La caduta di Berlino - Padenie Berlina (Michail Ciaureli 1950)

Bel film sovietico di propaganda pro-Stalin, centrato ovviamente sull’arrivo dei russi a Berlino nel 1945 dopo 4 anni dall’invasione nazista del loro paese.

Lungo e diviso in 2 parti, racconta la storia di Aliosha, un operaio delle acciaierie che si innamora della bella Natasha. Poi arrivano i krukki kattivi, lei viene deportata e lui si arruola subito nell’Armata rossa.

Parallelamente alla loro vicenda, che resta comunque secondaria, si seguono gli sviluppi della guerra: vediamo Stalin, Hitler, Goebbels, Goring, persino Churchill e Roosevelt. Che parlano tutti russo tra l’altro, anche tra loro :smiley:

Hitler è dipinto come un pazzo isterico con la bava alla bocca, mentre Peppe Stalin è saggio, mite e benvoluto da tutti. A un certo punto c’è una stoccata al Vaticano che in un film italiano vedremo forse verso il 2090, ma non ci giurerei.

Divertente, gustoso e girato con fior di mezzi. Trasmesso dai canali Rai coi sottotitoli, non credo sia mai stato doppiato.

3 Mi Piace

Film di propaganda che usa attori-sosia dei personaggi storici, il più famoso dei quali è Mikhail Gelovani nel ruolo di Stalin.

Interessante vedere come fosse vista la guerra da parte dei sovietici.

Ovviamente essendo il film del 1949, c’era ancora Stalin al potere, Chruscev non aveva ancora svelato i crimini del dittatore russo.

Per cui Stalin è visto nel film quasi come un santo protettore del popolo sovietico sempre calmo nei piani di battaglia a differenza del nemico Hitler pazzo isterico ancora più esasperato di quanto già fosse nella realtà.

Interessante la figura di Goering che sembra tramare con gli inglesi(nel 1949 già c’era la guerra fredda e chiaramente i russi erano contro gli inglesi). Ovviamente si tace del patto Ribbentrop-Molotov del 1939 tra russi e tedeschi(2 anni prima dell’invasione tedesca con l’Operazione Barbarossa)

Girato molto bene comunque a colori con grande uso di forze armate

1 Mi Piace
1 Mi Piace