Vite strozzate (R. Tognazzi, 1996)

Mercoledì 24 gennaio Rai 1 alle 2:40

In dvd per la Cecchi Gori, qui a 9,90:

http://www.dvd-store.it/Cerca.asp

Zingaretti e la Sastri su tutti

Un Gran Bel Film e mi pare di ricordare anche una splendida colonna sonora di Ennio Morricone.
Peccato che Tognazzi non abbia continuato a fare certi film…

Un bel noir travestito da film “di denuncia”, con uno dei gaglioffi più memorabili del filone.

Memorabili Zingaretti e una insolita(e spogliata!)Sastri.Bravo pure Memphis,e bona assai la Ferilli.Insipido l’altre volte grande Vincent Lindon,mentre Francesco Venditti era da prendere a calci…L’ultimo VERO film di Tognazzi jr.

Rivisto ieri dopo parecchi anni dal dvd CG.
Il film rimane sempre valido, come ha giustamente detto Corrado è un vero e proprio noir con una specie di maschera di film di denuncia che alla fine si rivela essere molto più fragile di quanto si potesse pensare.
Tognazzi e la Izzo, però, nel commentary parlano del film enfatizzando un po’ troppo questo aspetto di critica sociale.
Il film comunque funziona, Zingaretti e Ricky Memphis sono due ottimi villain e Lindon (ottimamente doppiato dal bravo Claudio Sorrentino) è bravo e in parte.
La Ferilli è abbastanza innocua mentre Venditti ce la mette tutta ma proprio non ce la fa.
Il master del dvd non è propriamente uno splendore ma la cosa per me più grave è il formato cinematografico non rispettato.
Il master del dvd è 1.85:1 ma ci sono troppi tagli sospetti nelle inquadrature e alcuni sono così clamorosi che fanno capire che il film è in realtà in cinemascope.

e’ un buon film, Zingaretti riesce a mostrarsi al meglio…Ricky Memphis è davvero forte nel suo ruolo,con il suo tipico romanaccio…

Mi piace il tema trattato e dispiace pure a me che Tognazzi junior non abbia fatto più film così, non era al top con questo genere,ma sapeva dare un buon tocco di denuncia

Su Infinity c’è il film in HD e con un master finalmente nel corretto formato 2.35:1

Per me è davvero un buon film poco considerato.
Non ricordavo così bella la colonna sonora di Morricone che si autocita con gran gusto da alcuni dei suoi episodi migliori (“Indagine” in primis).

Bel film anche per me, che ho riguardato molto volentieri. Quando Zingaretti & Memphis avevano in mano sceneggiature in cui potersi scatenare (l’altro film è “il branco”). Altro che Montalbano e Distretto di polizia (d’altra parte, devono mangiare pure loro).

Ma pure la Ferilli non se la cava male. Sicuramente le ha giovato un ruolo in cui alla donna non viene chiesto di fare solamente la bella statuina. La Sastri vabbè, poche scene ma altra caratura. Sempre un piacere.
Lindon credo ci sia per via della coproduzione con la Francia ma è bravo anche lui (certo molto fa il doppiaggio del grande Sorrentino).

Per la rubrica

Gay Oggi

Fondoschiena di Zingaretti da instant icona del movimento.