Il Morto

http://www.inkonline.info/?page_id=635

Ieri in edicola mi e’ caduto l’occhio sul numero 2 di questo fumetto. Mai sentito prima. Titolo macabro, “il nero a fumetti”, personaggio che sembra Kriminal dei poveri, nessun riferimento in copertina o quarta di copertina. Tutte le premesse per una cagata pazzesca c’erano, come potevo lasciarlo li’?

L’ho letto e vi diro’: disegni semplici, dialoghi pure, personaggi inespressivi, violenza e sesso minimi, sangue zero. Un dialogo erroneamente ripetuto in due diverse vignette consecutive. Il tutto, in una parola, e’ fiacco; presumo lo fosse anche il numero 1, dubito siano partiti col botto e si siano gia’ spenti col secondo numero. Pero’…un po’ di curiosita’ me l’ha messa: un minimo di mistero c’e’ e voglio sapere come continuera’ la storia.

Credo quindi che continuero’ masochisticamente a prenderlo, a meno di colpi di scena prevedo pero’ che non durera’ molto. :slight_smile:

Comprai il primo numero a Milano, veramente fiacchissimo e disegnato in maniera elementare (simile ai numeri nuovi di Diabolik). Oltretutto violenza e sesso (fattori che avrebbero potuto risollevare il fumetto) al livello zero meno. Peccato perchè adoro i fumetti neri e la nascita di un nuovo eroe negativo mi gasava alquanto. Dobbiamo tenerci- che tristezza!- l’ultra politically correct Diabolik. Rivoglio la Edifumetto!!!:frowning:

Esteticamente sembra così tanto Kriminal, che mi stupisce non sia ancora partita una signora causa legale di quelle belle pese…

Dubito che i dati sulle vendite siano tanto sostanziosi da invogliare Bunker a scucire le svanziche per una causa legale.

Non so perche’, ma ho appena ordinato i numeri 1 e 3, compresa l’edizione limitata di quest’ultimo.

beh perchè stai male chiaramente… :smiley:

Magari fra una decina d’anni sarà ricercato dai collezionisti, va’ a sapere… certe robe noir a fumetti degli anni 70 sono teribbbbili ma a Cartoomics le avevo viste in vendita a prezzi sostanziosi, data la rarità.

Strana coincidenza… non avevo letto il thread e ieri in edicola ho notato il primo numero di questo albetto e l’ho preso proprio facendo praticamente la stessa considerazione di Tuch :smiley:

Ho il primo e il secondo numero…
Un Kriminal rivisitato in chiave contemporanea. Non l’ho ancora letto però, non saprei dire se è interessante o meno…

Arrivati e letti tutti. Fondamentalmente il problema principale e’ che visivamente il tutto e’ impostato in modo tale da attirare i lettori del vecchio fumetto nero, quando in realta’ il Morto non e’ un cattivo e la storia non potra’ mai decollare in violenza ed efferatezza. E’ un semplice giallo sulle origini di questo personaggio di cui non sappiamo nulla.
Perlomeno nel terzo numero la qualita’ del disegno migliora un po’. Non si capisce perche’ ora il protagonista abbia i capelli lunghi quando prima era glabro. :rolleyes:

Avvistato oggi in edicola il numero 19…io pero’ non l’ho piu’ seguito.

Mi domando quanti lettori abbia, certe testate Bonelli son durate meno.

Boh…da una rapida ricerca, sembra sia tornato in edicola da poco, prima era disponibile su richiesta o si acquistava direttamente dal sito dell’editore.
Allo stato attuale pare che tutti i numeri si trovino senza problemi; una discreta voglia di riprenderlo mi e’ tornata, meglio che conto fino a 10 prima di pentirmene.

mah, io ho letto i primi 5 o 6 numeri (in formato cbr…) e mi aspettavo roba piu’ violenta, alla primi Kriminal e invece… Gia’ nel primo numero le note finali ci premono a chiarire che non c’e’ stato nessun morto ammazzato ma solo un castrato, un ustionato ecc… insomma, lasciano intendere subito dall’inizio le loro intenzioni PC.

Ce’ da dire pero’ che la trama mi ha un po’ intrigato, con la ricerca di questo Zaxan, il mistero dell’identita’ del Morto ecc… e il fatto che gli albi (almeno fino al 6) sono tutti in continuity.

I disegni non mi piacciono molto, troppo elaborati al computer anche se sicuramente siamo molto meglio rispetto ai vari rip off di Diabolik e ai numeri disegnati da cani di Kriminal. La location italiana non mi entusiasma molto, sara’ che sono prevenuto, o che i fumetti ambientati in Italia non mi hanno mai esaltato per via di mancanza di “esotismo metropolitano”. Poi ripeto, dal 7 al 19 non l’ho piu’ letto, quindi non so se sia peggiorato o migliorato (anche a livello di violenza) rispetto ai primi numeri.