Mission: Impossible - Ghost Protocol (Brad Bird, 2011)

http://www.imdb.com/title/tt1229238/
http://www.cinematografo.it/pls/cinematografo/consultazione.redirect?sch=53437

Tom Cruise: “Acrobazie per stupire
ecco la mia missione possibile”

A Dubai il divo americano lancia Mission: Impossible - Protocollo Fantasma, quarto capitolo della serie, nelle nostre sale dal prossimo gennaio. E racconta: “A dirigerlo ho chiamato Brad Davis, un regista di cartoon, perché volevo eleganza, umanità e umorismo” dal nostro inviato ARIANNA FINOS

http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2011/12/08/news/tom_cruise_mission_impossible_4-26266056/

Grandi i giornalisti di Repubblica che invece di Brad Bird dicono Brad Davis (che era un attore ed è morto un sacco di anni fa)…

Che fave.

Cruise con lo Sceicco:

http://trovacinema.repubblica.it/multimedia/divi/cruise-a-dubai-con-lo-sceicco/31121667/1/1

Divertimento assoluto. Un meccanismo perfetto fatto, come promesso, anche di umanità, eleganza e umorismo. Per riuscita se la gioca con il primo della serie, più lineare dal punto di vista narrativo e con una qualità e novità di idee nelle scene d’azione che lascia stupiti (non rincoglioniti, come vogliono i dettami odierni dei cinematografari hollywoodiani). Come Sly, il buon Tom si mette in proprio e si prende la rivincita su chi lo voleva finito con una pellicola realizzata con le palle quadrate.

Visto al cinema, effettivamente Cruise si riprende alla grande e vince la scommessa, il film parte bene, molto alla MI 1, e poi e un rollercoaster che non si ferma fino alla fine, piu di 2 ore ma volano in un fiato, tra location eccezionali (su tutte l’Armani hotel al Burj Khalifa), facce giuste come Jeremy Renner, Josh Holloway (Sawyer) e Anil Kapoor, e l’ormai fedele Simon Pegg per una spruzzata d’umorismo; camei per Michelle Monaghan, Ving Rhames e Tom Wilkinson. Con 680 milioni di dollari incassati al momento (della serie, il film che ha incassato di piu), Cruise puo ben essere soddisfatto.

Visto di recente, ottimo proseguimento della saga. Non ha difetti particolari, ma lo colloco leggermente sotto al precedente episodio, che come ritmo era davvero incredibile. Hanno aggiunto un pò di umorismo alla “Skyfall”, alla Moore, poichè il trend attuale probabilmente lo richiede. Grandi locations, un Cruise decisamente in forma, Paula Patton superhot, Renner decisamente valido, idem Pegg. Peccato per la quasi assenza di Rhames, quello s’è sentito. Per il tema musicale, grazie Lalo Schifrin!!

Il BD è assolutamente perfetto, extra non ancora visti.