Orgy of the dead (Apostolof 1965)

Orgy of the dead (Apostolof 1965)

Horror-sey-comedy sceneggiata da Ed Wood, basta questo per creare interesse attorno ad un filmetto altrimenti credo dimenticabile dai più
Una coppietta si imbatte di notte cimitero di notte (anzi, lo va proprio a cercare perchè lui è uno scrittore horror che cerca ispirazione) in cui dei mostri stanno compiendo i loro baccanali. Finiranno ovviamente nelle grinfie delle terribili creature
Siamo dalle parti dell’incredibile. I mostri sembrano usciti dal telefilm The Munsters, il vampiro (ovviamente che tiene le redini dei giochi) e la sua bella regina della notte, ovviamente la solita vampira in stile Lily Munster, coadiuvati dai loro sgherri, la mummia e il licantropo, ridotti a ridicole macchiette che ogni tanto appaiono in siparietti comici (che non fanno ridere) e ricordano un po’ dei gianni e pinotto sfigati
I baccanali dei nostri mostri consistono nel risvegliare le anime di belle figliole che si daranno ognuna a lunghissime danze quasi completamente svestite.
La parte sexy si esaurisce quindi in balletti di belle figliole in topless, ognuno della durata di svariati minuti
Il tutto si svolge in unica location e la storia praticamente non esiste. ll trucco del licantropo è ovviamente risibile, unica nota positiva la bellezza dei colori, delle luci, siamo davvero in un fumetto anni 60, ma è davvero troppo poco
Anche i dialoghi sono molto elementari e ridotti all’osso. Dopo poco il film si guarda in stato catatonico

1 Mi Piace