Okay sceriffo (Angio Zane 1964)

Con gente mai sentita prima.

http://www.archiviodelcinemaitaliano.it/index.php/scheda.html?codice=AG1486

Mediometraggio western assemblato dal documentarista Angio Zane con i suoi caroselli della Negroni, più (forse) qualche sequenza ripresa ex novo. Vhs Onda Video e dvd Hobby & Work.

Tra i cameramans :smiley: appare un certo John C. Littlewords. Che sia Parolini?

visto dalla vhs poco dopo natale. Dura arrivare alla fine. Puerile e banalotto si rivolge ovviamente ad un pubblico preadolescenziale , quello dei vari Rin tin tin per intenderci
Comunque simpatico e forse davvero il primo western italiano, come recita la didascalia iniziale

Vista la presenza di Diego Fiume accreditato come Diego River potrebbe benissimo essere.
Ma i titoli di testa sono stati rifatti in seguito perchè dai caratteri non sembrano molto anni Sessanta…

Non sono pochi i western italiani che precedono quello di Zane (almeno con riferimento alle date dei visti-censura), compresi i celebri IL SEGNO DEL COYOTE di Caiano, MASSACRO AL GRANDE CANYON e MINNESOTA CLAY di Corbucci, e persino (sempre attenendosi alle date del passaggio in censura) PER UN PUGNO DI DOLLARI di Leone.