Immagini evocative di cinema non reperibile (che poi si è reperito)

personalmente non c’è proprio stato flano, locandina, manifesto murale o speciale che non mi abbia fatto volare in cima all’himalaya con la testa (a dire il vero qualsiasi copertina o logo aveva questo potere su di me, che si trattasse di gialli mondadori, diabolik, terror e oltretomba, braccio di ferro, pubblicità progresso, segnaletica stradale, loghi dei partiti etc).
ho passato tutta l’infanzia e la preadolescenza a collezionarli e a rimirarli per ore, fantasticandone tra gli effluvi di varie colle i possibili contenuti, specie sgomitato e gasato dalle esagitate frasi di lancio, dai divieti in grassetto (con gli avverbi severamente e tassativamente a fare da sperone: in tal senso non violentate jennifer mi fece franare la diga dell’immaginazione), dai disclaimer più pazzeschi (morti e sepolti e paura nella città dei morti viventi vivamente sconsigliati ai cardiopatici, incubo sulla città contaminata sconsigliato alle persone facilmente impressionabili - per tacere dei menù di bizzarrie e atrocità con cui venivano resi appetibili i mondo, che garantivano di volta in volta il maccosa). impossibile dissociarli dai trailer, trasmessi in ogni dove a ogni orario, che oltre ad amplificare le proprie personali fantacazzole, concimavano il terreno delle ossessioni e scatenavano a centomila che quel che oggi chiamano hype.

tra le immagini che ebbero maggiore impatto su di me, ricordo quelle dei cineracconti di tv sorrisi&canzoni (col mitico finale stampato a testa in giù per evitare spoiler) poltergeist e tenebre su tutti, e alcuni speciali su il monello (fog e il tunnel dell’orrore).

a le facce della morte n.2, che pure non conteneva immagini (il flano che ritagliai dal corriere della sera era una macchia di sangue al cui interno c’era la lista dei tra-l’altro-vedrete), va senz’altro il premio per il disclaimer che più mi fece sognare in grande e a lungo: “la produzione e la direzione del locale declinano qualsiasi responsabilità per eventuali malori causati dalla visione del film” - e col senno di poi, effettivamente ci poteva stare.

altro valore aggiunto delle locandine, i loghi delle case di distribuzione, che mi facevano davvero perdere il senno e ancora oggi sbrodolo se vedo quelli d’antan (come la cidif e la film 2)

in un’ideale top five di quelli che mi hanno maggiormente ipnotizzato, ci metterei i seguenti:

fog.PNG

squartatoreny1

classe1984300

download (2)

Dolceeselvaggio

download

la locandina che invece trovavo più enigmatica di tutte, e che più mi ha fatto interrogare sulla trama, è stata questa (che il b/n rendeva ancora più imperscrutabile):

2 Mi Piace

Ho la sensazione che questo topic esista già… in ogni caso, aggiungo:

image

@schramm mi hai preceduto con Vigilante e Dolce e Selvaggio :smiley:

2 Mi Piace

PS: confondevomi con quest’altrettanto fresco topic di @King_Ghidorah analogo e altrettanto divertente, incentrato più sui poster in sé:



Mitiche Locandine Originali Introvabili, ormai…
…dei Primi 2 Mitici Polizziotteschi all’Italiana… :grinning:

1 Mi Piace

Anche con la musica mi succe(deva) la stessa cosa: immaginare chissà quali sonorità solamente guardando alla copertina. Certo volte è andata bene, altre volte ho comprato delle belle paccate! Perché quando vanno di moda certi temi, poi ti rendi conto che nel calderone ci si infilano tutti pur di vendere!

Al momento, ne ricordo sicuramente 2:


4 Mi Piace

Beh, se vogliamo aggiungere il cinema non reperibile (che poi NON si è reperito) riporto due delle mitiche foto di scena di Maldoror di Cavallone


Maldoror1

Mi hanno davvero fatto fantasticare!

3 Mi Piace

Mi hai fatto tornare in mente un’immagine evocativa tratta da un altro irreperibile : “Sortilegio” di Nardo Bonomi

1 Mi Piace

Bello vedere molti comuni denominatori, anche io come @Pizzafichi fui colpito da “L’ascensore” quella frase in italiano era terribile :smiley:

3 Mi Piace

fu il mio primo videonoleggio! una mezza delusione, ma per l’eccitazione lo rividi una mezza dozzina di volte!

2 Mi Piace

Mio padre mi portava una rivista dagli Usa, Video Review, le pubblicità mi ossessionavano…



3 Mi Piace

infatti qua andrebbe aperto un topic parallelo dedicato all’irrintracciabile: film annunciati e mai fatti, fatti e spariti, usciti e mai circuitati in home video o in tv, non ancora telecinemati etc. (…ok, topic spostato da @SWAT in 4…3…2…1…)

C’è già un topic aposito

che però riguarda solo progetti mai realizzati in italia. io invece sarei per allargare il campo internazionalmente anche, come sopra, a opere fatte e sparite, oppure fugacemente transitate in sala per poi sparire senza conoscere alcuna forma di resurrezione etc

@SWAT dovresti aggiungere queste foto:

1 Mi Piace


Trovo molto evocativa questa immagine trovata sul n. 221 di Nocturno a pagina 87. Ho cercato con Google Lens ma non ho trovato nulla. Mi dà l’impressione di un film “malato”. Qualcuno sa aiutarmi?

1 Mi Piace

La orca, oppure Oedipus orca, uno dei due!

2 Mi Piace

a me d’acchito ha invece ricordato la dolcissima dorothea

@SWAT , lo sai si che sta per partire un sotto-topic sulle nostre prime perturbanti prurigini visive?! :stuck_out_tongue:

1 Mi Piace

DAL WEB

3 Mi Piace

Grazie!

1 Mi Piace