Jeune et jolie - Giovane e bella (François Ozon, 2013)

===============================

Visto stasera l’ultimo film di Ozon, uscito nelle sale nostrane con un tempismo perfetto considerando il recente caso delle “baby squillo” di cui la tv ci sta fornendo dettagli su dettagli ogni giorno che passa.

Anche se la protagonista è alle soglie della maggiore età (ha 17 anni), quindi non può essere del tutto paragonata alle 14/15enni che imperversano sui tg, credo che molti di coloro che cianciano attraverso il (se mi concedete un’espressione vintage) “tubo catodico” farebbero bene ad andarsi a vedere subito questo film prima di parlare. Magari capirebbero meglio certi meccanismi della società moderna.

Ozon, pur non realizzando certo un capolavoro, ha il merito di guardare questa ragazza senza giudicare ma solamente, limitandosi ad osservarla e a mostrarcela nella sua vita di tutti i giorni, sia quella familiare che quella “doppia” con i clienti. Ma il tutto è mostrato senza morbosità o insistiti compiacimenti ginecologici (come accade invece nel film vincitore di Cannes anch’esso attualmente nelle nostre sale), così gli atti sessuali e le nudità restano del tutto funzionali al racconto.

Riguardo la recitazione… la protagonista appare un po’ legnosa, ma in realtà non si capisce benissimo se sia a causa di una reale incapacità recitativa o per la “freddezza” necessaria ad interpretare un personaggio “anaffettivo” come la Leà del film. Credo che lo potremmo scoprire del tutto solo “a posteriori” seguendo il prosieguo della sua carriera.

Bel film, anche se il finale con la Rampling mi ha lasciato indifferente. Parlo proprio a livello di scrittura, lei è bravissima ed è un piacere rivederla sullo schermo eh.

La protagonista è meravigliosa, e per fortuna si concede generosamente all’obiettivo.

Anche se la tematica era gia’ stata trattata in molte altre pellicole e’ un film che mi ha profondamente emozionato…stupende le attrici:rolleyes: