi, né dei veri e propri aerei, utilizzavano il "ground effect per alzarsi in volo sull’acqua e volare a 4 metri d’altezza, portando grossi carichi e pesanti armamenti, prevalentemente nel Mar Caspio. In qualche modo sono ovviamente imparentati con il mitico Spruce Goose di Hughes (per chi ha visto The Aviator):

Uno dei pochi ancora esistenti è abbandonato nella solita base navale russa:

Qui trovate 3 pagine di interessanti foto:

probabilmente rubate da questo sito, che ha anche approfonditi commenti…in russo:

Qui parlano di questi velivoli:

l’idea era di volare a 400 km/h a pochi metri dall’acqua e quindi al di sotto di ogni possibile radar, trasportando più di 100 tonnellate di carico.

1 Mi Piace

Non conoscevo questi acrocchi!
qua un paio di video con il bestione in azione:

http://www.youtube.com/v/_D8ewD6YX-0

http://www.youtube.com/v/MT7ewylPlAQ

Grazie!!! Certo che i russi erano imbattibili quando c’era da investire soldi in progetti inutili, vedi il Tuoplev 144 (Concordsky), usato per il trasporto postale da Mosca a Vladivostok, o il Buran, copia della Shuttle che adesso sta in un parco di divertimenti. Impressionante sto coso comunque, immagino che effetto potesse fare vederselo arrivare a pochi metri dall’acqua a quelle velocità. Se vai su englishrussia.com trovi un sacco di altra roba strana.

L;unico esemplare di questo mostro con le ali sta andando in malora in una base del Mar Caspio:

pare però che il progetto possa rinnovarsi:

1 Mi Piace

Eh sì, una curiosa commistione di veicoli, l’ecranoplano, un pò aereo, un pò idrovolante, un pò “aliscafo”, uno dei tanti esperimenti aeronautici che non hanno avuto un gran seguito. Ci tengo a precisare che però non ha niente da spartire con l’hercules di hughes, quest’ultimo era un aereo vero e proprio, idrovolante, che nell’unico test di volo effettuato riuscì a sollevarsi solo per pochi metri dall’acqua, tanto che molti detrattori tuttora ritengono che non abbia mai volato ma si sia sollevato solo per l’effetto suolo. Detiene comunque ancora oggi il record di apertura alare con circa 97 metri, una belva (dimensioni dettate dalla necessità/speranza di far volare un simile bestione con i motori dell’epoca).

Bellissimo ed esaustivo documentario sul Bertini Beriev:

2 Mi Piace