La tua prima volta (Arduino Sacco, 1983)

Ho appena caricato sul mio canale YT i primi 5 minuti di questo film (uno dei pochi non hard) di Arduino Sacco.

Segnalo due curiosità legate al porno. L’aiuto regista è Mara Bronzoni, futura cineasta hard anche lei e all’interno del film compare un personaggio, tale Zio Spino, che altro non è che Luigi Soldati, fedele sodale del regista marchigiano, pure lui regista hardcore e attore in diversi altri film non hard.

Qui la sua scheda IMDB: Luigi Soldati - IMDb

A questo link invece i primi minuti del film, da vhs Video A: La tua prima volta (1983) Arduino Sacco / Open Credits and first 5 minutes / From Vhs - YouTube

3 Mi Piace

Opera che mi ha incuriosito sin da quando lessi la conversazione tra te e @A.N proprio sul ruolo di Soldati in questo film.

1 Mi Piace

Visto nel pomeriggio in compagnia di un amico (ciò che prima sembrava normale ora ha un valore così grande! Era un anno che non vedevo un film in compagnia di qualcuno che non fosse la mia zita!!!), uno dei vecchi sodali delle serate trash, di quando ancora si potevano fare… Nessun film avrebbe potuto essere più adatto per celebrare questa reunion!!!

Sacco faceva davvero un cinema naif, senza nessuna velleità autoriale, senza intenzone di rendere conto di nulla a nessuno, infischiandosene della grammatica cinematografica e della verosimiglianza della trama. Alterna alcune trovate visive interessanti a sequenze risibili o cmq ai limiti del ridicolo, i dialoghi sono poi ovviamente divertentissimi nella loro assurdità.

Elementi memorabili in ordine sparso: la protagonista che si chiama Brait (ma che cazzo di nome è?!?!) che si scrive proprio Brait, i ragazzi di “Radio Joint” che se fumano gli spinelli si svuotano di voglia di vivere, Brait che fuma con la madre e invece sperimentano effetti di incontenibile ilarità, lo spacciatore paranoico Zio Spino che va in giro vestito come il Divino Otelma, Marco che corre per chilometri attraversando tutta la città a velocità accelerata e che sorpassa le macchine mettendo la freccia con la mano, Brait che soffre di disturbi di personalità e 5 minuti prima vuole chiavare a tutti i costi con Marco e 5 minuti dopo addita Marco di essere un porco maiale che pensa solo al sesso (come tutti gli uomini) e 5 minuti dopo ancora cerca di rimorchiarsi tutti i maschi presenti in discoteca per farlo ingelosire, l’insistito uso di zoom aggressivi, inquadrature ingiustificate fini a sé stesse come la soggettiva di uno che camminando salta e fa una piroetta in volo, la gag del tavolino invisibile che insostenibile continua per un numero spropositato di minuti ma alla fine mi ha pure fatto ridere, e via così senza soluzione di continuità fino alla fine della pellicola.

D’altronde non poteva che essere una perla rara questa versione poveristica del tempo delle mele all’italiana, una delicata rivisitazione del tema della perdita della verginità vista con gli occhi di un incallito regista di film porno incline al pissing e all’animal… Un amante del cinema trash non può chiedere di meglio!

Segnalo @Bmw2002 (e a chiunque altro possa essere interessato) la presenza di una lunga sequenza nell’officina e nella pista di prova della Puma in cui si vedono in azione dei prototipi della Puma GTV-033

Chiudo riportando una magnifica recensione tratta da Paese Sera (trovata su cinematografo.it e quotata qui ad imperitura memoria):

Grazie a @Herr_Wolf per avermelo fatto conoscere!

3 Mi Piace

@Frank_n_Furter giuro che non ne avevo mai sentito parlare ma il mio termometro per il degrado è esploso quinsi stasera me lo cerco . Sento già di amarlo questo film.
Grazie della segnalazione :wink:

2 Mi Piace

Appena finito di vedere.

Il film mi ha lasciato basito per l’enorme quantità di carne al fuoco in prevalenza sul disagio giovanile vista in solo un ora e venti pur rimanendo architettato in maniera molto ma molto approssimativa.

Sulle ali della nostalgia gli appartenenti a una/due generazioni precedenti alla mia potranno rivivere quegli anni, quell’Italia, spariti.

Grazie ancora a @Frank_n_Furter per la segnalazione. Mi sono riletto la storia della Puma e delle KitCar (Tutto finito per colpa delle omologazioni del cazzo).
Una Puma GTV messa bene oggi può valere anche 25K. Non male.

Comunque ZioSpino è di un trash assurdo, Brait che cazzo di nome è come si fa una a chiamarsi Brait , Ciccio ha la voce di Michael J Fox. Gli amici e i clichè sono semplicemente deliranti.

Visione tutto sommato piacevole

2 Mi Piace

Il film è quasi un incontro ravvicinato del terzo tipo. Sacco girò con la stessa troupe dei suoi porno e di questo il film ne risente parecchio, avendo una fotografia sottoesposta in cui dominano inspiegabilmente i colori caldi come se i personaggi stessero recitando dentro ad un forno a 180 gradi. Avendo poi un budget piuttosto misero, le musiche (alcune già sentite nei suoi porno) sono piuttosto datate (1975-1979) per un periodo in cui spopolavano la italo disco e la musica elettronica (Sacco fa ballare agli sprovveduti protagonisti un twist anni 50 e brani strumentali totalmente inadatti!). Per il resto il film è quel che è, uscì per 2 giorni in 2 cinema romani, riscuotendo più che incassi l’ira degli spettatori truffati. Strappa un sorriso solo il buon Soldati…

2 Mi Piace