La profanazione (Tiziano Longo, 1974)


La profanazione

ma questo da dove sbuca???
reperibilità?

1 Mi Piace

“Un aitante medico ha una pronunciata simpatia per la bella suorina che lo aiuta nel suo lavoro in ospedale. Lei ricambia. Vanno a letto insieme. La ragazza chiede di esser sciolta dai voti per poter sposare il suo dottore. Ma i guai cominciano dopo le nozze. Lei è molto inibita. Il matrimonio si trascina fra musi e baruffe. Finché l’amore per il marito non persuaderà l’ex sorella a mettere da parte ogni remora.”

Ti sembra sia la stanza adatta (come tuo solito) dove postare tale titolo?

                                                 [RIGHT] 

[/RIGHT]

scusami non conoscendo il film mi son fidato di filmtv…
li la trama non c’era…

1 Mi Piace

C’è qualcuno che ha una copia di questo film? Sto scrivendo un libro su Anita Strindberg e cerco di trovare una copia, non importa se sia in italiano o in inglese. Se puoi aiutarmi, avrai il tuo nome accreditato nel libro (se vuoi)

Drammone borghese un po’ ingessato, interessante nella prima parte, stucchevole e didascalico nella seconda.
Primario di una clinica si invaghisce di una monaca alle sue dipendenze e la sposa; la ragazza però ha un approccio alla vita sessuale molto difficile e vive nel suo intimo un sacco di contraddizioni che la portano ad avere blocchi e complessi. Il marito, supponente, presuntuoso ed incapace di empatia, nella miglior tradizione del maschilismo anni '70 pensa bene di risolvere i problemi a suon di schiaffoni e violenze psicologiche. Finale triste.

La versione che ho visionato inizia con un cartello recitante “seconda edizione tv 1989”. Poiché nel film tutte le sequenze più “scabrose” vengono troncate bruscamente e solo verso il finale si vede qualche fugace scampolo di anatomia femminile, immagino che si tratti di una versione pesantemente tagliata.

Italiataglia infatti per quanto riguarda il rilascio del visto censura del 1974 riporta:
[…]Eseguiti i tagli si da atto che vengono eliminati mt. 14,90 di pellicola conformemente a quanto disposto dalla commissione, la quale esprime pertanto parere favorevole alla concessione del nullaosta di proiezione in pubblico con il divieto per i minori degli anni 18 per le continue scene erotiche e di nudi femminili

mentre per quanto riguarda la revisione del visto non sono indicati i tagli ma si scrive:
La 1a Sezione della Commissione di Revisione Cinematografica esaminato il film (…) esprime parere favorevole alla concessione del nullaosta di proiezione in pubblico senza limiti d’età e per l’esportazione.

Tutto sommato una visione sufficientemente interessante, anche se a tratti un po’ pesantuccia.

QUALCHE mese fa’ per i soliti motivi lavorativi ho conosciuto Laura Ambesi non ricordava nulla di questo film…

1 Mi Piace