Io Gilda - Andrea Bianchi, 1989


IMDB - Wikipedia
http://www.cinematografo.it/pls/cinematografo/consultazione.redirect?sch=26666

Regia Andrea Bianchi
Cast Pamela Prati, Valentine Demy, Gerardo Amato, Grace Vernon, Gino Concari

Apro questo thread per fare una domanda:
Non riesco ad identificare l’attrice nelle due immagini sotto, voi sapete chi è?

il dvd Minerva ha un fastidiosissimo fuori sincrono di qualche secondo che dura tutto il maledetto film, guardarlo è veramente un’impresa. Naturalmente, in nome dell’arte, l’ho fatto, però che cazzo! :mad:

Pamela Prati al top del top della forma qui; lei e la Demy sono sistematicamente nude, o tutt’al più ritratte un attimo prima di spogliarsi. Per quanto i dialoghi siano osceni e insomma, non si respiri il cinema di Kubrick in questi fotogrammi, devo dire che Bianchi non dirige in modo sciatto e meccanico. La fotografia non è male e, contestualizzando nel genere, alcuni momenti sono anche notevoli. Ad esempio: la corsa al rallentatore della Prati in un corridoio illuminato da lampi di luce naturale, mentre il suo seno balla allegramente negli occhi dello spettatore.

A pochissimi secondi dai titoli di testa, Bianchi piazza subito la patonza della Demy ben in vista, giusto per non equivocare sul tipo di film che stiamo per vedere. Nonostante tutta la profferta generosissima di nudità e amplessi muliebri però, mi pare evidente anche un sottotesto gay: a parte l’inguardabile Gino Concari, ossigenato manco fosse un incrocio tra Anna Oxa e David Bowie, c’è poi quella prolungata scena nella quale Gerardo Amato si sollazza in casa con due dei suoi sgherri e una biondina senza arte né parte. I due sono a petto di fuori (uno pare lo yeti - rivisto poi in una soap di Canale 5 tempo addietro, ma non chiedetemi il nome) e Amato indossa un vestaglina che avrebbe fatto rabbrividire Magnum P.I., senza contare che il gay c’è davvero e fa i suoi balletti al locale di striptease Notorius, gestito dalla Demy che è lesbica, la cui bombastica girlfriend è citata da Xtorm. Purtroppo non ne conosco il nome nemmeno io, ma rimane molto imrpessa per il suo “talento”. Giusti dice che il film ha numerose starlette prestate dal porno; ovviamente la stessa Demy, ma forse pure la sua amichetta potrebbe provenire da lì, ha il physique du role, diciamo…

Mi autorispondo.
Dovrebbe trattarsi di Simonetta Caro