Una donna da guardare (Michele Quaglieri, 1990)

Mi capitò di vederlo una notte su una emittente privata (AB Channel) e ricordo di una schifezza immonda e da denuncia per aver oltraggiato il cinema in generale. Ricordo che provai tenerezza per Ardisson, un attore che fece veramente dei bei film, nel vederlo in una porcheria del genere, su Vestri non mi esprimo perché non mi è mai piaciuto e poi vederlo nel ruolo di tombeur des femmes fa scompisciare dalle risate (si ride per non piangere). Neanche la bellezza fisica della Prati riesce a sollevare questa schifezza dall’orrore che si prova guardandolo. Leggendo il discorso sulla presunta regia mi vien da dire che sarebbe stato meglio che nessuno lo avesse firmato, giusto per non fare brutte figure

1 Mi Piace