The People vs. Larry Flynt - Larry Flynt - Oltre lo scandalo (Milos Forman, 1996)

Titolo italiano: Larry Flynt - Oltre lo scandalo
Con Woody Harrelson, Courtney Love, Edward Norton, Brett Harrelson, James Cromwell, Crispin Glover, Richard Paul


Link ImDb

Bio-pic sul famoso pornografo, ben interpretato da W.Harrelson. Anche la sua donna, Althea, è resa bene da C.Love, evidentemente a suo agio nei panni di una tossica malata di aids; certo ad inizio film è ben poco credibile come minorenne, ma poco importa.

Il film comunque è convenzionale, poco interessante, strutturato come ogni altra biografia vista al cinema. Inizi, ascesa, caduta eccetera. I primi tre quarti d’ora reggono bene, poi diventa noiosetto.

Il ruolo del fratello di Larry, Jimmy (interpretato dal vero fratello di Woody Harrelson) è quasi ridicolo, un coglionazzo di cui non si capisce bene l’utilità nell’economia della storia.

Mi sembra molto più interessante la storia del vero Larry Flynt, personaggio dalle diverse sfaccettature, oggi 72enne.

Personalmente, visto recentemente, mi è piaciuto, anche perchè conoscevo pochissimo di questo personaggio e l’ho trovato molto accurato nella descrizione dei fatti e pure come recitazione di un ottimo cast, ovviamente è un parere personale e, devo dire che quando usci’ in sala e poi in vhs non lo avevo visto perchè assolutamente mi sembrava noioso mentre l’ho trovato meno peggiore di quel che mi aspettassi! :oops:

//youtu.be/byueNcr92ZE

Visto svariate volte, non sono assolutamente d’accordo col commento di Renato, a mio avviso Forman realizza una biografia sì, ma è più che altro un film politico sulla libertà di stampa,asciutto, rigoroso e preciso come certi film anni 70, vedi Tutti gli uomini del presidente. Grandioso Harrison, ma ancora di più Edward Norton nella parte di Alan Isaacman, l’avvocato che lo difese con successo, e grazie a quel caso ora vive a Beverly Hills.

I am not trying to suggest that you should like what Larry Flynt does. I don’t like what Larry Flynt does, but what I do like is the fact that I live in a country where you and I can make that decision for ourselves. I like the fact that I live in a country where I can pick up Hustler magazine and read it, or throw it in the garbage can if that’s where I think it belongs.