Immagini che non vorremmo mai vedere!

dal sito www.repubblica.it

Pechino, blitz contro la pornografia

Operazione in grande stile a Pechino contro il dilagare della pornografia. In queste immagini della Reuters i preparativi per la distruzione del materiale sequestrato. Nel mirino ci sono soprattutto i dvd scaricati dai siti internet. Secondo i militari sarebbero circa 42 milioni i dvd da distruggere

A parte il “ben di dio” che hanno distrutto…:frowning: …ma perché intitolare il pezzo “blitz contro la pornografia”? che superficialità… a me sembra più un blitz contro la pirateria! e poi non mi sembra solo materiale scaricato da internet… nelle foto infatti, oltre ai porno, ci sono i cofanetti di c.s.i. (peraltro molto simili a quelli originali) e il dvd di “closer” :frowning:
Ma con quello che costano non potevano regalarle a noi tutte 'ste cose invece di inquinare gettandole in discarica? :smiley:

Qua mi sfugge qualcosa… non erano molto larghi nei confronti della pirateria? Forse sono poco informato io, ma in Cina ed ad Hong Kong i bootlegs si trovano alla luce del sole.

A quanto pare in Cina abbiano cambiato atteggiamento (almeno ufficialmente) nei confronti della pirateria.
Cmq il Corriere della sera ha affrontato l’argomento con meno superficialità… in pratica ha fatto una sorta di rettifica all’articolo de La Repubblica che avevo riportato io nel thread…
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2007/04_Aprile/14/cd_dvd_pirata_cina.shtml

Beh, che il “paradiso” per quanto riguarda i bootleg vada a finire [o perlomeno a moderarsi] è scontato, man mano che la Cina si “apre” ad occidente; non penso proprio che le grosse case di produzione staranno a guardar sfumare i guadagni…